Una chiacchierata con Pob, uno degli organizzatori della super league italiana di LOR

Una chiacchierata con Pob, uno degli organizzatori della super league italiana di LOR

Profilo di Victor
 WhatsApp

Benvenuti gentili lettori, oggi ho fatto Una chiacchierata con Pob, uno degli organizzatori della Super League italiana di LOR. Mi sono trovato davanti una persona che mi ha trasmesso una grande voglia di fare e di impegnarsi per questo esport, e la cosa mi ha reso molto felice. Ho colto quindi l’occasione per porgli qualche domanda riguardo al torneo e a LOR più in generale.

Vi lascerò quindi qua sotto l’intervista integrale, la quale è estremamente ricca di contenuti. Consiglio a tutti voi di leggerla, in quanto potreste scoprire diversi retroscena e punti di vista che non vi aspettavate. Vi ricordo, infine, che sono aperte le iscrizioni per il secondo qualifier. Cliccate qui per leggere l’articolo a riguardo.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli potete seguirmi su facebook o instagram.

Se volete fare qualche partita troverete sicuramente qualcuno sul server discord, mentre, se volete pubblicare dei post, c’è il gruppo facebook.

Una chiacchierata con Pob, uno degli organizzatori della super league italiana di LOR

Come al solito metterò le mie domande in grassetto, così da renderle facilmente distinguibili dalle risposte.

Benvenuto Pob, è un piacere averti qui. Anzitutto ti faccio i miei complimenti per quello che siete riusciti ad organizzare. Devo ammettere di essere molto curioso a riguardo, quindi ti chiedo: com’è stato organizzare un torneo di questo calibro?

Allora, guarda, per una persona come me, che non è per nulla paziente, è stato veramente frustrante, ma sotto una buona luce. Perché mi ha aiutato a capire che le cose hanno bisogno dei loro tempi, e che non c’è bisogno di correre.

Perché, per provare a fare tutto al meglio, considerato che Runeterra ha subito una grandissima evoluzione nell’arco dell’ultimo anno, rimanere al passo con Riot è stato abbastanza difficile. Tra patch che venivano allungate, tempi riorganizzati per eventi di Riot come seasonal e mondiale, road map sempre diverse, dovevamo sempre star lì ad aspettare e piazzare le cose nel momento giusto.

Tutto ciò non solo per non coincidere con gli eventi di riot ma anche per non creare troppi fastidi ai player. Anche perché la scena competitiva è abbastanza aperta. Quindi tutti i player che decidono di partecipare alla Super League sicuramente parteciperanno anche a tutti gli altri eventi Riot, che sia il provare a scalare per qualificarsi agli europei, che sia la qualifica per il seasonal.

Per esempio, proprio per rispettare la roadmap, i player adesso sono 6, quando all’inizio erano in programma 8 player. Questa cosa partirà dalla prossima stagione per agevolare i player, non creare casini e non piazzarci in settimane dove ci sono altri eventi o non mettere partite a cavallo fra le patch di bilanciamento.

Alla fine è stata un’organizzazione quasi preoccupata, noi ci siamo trovati spesso a dover cambiare date, anche quando eravamo lì lì per annunciare. Quando è uscita l’ultima roadmap, che è uscita con un po’ di ritardo, abbiamo dovuto cambiare tutto.

Pensa che la settimana del 30 avevamo piazzato il terzo qualifier. Ma, essendo la settimana della patch, ed essendo le patch grosse, più rare ma grosse, probabilmente una settimana non basta per inquadrare il meta e quindi l’abbiamo posticipato.

Risposta davvero molto interessante, ma allora, a questo punto vorrei chiederti: cosa ti ha dato maggiore soddisfazione in questo qualifier?

Io ti dico, in verità, proprio il momento in cui è stato lanciato ero abbastanza negativo. Non mi aspettavo di trovare 60 persone interessate a partecipare e non mi aspettavo che fossero tutte così collaborative. Tutti i player hanno collaborato con noi organizzatori, sono stati tutti puliti, nessuno si è fatto il problema di fare domande a noi se c’erano dubbi.

Quindi cosa mi ha dato maggiore soddisfazione? I Player. Sono rimasto colpito, anche perché, spesso, ho visto momenti difficili nella community e i giochi di carte mi preoccupano sempre tanto. Mi preoccupano sempre tanto perché non puoi seguire ogni game. Ti dico, per esperienza che c’è sempre qualcuno che prova a fare un po’ il furbetto.

Questa cosa mi preoccupava, e invece sono rimasto colpito in modo positivo. Tutti collaborativi e, hanno capito tutti, che siamo sulla stessa barca. Se qualcuno fa qualcosa di sbagliato penalizza prima di tutto se stesso.

Un’altra cosa che per me non è scontata. Ho notato che i giocatori si sono impegnati proprio tanto. Exonarf ha testato tantissimo, ha provato tutti i match up, ha provato la sua line up in tutti i modi possibili. E non mi aspettavo tutto questo impegno che mi ha colpito in modo positivo e mi sta stimolando tanto. Mi sta stimolando veramente un casino perché, se loro ci mettono il massimo, allora lo devo mettere anch’io.

Sono molto contento di questa cosa, meno male che la gente sta prendendo queste competizioni seriamente. A questo punto passo alla terza domanda: hai già notato qualcosa che non ti piace o che vorresti cambiare?

Non qualcosa che non mi piace, ma qualcosa che vorrei continuare a migliorare. Ed è l’intrattenimento che sta dietro il torneo, perché, per me, il casting del torneo, fa tantissimo. Perché comunque i tornei devono essere anche una grandissima fonte di intrattenimento e coinvolgimento e vorrei renderlo sempre più spettacolare.

Vorrei dare alle persone che ci guardano un motivo per esserci anche nel momento in cui il gioco, in un periodo, non gli dovesse interessare. Perché capita, perché i giochi sono giochi. Arrivano momenti nella propria vita in cui bisogna dare priorità ad altro.

Io voglio far si che questi tornei siano anche un porto sicuro, per far rilassare le persone che guardano. Certo, questa cosa, se fatta bene, può portare anche altra utenza, ma voglio impegnarmi affinché, le persone che stanno guardando il torneo non lo guardino perché LOR è il loro gioco preferito o perché gli dedicano tanta attenzione. Ma vorrei che venissero lì perché stanno bene.

Questa è secondo me la cosa più difficile, far sentire la gente a proprio agio da spettatore. Perché, se stanno bene, indipendente da quello che sta a schermo, allora apprezzeranno ancora di più quello che hanno davanti agli occhi. In sostanza vorrei che si arrivasse a guardare il torneo perché si sta bene nel farlo.

Mi piace molto quest’ultima affermazione, mi auguro che ce la facciate perché è un bellissimo spunto. E c’è qualcos’altro che vorresti aggiungere riguardo all’evento a a LOR in generale?

Guarda, ti dirò, voglio prendermi un secondo, per parlare del meta. Io sono dell’idea che attualmente la ladder di LOR non sia messa bene e che giocare sia pesante. E nonostante ciò, sono rimasto contento nel vedere, in questo torneo, mazzi che in ladder non si dovrebbero mai giocare, avere il loro spazio, magari piazzati nella line up giusta.

Cioè, Exo ha vinto con Kindred Vi, 2 champ morti, in una lista morta di pezzi che non esistono. Eppure riempie quel buco per quei match up che quei mazzi non riescono a gestire. E visto che exo lo sa giocare ha vinto buona parte delle partite con quel mazzo. E questo mi fa capire quanto sia differente la ladder dai tornei.

E vedere una così grande varietà mi fa capire che LOR è un gioco bello. E tutto ciò mi fa sperare veramente bene. Cioè, se domani mi dicessero “Le rank più importanti si fanno in BO3” sarei contentissimo. Certo, dovrebbero creare un sistema, ma se dicessero che si accede a un torneo X col formato BO3 penso che LOR avrebbe fatto un salto enorme.

Sarebbe molto bella una rank con il BO3. Comunque è stato un piacere e sono state 4 risposte molto belle. Mi trovi d’accordo su praticamente tutto. Mi auguro che, questo torneo vada molto bene e spero che ci saranno delle successive stagioni.

Warzone 2: per il Doc non è nient’altro che l’inizio del lento declino di Call of Duty

Warzone 2: per il Doc non è nient’altro che l’inizio del lento declino di Call of Duty

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Call of Duty Warzone 2: Mentre mostrava in diretta streaming le novità della Stagione 4 di Warzone, tra cui anche la nuova mappa Fortune’s Keep, Guy Beahm a.k.a. Dr Disrespect ne ha approfittato per dire la sua su Warzone 2.

Sebbene infatti il 2022 di Call of Duty fosse stato annunciato come una rinascita del franchise, che con l’uscita di MW2 e WZ2 dovrebbe tornare ad attirare un bel po’ di attenzioni, esiste una fetta di giocatori molto scettici.

Tra questi ovviamente anche il Two-Times, che in queste settimane ha più volte criticato gli entusiasti, consigliando di tenersi coi piedi a terra, viste le difficoltà che i giochi hanno vissuto negli ultimi mesi.

Successo di Warzone 2 non assicurato per Call of Duty, lo dice anche Dr Disrespect

Secondo la previsione del Doc, la reazione iniziale al rilascio di Warzone 2 sarà veramente esplosiva, ma si rivelerà entro pochissimo tempo un fuoco di paglia.

“Riesco a prevedere un po’ di clamore iniziale, ma niente come il primissimo Warzone e la cara vecchia originale Verdansk. Non ci posso fare nulla, per me non sarà così. Penso che quello che stiamo vedendo sia il lento declino di questo gioco.”

Un problema che secondo il Doc nascerebbe dal mancato sviluppo di un nuovo motore grafico e dalla generale mancanza di longevità del gioco nel lungo periodo. Due fattori che starebbero segnando la fine, almeno secondo il Doc, di uno dei titoli più conosciuti della storia.

Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli correlati:

Horizon Zero Dawn su Netflix, si chiamerà Horizon 2074 e verrà girato in Canada (e si sa anche il cast)

Horizon Zero Dawn su Netflix, si chiamerà Horizon 2074 e verrà girato in Canada (e si sa anche il cast)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Horizon 2074 Netflix – Quando si parla dei più grandi successi a livello videoludico dell’ultimo decennio, risulta molto difficile non menzionare Horizon Zero Dawn, rivoluzionario titolo ambientato in un mondo post-apocalittico con caratteri estremamente moderni.

Horizon Zero Dawn nel 2017 e poi Horizon Forbidden West durante l’inizio di quest’anno hanno evidentemente attirato l’attenzione anche dei colossi dello streaming, fino all’annuncio da parte di Sony nel maggio scorso, dell’inizio dei lavori di produzione di una serie-tv dedicata.

Negli ultimi due mesi non abbaimo ricevuto grandi informazioni in merito, ma il noto insider Netflix Jeff Grubb potrebbe avere scoperto una vera e propria esclusiva.

Horizon 2074 su Netflix, tutte le informazioni in anteprima

Secondo quanto riportato da Grubb, la cui fonte è il sito web della Director’s Guild of Canada Ontario, il nome del programma televisivo sarà Horizon 2074 e conterrà due linee temporali.

Considerato che il nome dello spettacolo implica una data, è molto probabile che una di queste linee temporali si svolgerà nell’anno 2074, quello che possiamo presumere esser l’anno della caduta dell’umanità.

horizon 2074 netflix

L’altra linea temporale, al contrario, potrebbe aver luogo nell’era dei giochi Horizon Zero Dawn Forbidden West, mostrandoci i risultati, alcune centinaia di anni, della la caduta del mondo per come lo conoscevamo.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Battlegrounds SURVIVAL: la prima tappa va a Budilicious. Già aperte le iscrizioni per la seconda!

Battlegrounds SURVIVAL: la prima tappa va a Budilicious. Già aperte le iscrizioni per la seconda!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Dopo il torneo di test dedicato allo Standard di Hearthstone, i colleghi di ReadyCheck hanno deciso di aprire un piccolo circuito competitivo questa volta dedicato alla modalità Battaglia, organizzando il Battlegrounds SURVIVAL.

Il circuito consiste in due tappe ad iscrizione gratuita ed aperta a tutti (con anche un montepremi in palio) ed i migliori 16 delle due tappe accederanno di diritto alla finale del torneo, con un montepremi ancora maggiore.

La prima tappa si è svolta lunedì 27 ed ha visto coinvolti molti giocatori italiani, tra cui il noto, quanto forte giocatore di BG, Budilicious. Il torneo prevedeva una Bo1 tranne che in finale dove i giocatori si dovevano affrontare in una B03 (stessa cosa per la finale 3°/4° posto).

Detto ciò, Budi ha fatto un filotto invidiabile non perdendo un match neanche in finale, dove ha battuto Kremitas con un secco 2-0, mentre si classifica terzo ShadowGod97 che ha battuto con lo stesso risultato Fante. Ma vediamo subito la Top 8 della tappa che si qualifica di diritto alla prossima fase, quella finale.

Top 8 Battlegrounds SURVIVAL Tappa 1

  • Budilicious
  • Kremitas
  • ShadowGod97
  • Fante
  • Ubarthad
  • Xaizer
  • Rggsmn
  • Disi

Nel mentre vi segnaliamo che già sono aperte le iscrizioni per la seconda tappa che si svolgerà domani sera (QUI per l’iscrizione), sempre alle 19 e che avverrà nelle stesse modalità della prima tappa.

Facciamo ancora una volta i complimenti ai colleghi di ReadyCheck per il lavoro svolto durante il torneo, questa volta nonostante l’aggiornamento del gioco arrivato nel bel mezzo del torneo che ha rallentato lo sviluppo della competizione, ma che di certo non l’ha fermata (grazie all’intervento degli admin).

Che ne pensate di questo ulteriore torneo?

Articoli Correlati: