Rog Strix Scope: la tastiera definitiva per gli FPS

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Oggi è un giorno importante, inauguriamo una nuova rubrica tech e lo facciamo con la recensione di un prodotto molto interessante. Stiamo parlando della tastiera meccanica Asus Rog Strix Scope, che è creata per gli amanti degli FPS. Il prodotto ha molte caratteristiche interessanti, e porta delle novità in un mondo (quello delle tastiere) che difficilmente vede delle innovazioni.

Asus Rog Strix: una tastiera che sorprende

Design, estetica e materiali

Quando tirerete fuori la tastiera dalla scatola, noterete subito che il suo design è molto sobrio e pulito. Da spenta, infatti, non è molto appariscente ed il suo plate superiore in alluminio le dona un look ed un feeling decisamente premium. Nella parte inferiore troviamo della plastica dura, che non scricchiola e da una forte sensazione di solidità al prodotto. I keycaps sono fatti con il solito ABS, ma al tatto risultano molto gradevoli e morbidi. Non sono presenti delle connessioni passthrough, vista la mancanza di altre porte USB sul corpo della tastiera.

Una volta accesa, l’illuminazione RGB Aura fa la sua figura, grazie soprattutto alle infinite possibilità di personalizzazione accessibili direttamente dalla tastiera o dal software Armoury Crate di cui parleremo in seguito. In confezione sono inclusi dei keycaps argentati per il WASD, che permettono di riconoscere i tasti molto più facilmente.

 

Portabilità

La Scope è una tastiera full-size (ha il tastierino numerico), perciò non è molto compatta come altri prodotti della concorrenza. Le sue cornici quasi assenti aiutano a contenere la dimensioni che, in profondità, sono piuttosto ridotte. Nonostante Asus abbia lavorato bene per ottimizzare gli spazi, non si può dire che la tastiera sia facile da trasportare. Le dimensioni di  440 x 137 x 39 mm ed il peso di circa 1070 gr le forniscono un ingombro non esagerato ma comunque evidente.

Tutte queste caratteristiche la rendono assolutamente immobile quando è poggiata su un piano. Il discorso cambia quando si sollevano i piedini, che le fanno perdere un po’ di grip. L’impossibilità di staccare il cavo USB intrecciato (di ottima fattura anche questo) rendono quasi impossibile il trasporto in uno zaino, o in qualsiasi altra custodia.

Tasti e funzionalità nuove

La Rog Strix Scope introduce delle chicche interessanti e, a causa delle ottimizzazioni degli spazi, non ha dei tasti multimediali dedicati. A questa mancanza sopperisce il tasto FN che, combinato con i tasti da F5F11, vi permette comunque di controllare musica, video etc. Una chicca che troviamo sulla Scope è sicuramente la Stealth Mode. Premendo F12, infatti, tutto ciò che avete su schermo verrà immediatamente nascosto, e tutti i suoni saranno mutati.

Un’altra novità introdotta da questa tastiera è il tasto CTRL di dimensione doppie rispetto al normale. A questo punto vi starete chiedendo: ma a cosa serve concretamente? Negli FPS il CTRL è solitamente usato per abbassarsi, per far perdere ogni punto di riferimento al nemico. I giocatori più esperti lo utilizzano spesso e volentieri per vincere gli scontri più ravvicinati. Queste dimensioni maggiorate aiutano molto, visto che si riesce a trovare molto facilmente con il mignolo. Inoltre il tasto di windows è stato notevolmente ridotto, per evitare di premerlo per sbaglio durante le partite.

Switch Cherry MX

La Rog Strix Scope è equipaggiata con i famosissimi switch Cherry MX, molto popolari tra i videogiocatori per la loro risposta rapida e precisa. Purtroppo, in Italia, la tastiera è disponibile solo con gli switch Red che sono quelli più usati in ambito gaming. Gli switch sono molto sensibili e non necessitano di una forte pressione per la risposta, data l’assenza del click fisico e la loro linearità.

 

Prestazioni in game

Partiamo da un presupposto importante: gli FPS non sono il mio genere preferito. Questa Scope è nata proprio per quel genere di giochi, perciò i test che ho effettuato sono stati condotti sui titoli del momento ovvero: Apex LegendsFortnite. Nonostante la mia inesperienza negli sparatutto, ho potuto constatare che il CTRL più grande mi ha salvato la vita in più occasioni. Il tasto è molto semplice da trovare e, anche se non lo premete con forza, lui risponderà immediatamente.

Non contento di queste prove effettuate sul suo terreno di gioco, l’ho portata anche su League Of Legends. Sebbene non con la stessa rilevanza di un FPS, anche su LOL questa Rog Strix Scope è riuscita a stupirmi. La reattività degli switch Cherry MX fa la differenza anche sui MOBA, rendendo le rotazioni delle spell molto più fluide e veloci.

Prestazioni in uso office

Se siete amanti del rumore prodotto dagli switch meccanici, questa tastiera risulterà piacevole anche in fase di scrittura. Indubbiamente il suono dei tasti è forte, ma non è invadente quanto quelle di altre tastiere che ho provato. Se scrivete molto velocemente il rumore sarà molto più forte, perciò l’utilizzo office non è decisamente il suo forte anche se si difende bene quando la chiamate in causa.

Armoury crate

A condire tutta l’esperienza di questa periferica, abbiamo il software Armoury Crate che gestisce tutte le personalizzazioni, dall’illuminazione alle macro. La Scope può memorizzare fino a cinque profili, grazie alla sua memoria on board e potrete crearne uno per ogni gioco a cui giocate. Inoltre potrete gestire e programmare tutte le macro di cui avrete bisogno nelle sessioni di gaming, comandandole direttamente dalla tastiera grazie alla combinazione del tasto FN ed Alt Gr.

Prezzo e conclusioni

Attualmente il prezzo della Rog Strix Scope si aggira attorno ai 144€ su Amazon, grazie alla settimana di offerte dedicate al gaming. Di base la tastiera viene a costare circa 160€, che è un cifra indubbiamente elevata per una periferica che non ha nemmeno il poggiapolsi in bundle. Non è un oggetto accessibile a tutti e, soprattutto, è destinata a chi vuole veramente giocare ad un livello molto alto su titoli FPS. Nel corso della nostra esperienza ci ha convinti molto, la qualità è altissima e le funzioni nuove introdotte da Asus la rendono unica a suo modo.

La consigliamo a chi cerca una tastiera dedicata agli shooter, a chi non ha bisogno di muovere spesso la periferica viste le sue dimensioni ed il suo peso che, pur non essendo eccessive, non la rendono il massimo della portabilità. E’ sicuramente un investimento importante, ma se siete amanti degli FPS questa è la tastiera che fa per voi.

VOTO: 8

Ringraziamo Asus per averci inviato un esemplare da provare per scrivere questa recensione. Vi lasciamo il link di Amazon per poterla acquistare ora che è in offerta.

Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701