Il mondo al contrario: il cheater boomer che insulta la star di Warzone Bblade

Il mondo al contrario: il cheater boomer che insulta la star di Warzone Bblade

Profilo di Stak
 WhatsApp

Speciale Cheater – Ci sarebbero tante, tantissime cose che andrebbero dette su quanto visto nell’ultimo video pubblicato da Kyborg

Il pro player del team DSYRE è ormai un noto “anti-cheat” umano, che da anni monitora la scena di Warzone a caccia di imbroglioni di vario tipo… Sia tra i giocatori “casual” che tra gli streamer ed i presunti professionisti, nessun imbroglione può dirsi “al sicuro” da quando esiste la rubrica “arachidi & cheaters”.

Nell’ultimo video però, invece di “accusare” qualche giocatore toxic, Kyborg è stato costretto a “difendere” un giocatore assolutamente legal, una star della scena oltre che uno dei migliori giocatori al mondo di Call of Duty.

Stiamo parlando di Bblade, giocatore in forze all’importante team dei Reply Totem, già più volte campione continentale di Warzone insieme ai suoi due teammate SavyUltras e Waartex.

Il cheater accusa il super PRO di cheating: interviene Kyborg

Le accuse di cheating nei confronti di Bblade sarebbero di per se argomento per grasse risate, o al massimo per una denuncia per diffamazione…  Purtroppo però, “l’accusatore” ha anche ritenuto opportuno “colorare” tutta la discussione con insulti, bodyshaming, e mentalità toxic boomer a più non posso…

Io lavoro la mattina, non gioco ai videogiochi“, o ancora “io cheatto perché tutti cheattano“… O la perla delle perle: “io sono un vero cheater, quindi so riconoscerli“…

Una sequela di frasi da perdente e concetti-letame vergognosi, ed assolutamente inaccettabili… Gridati ai quattro venti evidentemente con la speranza di rubare un po’ di notorietà a lavoratori e professionisti onesti, la cui unica “colpa” è quella di essere tremendamente forti sul titolo in questione (Warzone).

Accusare qualcuno, specialmente senza prove e senza know-how, è un qualcosa di estremamente delicato che può danneggiare dei professionisti innocenti. Accusare ingiustamente qualcuno, specialmente se fatto solo per sfruttare un po’ di notorietà, è un reato, che andrebbe giustamente punito.

Chissà cosa ne penserà Reply Totem di tutta questa situazione, visto che si tratta di una società che ha molto a cuore (come è giusto che sia) l’immagine del suo brand e dei suoi atleti.

Troppa tossicità su COD: i cheater andrebbero bannati da internet

In ogni caso, questo video è importante anche solo per una ragione: se si condivide solo uno dei “pensieri/insulti” cringe avanzati dal cheater boomer, si è indiscutibilmente parte di quella componente “toxic” della community che non fa bene a COD ed ai suoi giocatori.

Restiamo in attesa di scoprire la “seconda parte” del video, e di vedere come è andata la sfida tra il cheater e Waartex… Voi cosa ne pensate community? Fatecelo sapere nei commenti, la discussione è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Allarme Black Ops 6: Cheat anche su Console in Vista del lancio

Allarme Black Ops 6: Cheat anche su Console in Vista del lancio

Profilo di Gosoap
13/06/2024 15:44 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

Con l’uscita imminente di Call of Duty: Black Ops 6, i giocatori sono stati avvisati riguardo l’evoluzione dei cheat più avanzati. Un noto streamer di Call of Duty ha lanciato l’allarme, sollecitando i giocatori a prestare attenzione ai nuovi metodi di cheating che stanno emergendo, specialmente su console.

Il cheating in Call of Duty non è una novità. Da anni, i giocatori si lamentano di avversari che utilizzano mira automatica, wall hack e altri trucchi per ottenere un vantaggio sleale. Tuttavia, questi problemi sono stati prevalentemente legati alla versione PC del gioco, poiché le restrizioni delle console hanno storicamente bloccato la maggior parte dei software di hacking, sebbene non tutti.

L’Evoluzione dei Cheat su Console

In vista del lancio di Black Ops 6, l’attenzione si è nuovamente focalizzata sulla questione cheat ed hack. Un noto content creator, lo streamer KapZ, ha condiviso un video su X (Twitter), avvertendo i giocatori di CoD riguardo i nuovi cheat che stanno prendendo piede anche sulle console.

KapZ ha affermato che “le console non sono più un luogo sicuro per giocare a CoD in modo competitivo” e ha incluso nel suo post un esempio di queste tattiche di cheating avanzato utilizzate in Warzone. Sebbene alcuni abbiano rapidamente sottolineato che il filmato mostrava hack per PC, l’autore del post ha confermato che, sebbene il gioco fosse in esecuzione su console, i trucchi venivano eseguiti da un PC.

Preoccupazioni per il Lancio di Black Ops 6

Questi avvertimenti hanno messo in allerta i giocatori di console in vista del lancio di Black Ops 6, che sarà disponibile sia sulle console di generazione attuale che su quelle precedenti. La preoccupazione è che i nuovi metodi di hacking possano compromettere l’esperienza di gioco su tutte le piattaforme.

Un utente di X ha commentato: “È terribile che gli sviluppatori non riescano a fermare questo mercato … chiedono prezzi esorbitanti per ogni cosa e non possono garantire che le basi del gioco siano giuste.” Un altro ha aggiunto: “Questi maledetti trucchi stanno rovinando il gioco. Quasi ogni modalità, quasi ogni partita.”

La Sfida per gli Sviluppatori

La lotta contro i trucchi e gli hacker è una sfida costante per gli sviluppatori di Call of Duty. Con il lancio di Black Ops 6 all’orizzonte, è cruciale che gli sviluppatori mettano in atto misure più efficaci per contrastare questi problemi e garantire un’esperienza di gioco equa per tutti i giocatori, indipendentemente dalla piattaforma.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo dedicato! La discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Black Ops 6: Come partecipare alla Beta aperta

Black Ops 6: Come partecipare alla Beta aperta

Profilo di Gosoap
12/06/2024 13:06 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

Sei impaziente di giocare in anteprima a Call of Duty Black Ops 6? Ecco tutto quello che devi sapere su come accedere alla beta aperta del gioco.

Call of Duty Black Ops 6 promette di offrire ai giocatori un’esperienza avvincente grazie al ritorno dei loadout e delle caratteristiche classiche con un tocco innovativo, modalità Zombie a turni e la più grande revisione dei movimenti degli ultimi dieci anni.

Fortunatamente per chi come noi sta attendendo con entusiasmo il prossimo capitolo della saga, sarà disponibile una beta aperta.

Ecco tutto ciò che devi sapere per accedere e giocare alla beta aperta di Call of Duty Black Ops 6.

Come partecipare alla beta aperta di Call of Duty Black Ops 6

I bonus per il pre-ordine di Black Ops 6 includono diverse skin esclusive e l’accesso alla beta aperta. I giocatori possono partecipare all’early access di Call of Duty Black Ops 6 preordinando qualsiasi versione del gioco.

Indipendentemente dalla versione preordinata, riceverai un codice che potrà essere riscattato sul sito di Call of Duty.

Di seguito, trovi ulteriori dettagli su come ottenere l’accesso anticipato alla beta aperta da tutte le edizioni:

  • Edizioni digitali: Chi preordina l’edizione digitale direttamente dai negozi delle piattaforme o dal negozio in-game di Call of Duty sarà automaticamente registrato per l’accesso anticipato alla beta aperta senza bisogno di un codice. I giocatori potranno scaricare la beta aperta non appena sarà disponibile.
  • Edizioni fisiche: Per chi preordina un’edizione fisica, il codice per registrarsi all’accesso anticipato alla beta aperta sarà stampato sulla ricevuta di acquisto o inviato via email.
  • Abbonati a Game Pass: I giocatori con un abbonamento attivo a Game Pass possono partecipare alla beta aperta durante l’accesso anticipato senza bisogno di un codice o di registrazione.

Come spiegato nel post sul blog di Blizzard, sebbene tutti potranno giocare alla beta aperta di Call of Duty Black Ops 6 gratuitamente, solo i clienti che hanno effettuato il preordine potranno ottenere l’accesso anticipato alla beta. Inoltre, il periodo di beta aperta sarà disponibile su tutte le piattaforme supportate.

Il calendario esatto del periodo di beta aperta non è ancora stato rivelato, ma i giocatori possono aspettarsi “ulteriori dettagli e date” che saranno condivisi nel prossimo futuro.

Cosa ne pensate community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo dedicato! La discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Black Ops 6, quando esce e principali novità!

Black Ops 6, quando esce e principali novità!

Profilo di Stak
10/06/2024 15:33 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Come annunciato ieri sera dai devs durante l’Xbox Showcase, il nuovo Black Ops 6 sarà disponibile a partire dal prossimo 25 Ottobre!  Il titolo, già disponibile per il pre-acquisto, presenterà tantissime novità che riguardano ogni singolo reparto ed aspetto del prossimo Call of Duty.

Un movement pesantemente rinnovato, ma anche l’introduzione di molteplici contenuti originali ed il fatto che potremo continuare a giocare con i contenuti di MW2/MW3, oltre ovviamente al ritorno dell’attesissimo sistema Prestigio sono solo alcune delle novità che caratterizzeranno il nuovo BO6.

Partendo dalla Campagna, la nuova mode di Black Ops 6 è ambientata nei primi anni 90, un’epoca ancora inesplorata per la serie. In puro stile Black Ops, una trama fittizia ma radicata nella storia dell’epoca ti mette al centro di un misterioso complotto in cui una forza oscura si è infiltrata nel governo degli Stati Uniti. Chiunque resista viene accusato di tradimento, ed è così che ti ritrovi a fuggire e rinnegare tutto ciò in cui avevi creduto. Niente è come sembra e la verità è sfuggente mentre scivoli in un vortice di intrighi, tradimenti e inquietanti giochi mentali. Questo è Black Ops allo stato puro.

Per quel che riguarda la mode Zombie, sappiamo che tornerà il sistema a Round, la celebre modalità in cui dobbiamo spazzare via orde di non morti. Per Zombie sono previste due mappe inedite al lancio, piene zeppe di segreti da scoprire.

Le novità relative al multiplayer, ad iniziare dalle nuove 16 mappe

Per il multiplayer è lecito aspettarsi una “colossale mole” di contenuti, che includono 16 nuove mappe disponibili da subito, tra cui 12 mappe base 6v6 e quattro mappe Strike di dimensioni più contenute.

Nel multigiocatore sbarcano novità come il movimento assoluto (per scattare, scivolare e tuffarsi in qualsiasi direzione) e il movimento intelligente (che attiva assistenze per scattare, scavalcare e accovacciarsi, permettendoti di eseguire facilmente le azioni più spettacolari), oltre a hit zone dei nemici raddoppiate, un incredibile assortimento di attrezzature, ottimizzazioni per l’interfaccia e grandi ritorni come quelli della modalità Cinema e del Prestigio Classico!

Molte delle nuove mappe rielaborano il classico design a tre corsie, con ingaggi rapidi e prevalentemente a corto-medio raggio che puntano più sull’immediatezza che sulla complessità tattica, garantendo un ritmo sostenuto ma sempre equilibrato. Lato gameplay, le mappe offrono una grande varietà e sono adatte a qualsiasi stile di gioco (uno dei “mantra” dei progettisti), perfino ai livelli “pro” della modalità classificata.

Ogni mappa multigiocatore ha una propria storia che si sviluppa dopo gli eventi della campagna, che può essere quindi approfondita e proseguita sotto una nuova luce dopo averla completata.

Cosa ne pensate di queste novità? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo ufficiale: la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: