Down Town rasa al suolo nella nuova Verdansk, e “fessure” percorribili anche con i mezzi (ma sarà molto rischioso)

Down Town rasa al suolo nella nuova Verdansk, e “fessure” percorribili anche con i mezzi (ma sarà molto rischioso)

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un nuovo post pubblicato sul sito ufficiale, gli sviluppatori di Raven Software hanno dato una prima rapida anticipazione rispetto a quelli che saranno i cambiamenti in arrivo domani nella mappa di Verdansk.

Come noto infatti, con l’inizio della nuova stagione fissato per domani avremo la resa dei conti finale tra Stitch e Adler, ma soprattutto avremo il tanto atteso inizio dell’ultimo evento che cambierà per sempre l’aspetto della nostra amata Verdansk.

Con una serie di bombe sotterranee, Stitch è infatti riuscito a creare una vera e propria faglia che taglia a metà la zona a sud di Verdansk, con  numerose zone storiche di questa mappa che sono state del tutto distrutte. Numerosi ad esempio i palazzi della zona di Down Town ormai crollati, con tutto il centro della città che è indubbiamente l’area della mappa maggiormente colpita e “distrutta” dalle esplosioni.

Lungo tutta Down Town vi sarà poi l’enorme crepa nel terreno generata dall’esplosione delle bombe sotterranee, che sarà tra l’altro “percorribile” dagli operatori più audaci. Secondo quanto riferito dai devs infatti, avventurarsi nella faglia non sarà affatto semplice visto il pericolo di rimanere intrappolati dai cerchi del gas e visto il fatto che tutti i nostri nemici avranno su di noi il vantaggio dell’altezza.

Anche lo Stadio subirà un notevole “restyling”, con le numerose spaccature del terreno che caratterizzeranno anche il campo e tutta la struttura circostante dell’impianto sportivo, ormai collassato su se stesso. Le faglie del terreno pare possano anche essere utilizzate come rapidi canali per degli spostamenti più sicuri dei normali cross e “sottoterra” (sempre ricordandovi dei due principali pericoli che possono esserci mentre ci si avventura nelle faglie…ne abbiamo parlato sopra).

La principale novità sarà comunque l’introduzione dei bunker della seconda guerra mondiale, ovvero 3 nuove zone che sono state dimenticate per decenni e che sono riemerse proprio a seguito delle esplosioni provocate dai terroristi comandati da Stitch.

Questi bunker rappresentano i primi veri contenuti a tema “Vanguard” che intravediamo su Verdansk, e siamo curiosissimi di capire come i devs di Raven avranno deciso di introdurre la seconda guerra mondiale all’interno del battle royale.

Andiamo a leggere le note ufficiali:

Verdansk is ready for the final showdown between Adler and Stitch, and it’s up to your squad to infiltrate and secure the DZ.

With seismic bombs levelling parts of Verdansk and other areas seeing undiscovered World War II-era bunkers opened, Season Six of Call of Duty: Warzone has plenty of new areas to explore and master as you brush up on your personal meta (most effective tactics available).

Amid all this change, something familiar is returning to Verdansk: the original Gulag, one that veterans know well from Warzone’s initial launch, and newcomers can learn and succeed in quickly.

Here’s what you need to know, including ten overall tips for success during the new season:

Fissures Overview – Shaking Up the Movement Meta Across Central Verdansk

What exactly did Adler do to Verdansk?

The seismic devices he triggered underneath the city caused several points of interest within Verdansk to change drastically, which will affect how players approach them and the meta at large. Here’s what’s changed due to these massive ground fractures:

Downtown Verdansk

By far the most affected area of Verdansk, the Downtown area saw multiple buildings brought down. Specifically, along the massive fissure running northwest to east, the apartments near the Big Bloc tenements are gone, the Grand Hotel is one with the earth, the entire Verdansk Museum of Art is history, the city’s local BCH4 TV Station toppled, and the modern end of the Rothwynn-Donna Building is wrecked.

Even if you leave out all the smaller areas that were reduced to rubble, these major point of interest changes will completely change how you approach Downtown north of the Parliament Building. Use what remains of the buildings and the exposed pipework to find items or to use as cover during engagements.

When exploring the fractured crevasse running underneath these buildings, use the Exterior Ascenders sprinkled throughout to escape, as these low-lying areas can be tough positions during imminent Circle Collapses and team fights against those on higher ground. While these fissures are wide enough to fit a vehicle, you’ll run the risk of getting very stuck, very quickly.

These changes also left Downtown’s massive tower, formerly inhabited by a Japanese corporation, and the white Hotel Volodymyr as the two tallest structures in the area. Expect snipers that once used the Art Museum or Grand Hotel as a perch to migrate over to one of these two areas.

Verdansk Stadium

Ravaging the main eastern parking lot and monument area all the way through the Stadium itself, the magnitude of this fissure has nearly destroyed the grounds and structure entirely.

Outside of the obvious destruction of the Stadium’s signage, the fissure has torn a hole in the stands. It also brought the main construction crane down to the pitch, with an “island-like” piece of surface land jutting out from the earth containing part of the downed equipment.

Taking cover in these deepened ground sections could be a new winning strategy against long-range weapon users elsewhere in the Stadium. And while the downed crane reduces some verticality topside, snipers can still take position up in the lone box seats or stadium light structures.

In terms of the rubble and wreckage, be sure to check the area for new Supply Box or item spawns. Just be ready to fight in a close-quarters battle since the fissure broke up the construction-laden field and, because of its damage, some of its longer sightlines.

South of Radar Array

This relatively shallow crack fortunately did not affect manmade structures, but in an otherwise open area of the map, the underground explosions have changed how you’ll approach zones like the Radar Array, Stadium, and Blocs.

Rather than sprint or drive across a rather open area, you can use this fissure to take cover from those attacking from atop the Radar Array or Stadium. Plus, if the final Circle Collapse falls in this area, it can lead to some more tactical play rather than an all-out firefight to a finish.

Promenade East / Verdansk Hospital

Similar to the area Southeast of Radar Array, this minor fault in the earth may cause a big change in the meta.

Running north of the Barakett Promenade’s easternmost portion, from the gas station and apartments across the street from the Hospital right up to the area’s high rise, this chunk of earth was normally a hilly space with little cover. This may have led Operators to be left completely exposed when travelling across this area, especially if the Circle Collapse forced them here.

Following the fissure, Operators can use the fault in the earth to take cover against snipers from the Hospital or Promenade, moving within it to travel east or west and pop back out closer to a building.

WWII Bunkers Overview

Elsewhere in Verdansk, three World War II-era bunkers have been unearthed and are now seemingly accessible.

Differing from the previous bunkers you may have explored, these three underground areas – one located near Radar Array and Bloc 15, another north of the electrical transformers in the Airport Maintenance area, and the third north of the Silos within the Boneyard – are even older and have plenty of intrigue to them.

Unlike previous bunkers, these are accessible through a hole left behind by a drill previously hidden in shipping containers. Attach your climbing device to the cables – or be bold and jump down, although you may take some serious damage – to land right in the middle of a long-abandoned Axis facility.

Amid stacks of supposedly decommissioned bombs, desks, and bunk beds meant to quarter soldiers are potential spawn points for items and Supply Boxes, making a trip down here worth your while. Explore these bunkers long enough to potentially find an escape route to another area in Verdansk, or to see what secrets were buried underneath the city for decades…

Should you find another squad down here, prepare for a close-quarters fight. Use whatever is left in the abandoned bunker for cover, and try coming down here with shotguns and SMGs, which are well-suited to clean out the facility.

The Gulag Overview – Welcome Back the O.G. (Original Gulag)

Forget the next mission ahead; the final showdown is almost here in Verdansk, and any captured Operators will have to fight for their lives the old-fashioned way:

In the dark, dank, and somewhat dirty chambers of the Zordaya Prison Complex.

A callback to the original Gulag – A.K.A. the O.G. – Season Six’s Gulag is a near-replica of the Gunfight map from Modern Warfare®. It also made an appearance in Call of Duty: Mobile, and while veterans may know all the ins and outs of this arena, newcomers won’t have to learn much to master it.

This arena is a small, symmetrical map with three primary lanes with clear views from one spawn area into the other. Rows of sinks and showers offer cover and visual obstruction, while lockers within the spawns – the only difference between this map and previous versions, save for some cosmetic changes – can allow for a unique sightline over mid-map.

Its Overtime flag is at the dead center of the arena, and it may as well be a death sentence for those who don’t know where their opponent is. There are sightlines directly on the flag across all three lanes, as well as from the lockers, so should you opt for an Overtime objective victory, be prepared for your opponent to fire from nearly any direction.

Top Ten Tips

10. Fissures – Rewards within the Rubble. Thankfully, the fissures seem to have opened more opportunities to scavenge for items. Dig deep within the destroyed points of interest, and you may find a Rare Supply Box or even just enough Cash and loadout items to begin building toward victory.

9. Fissures – No More No Man’s Land. The cracks near the Radar Array and Hospital transformed some open spaces into safer ground, as you can take cover within the broken earth against those attacking from more developed points of interest. Use these faults to navigate toward your squad’s next target area with more safety than sprinting through a clear, unobstructed hillside.

8. Fissures – Crane Island on the Pitch.  Within the Stadium, look for the piece of raised land surrounded by cracks in the earth. It can provide great cover – and potentially some items – while fighting against those in the stands or taking up the remaining places for verticality in this arena.

7. Fissures – The Two Towers. The Downtown skyscraper and Hotel Volodymyr stand tall as the only structures greater than 11 levels after the explosions took place. Expect snipers to congregate on their rooftops, and either use the broken earth for cover, or take to other buildings, such as the tenements or the nearby Hospital, to counter-snipe them.

6. Fissures – They Have the High Ground. Something to always keep in mind when travelling through the fissures themselves: there is a natural disadvantage to being on lower ground, especially when the Circle Collapse is coming. Be sure to look up as often as you look around, and use the exterior ascenders to get back to surface-level quickly.

5. Bunkers – Cleaning Up with CQB. These underground areas are prime areas for close-quarters battle – drop down here with a Shotgun or SMG, and you may find it easier to sweep enemies out within the tight corridors. Also, consider dropping a piece of Equipment down the hole entrance just in case someone is watching it from below.

4. Bunkers – Beyond Surface Level. Like the bunkers in modern Verdansk, there may be a deeper purpose to these facilities than what they seem on the surface, or at least can give some context to Verdansk’s purpose during World War II. Just don’t let the Circle Collapse kill you for being curious.

3. Gulag – Common Ground. Does this Gulag look familiar? Those who played Call of Duty: Mobile know this map was in Gunfight, and it exists in Modern Warfare as a standalone Gunfight map. If you need some more reps before that next Gulag visit, play some Gunfight in MW with a friend.

2. Gulag – Squeaky-Clean Jump Spots. Outside of using the main lanes for movement, you can gain a unique sightline over the Gulag’s middle section by hopping up on some lockers and tilework. Peer through the metal fencing, and you could see someone getting too aggressive during that 1v1, especially during overtime.

1. Gulag – Overtime Chaos. Unlike some Gulag arenas, this one has its Overtime flag at the intersection of plenty of sightlines and lanes with little cover. Should you want to capture the flag, but don’t know where the enemy is, try using the Equipment available in your duel loadout to potentially locate their position.

Execute the mission.

 

Cosa ne pensate community? Siete pronti per l’attesissima nuova stagione di Warzone? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Warzone, speciale armi: il KAR98K di Metaphor, i loadout per Milano/MP7 e le altre novità!

Warzone, speciale armi: il KAR98K di Metaphor, i loadout per Milano/MP7 e le altre novità!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Benvenuti in un nuovo speciale interamente dedicato alle ultime e migliori versioni delle armi di Warzone!

In questo nuovo update andremo a focalizzare sia alcune utili versioni di armi da usare a distanza ravvicinata, sia delle versioni di fucili d’assalto perfetti per i tiri più a lunga distanza.

Come sempre, ogni versione è “promossa” da un noto ed esperto content creator di Warzone, in questo caso TTVZyro, Booya, Legends6K e Metaphor.

Il primo dei citati ha voluto proporre una versione dell’H4 Blixen, arma che nonostante i nerf continua a tenere la vetta nella classifica delle armi per K/D (troverete qui i dettagli). Booya e Legends hanno invece spinto su due loadout per delle SMG, rispettivamente la Milano e la Mp7.

Infine Metaphor, uno dei CC più apprezzati di tutto il panorama di Call of Duty. Il buon Metaphor ha infatti presentato il suo ultimo loadout per il Kar98K (Vanguard), sniper in ascesa ormai da diverse settimane con entrambe le sue versioni (quindi compresa quella di MW).

Warzone – Loadout per KAR98K, Milano e altre

Andiamo a vedere i dettagli dei loadout…

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale proverete alla vostra prossima sessione di gioco su Warzone? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Swagg chiama una call in live ai FAZE, pioggia di critiche sullo streamer: “non avresti dovuto farlo!”

Swagg chiama una call in live ai FAZE, pioggia di critiche sullo streamer: “non avresti dovuto farlo!”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Call of Duty League – Nel corso di una recente diretta il celebre Swagg ha ammesso di aver fatto una “call” ai suoi giocatori degli Atlanta FaZe  durante le finali dei Champs2022. La cosa ha scatenato le ire di molti giocatori, anche perchè tanti spettatori hanno confermato delle numerose “call” urlate dalle tribune ai pro impegnati in partita.

Per “call” si intende anche un semplice messaggio che arriva da “bordo arena” e che può essere utile ai giocatori in quel preciso istante in partita. Di fatto, specialmente quando vengono suggerite azioni che i professionisti non potrebbero altrimenti intraprendere, si parla di “comportamento scorretto”.

Il problema però, è che durante i  champs pare che entrambe le finaliste abbiano “goduto” degli aiuti e delle call che arrivavano dal pubblico… Al punto che gli stessi caster della diretta si sono profondamente infastiditi.

Nel corso dello streaming si può udire distintamente i caster che invitano i tifosi a “fare silenzio”, cosi da evitare di compromettere l’integrità competitiva della sfida.

Suggerire una determinata azione o una posizione ad un giocatore impegnato in partita non è solo un “vantaggio” per chi ascolta… Ma è anche un ulteriore svantaggio per chi viene “spiato”.

Fare una call su Call of Duty (come ha fatto Swagg) è un preciso vantaggio: non è come tifare in uno stadio!

A differenza degli sport tradizionali come il basket, dove il pubblico è considerato  il “sesto” (o “dodicesimo”, nel caso del calcio) uomo in campo, negli esports questo tipo di call sono molto malviste nell’ambiente.

Ed è qui che sopraggiunge lo stupore dei più… Swagg ha ammesso di aver gridato ai player dei FaZe che avrebbero dovuto “checkare una bomba“… Come può un esperto come Swagg non rendersi conto che un’azione del genere mina l’integrità sportiva di un evento? Non a caso il video è stato investito dalle critiche di moltissimi spettatori… Tutti increduli davanti all’ammissione di Swagg.

Sicuramente quello delle call rappresenta un problema all’interno del mondo degli esports, e lo rappresenta da sempre. Quanto visto nel corso delle finali è stato però qualcosa di decisamente diverso, che forse dovrebbe indurre gli organizzatori ad ospitare i professionisti in degli spazi “chiusi” e isolati dal resto del palazzo.

Voi cosa ne pensate community? Secondo voi Swagg ha sbagliato a chiamare un’azione ai suoi giocatori dei FaZe? Nonostante questo, lo ricordiamo, i Thieves sono comunque riusciti a conquistare il loro primo titolo mondiale, portando per la prima volta la coppa di Call of Duty nella meravigliosa California.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Fonte: Twitch

Microsoft insiste: “sarebbe un tragico sbaglio escludere i giocatori Play Station da Call of Duty”!

Microsoft insiste: “sarebbe un tragico sbaglio escludere i giocatori Play Station da Call of Duty”!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Alcuni nuovi documenti circolati in rete, dimostrano senza possibilità di replica il forte interesse di Microsoft a tenere Call of Duty disponibile in futuro anche per i giocatori PlayStation. Come noto infatti, Microsoft ha iniziato il processo di acquisizione di Activision-Blizzard, che dovrebbe concludersi prima dell’estate 2023.

Acquisendo Activision, Microsoft diventerebbe proprietaria anche di tutti i franchise posseduti da Acti-Blizz, Call of Duty compreso. Per questa ragione, molti giocatori hanno iniziato a temere che Call of Duty fosse destinato a diventare un’esclusiva solo per Xbox, celebre concole di casa Microsoft.

Sin dal primo momento i quadri dirigenziali di Microsoft hanno sempre escluso la possibilità che COD diventasse un’esclusiva, ed i nuovi documenti svelati oggi non fanno altro che rafforzare questa idea.

Nei documenti trapelati, si può leggere che alla base della decisione di non rendere COD esclusivo per Xbox, c’è il fatto che la distribuzione di Call of Duty su una sola console semplicemente non sarebbe “abbastanza redditizia per Microsoft“.

Sempre nel documento viene anche spiegato il fatto che i costi e le mancate vendite derivate da un’esclusiva, rappresenterebbero per Microsoft il rischio tangibile di “non essere in grado di compensare le perdite con i maggiori ricavi all’interno dell’ecosistema Xbox“. Più chiaro di cosi non si può.

Non solo la questione relativa ai ricavi: c’è anche un contratto che “blocca” Call of Duty su PlayStation

Ricordiamo inoltre che da contratto Activision Blizzard e PlayStation hanno un accordo che vincola la prima a rilasciare i prossimi tre giochi Call of Duty per le console Sony. Nel contratto è incluso l’imminente Modern Warfare 2 ed i prossimi due titoli in arrivo.

Certo i giocatori PlayStation possono stare tranquilli del fatto che Call of Duty, almeno per il momento, non sarà esclusiva Xbox. I contratti che obbligano Activision a rifornire Sony con dei nuovi titoli prima o poi scadranno, e bisognerà vedere se Microsoft non avrà “cambiato idea” riguardo al futuro del suo franchise.

Voi cosa ne pensate community? Il leak relativo a questi documenti vi rasserena? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: