Quali armi usare nel post patch di Warzone? Eccone due che saranno sicuramente LETALI

Quali armi usare nel post patch di Warzone? Eccone due che saranno sicuramente LETALI

Profilo di Stak
 WhatsApp

A poche ore di distanza dal rilascio della nuova patch di Warzone, è tempo di fare le prime valutazioni sul “post” e su quello che accadrà a breve nel rinnovato meta delle armi.

In tal senso, pur essendo ancora molto presto per fare valutazioni specifiche, siamo abbastanza sicuri che almeno due armi vivranno prossimamente un periodo molto “felice” in BR e Ritorno, e stiamo parlando in entrambi i casi di mitragliatori utili a media e lunga distanza.

Stiamo ovviamente parlando dell’Holger 26 e del Bruen MK9 (ma anche l’MCW andrà tenuto sotto controllo), armi entrambe caratterizzata da una portentosa carica di modifiche positive che dovrebbero renderle più precise, più facili da usare, e decisamente più forti in quanto a danni rispetto a prima.

Come spiegato anche nello speciale dedicato (che troverete qui), il Bruen registra un generale buff di tutti i danni, a cui si aggiungono anche delle modifiche che lo  renderanno molto più “veloce” rispetto a prima.

Quali sono i loadout migliori per le armi del post patch di Warzone? 

Andiamo a vedere quali sono le versioni al momento consigliate, ricordandovi che nelle prossime ore procederemo con la pubblicazione di altri speciali dedicati alle nuove armi top del meta.

armi long range warzone Bruen MK9 (post patch) consigliato da Metaphor
armi long range warzone Holger 26 (post patch) consigliato da IceManIsaac

Oltre a queste, anche l’Holger 556, l’MCW ed il Sidewinder necessiterebbero di uno speciale dedicato, su cui ci soffermeremo prossimamente. Nel caso vi servissero delle “basi” da cui partire, possiamo comunque consigliare i seguenti loadout:

armi long range warzone MCW top loadout consigliato da Booya
armi long range warzone Sidewinder consigliato da Metaphor (post buff)

Cosa ne pensate di queste versioni community? Avreste altri loadout da consigliare per gli altri player? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo ufficiale: la discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Il prossimo Call of Duty Black Ops avrà una vita di 4 anni

Il prossimo Call of Duty Black Ops avrà una vita di 4 anni

Profilo di Stak
22/04/2024 19:51 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Black Ops Gulf War – Stando alle ultimissime novità svelate dai leaker, il prossimo Call of Duty sarà assolutamente eccezionale, e lo sarà per almeno uno specifico motivo.

Sembra infatti che a differenza degli altri titoli del franchise, il prossimo Black Ops Gulf War avrà un’eccezionale durata a livello di sviluppi.

In particolare, il titolo di Call of Duty 2024 potrebbe continuare a ricevere costanti aggiornamenti per un periodo di ben 4 anni, arrivando quindi fino al prossimo 2028.

L’attuale Modern Warfare, con il titolo numero 2 e numero 3 usciti nel 2022 e 2023 ha ricevuto un totale di ben due anni di sviluppo diretto. In sostanza questa situazione dovrebbe andare a “raddoppiare” con il prossimo Black Ops Gulf War… Per grande entusiasmo degli appassionati alla serie.

Le ultime dei leaker su Call of Duty Black Ops Gulf War

Non solo questo però, visto che sempre i leaker hanno voluto fornire nuove indiscrezioni riguardo agli sviluppatori che guideranno, e che stanno guidando in questo momento, il progetto Gulf War.

Questi sono i devs di Treyarch, azienda controllata da Activision che si è già occupata in passato di tutti gli altri Black Ops.

Cosa ne pensate di questa informazione community? Ricordiamo che scopriremo presto nuove informazioni sul prossimo Black Ops Gulf War durante l’Xbox Showcase previsto per l’inizio del mese di Giugno. Troverete qui altri dettagli.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Booya vince in solo una Sballo Totale con WSP Swarm e RAM-7

Booya vince in solo una Sballo Totale con WSP Swarm e RAM-7

Profilo di Stak
22/04/2024 19:13 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Il celebre Booya ha svelato un nuovo loadout per la WSP Swarm che gli ha garantito tante partite ad un alto numero di ottani su Warzone, tutte caratterizzate da decine e decine di kill ottenute facilmente in close range.

In passato la WSP Swarm è stata anche arma meta su Warzone, ma degli specifici nerf fecero finire l’arma nel dimenticatoio. Oggi, anche se sono ormai diversi giorni che la popolarità di questa piccola SMG è in crescita, la WSP Swarm si ritrova nuovamente nella posizione di potenziale arma meta se usata con il giusto loadout.

Ed è qui che ci viene in soccorso Booya, ideatore di una classe che rende la WSP Swarm ancor più letale e precisa di quanto già non sia nella sua versione base.

Pensate che lo streamer del FaZe Clan è riuscito in una partita su Sballo Totale a firmare, totalmente in solo, ben 27 kill e vittoria finale. La maggior parte di queste sono state ottenute proprio dalla Swarm a brevissima distanza, con il RAM-7 in qualità di affidabilissima arma di supporto.

Il loadout per la WSP Swarm di Booya – Warzone 

armi close range warzone WSP Swarm + Ram 7 di Booya

Nel caso foste interessati ad un’arma ancora più veloce della già rapidissima WSP Swarm, possiamo suggerirvi l’ultima versione “strafe speed” dell’AMR9… Questo specifico loadout è particolarmente consigliato per chi alla ricerca di un’arma originale, precisa, e “rompi” aim-assist. Troverete tutti i dettagli cliccando qui.

Cosa ne pensate di questo loadout proposto da Booya community?  Fatecelo sapere con un commento sul gruppo: la discussione, come sempre, è ufficialmente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Il nuovo kit trasforma l’AMR9 in una SMG con una strafe speed eccezionale

Il nuovo kit trasforma l’AMR9 in una SMG con una strafe speed eccezionale

Profilo di Stak
22/04/2024 18:27 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

AMR9 – Il nuovo calcio JAK Cutthroat supera brillantemente il primo weekend in quel di MW3 e Warzone, svettando come uno dei Kit di Conversione assolutamente irrinunciabili per i player più esigenti.

Caratterizzato da un bonus estremamente unico, il JAK Cutthroat assicura ai suoi utilizzatori una velocità di movimento laterale assolutamente eccezionale, che non ha eguali all’interno del gioco.

Questo specifico movimento laterale (la cui “velocità” viene anche indicata come Strafe Speed, ndr) è molto importante su Call of Duty, perchè può influenzare negativamente l’aim assist dei nostri avversari.

Grazie alla velocità laterale che si può raggiungere (in particolare in multiplayer, con gli stivali Stalker), se il nostro avversario non sarà abbastanza bravo a seguirci con la mira andremo a “staccare” l’effetto colla dell’aim assist, cosi da garantirci una sicura vittoria del combattimento.

Il loadout dell’AMR-9 “Strafe Speed” – Warzone/MW3

Purtroppo il JAK Cutthroat non è disponibile per tutte le armi, ma solo per una manciata di queste. Tra le SMG, una delle pochissime che può attrezzarsi del Jak Cutthroat è l’AMR9. Si tratta di un’arma già decisamente veloce, che con questo ulteriore bonus può raggiungere una strafe speed davvero impressionante.

armi close range warzone AMR-9 Strafe Speed

Come sbloccare il nuovo calcio Jak Cutthroat dell’AMR9 su Warzone? 

Per farlo vostro, non dovrete far altro che completare almeno 5 delle sfide settimanali della “Week 3”. Queste comprendono:

  1. Esegui 15 uccisioni nella zona nord-est di Rebirth
  2. Esegui 15 uccisioni nella zona nord-ovest di Rebirth
  3. Esegui 15 uccisioni nella zona centrale di Rebirth
  4. Esegui 15 uccisioni nella zona sud di Rebirth
  5. Su Warzone piazzati in Top10 per almeno 7 volte
  6. Apri 75 casse loot su Warzone
  7. Su Warzone, rianima 15 compagni di team abbattuti

Cosa ne pensate di questo nuovo loadout per l’AMR-9 community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo: la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: