Call of Duty: chi sono i giocatori migliori delle finali 2022, ed i più ricchi di tutti i tempi!

Call of Duty: chi sono i giocatori migliori delle finali 2022, ed i più ricchi di tutti i tempi!

Profilo di Stak
10/08/2022 18:55 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Chi sono i giocatori migliori della scena di Call of Duty? Attraverso questo speciale tratteremo l’argomento sotto due diverse prospettive: per prima cosa andremo a vedere quali sono stati i giocatori che hanno performato meglio nel corso del weekend delle finali. Subito dopo, andremo a proporre la classifica dei player più “ricchi” della storia di Call of Duty, con tutti i “milionari” degli esports targati Activision.

Osservando i dati relativi al rapporto tra uccisioni/morti, scopriamo che la Top5 dei migliori in assoluto è composta da Methodz, Octane, Pred, Dashy e Cellium. Sono questi gli unici cinque dei Champs 2022 ad attestarsi sopra un K/D di 1.10.

La star dei Boston Breach Methodz è in quinta posizione, dietro al campione del mondo dei Los Angeles Thieves Octane che chiude con 1.12 di K/D. Sul podio c’è poi Pred, lo straordinario “rookie of the year” che ha condotto i suoi Seattle Surge sino alla partita del loser bracket contro gli Optic Texas.

In seconda posizione Brandon ‘Dashy’ Otell, straordinario player degli Optic che chiude con 1.17 di K/D, mentre al vertice del ranking c’è un FaZe Player.

Stiamo parlando di McArthur ‘Cellium’ Jovel, straordinario AR player che non è riuscito a bissare il successo mondiale del 2021, e si è dovuto arrendere ai nuovi campioni del mondo dei Thieves. Cellium chiude le finali con un mostruoso 1.32 di K/D, addirittura 1.44 K/D solo nella serie contro Seattle (chiusa con 95 kill, ndr).

Chi sono i giocatori più ricchi di Call of Duty? 

Una volta visti i migliori delle finali, procediamo nel vedere ora chi sono i primi 20 giocatori nella classifica relativa ai più “ricchi” di Call of Duty.

Come potete consultare dal ranking di esportsearnings, Crimsix, Arcitys, Abezi e Simp guidano la classifica con 1.3/1.4 milioni di Dollari conquistati. Clayster, Scump e il sopracitato Cellium sono poi gli ultimi ad aver superato soglia un milione di Dollari in vincite ai mondiali.

Al decimo, dodicesimo e tredicesimo posto troviamo invece Kenny, Octane ed Envoy, tre dei quattro player (manca Drazah) vincitori dell’ultima edizione dei mondiali di Call of Duty.

# Nome Vincite
1st Crimsix $1,410,592.80
2nd Arcitys $1,389,679.09
3rd aBeZy $1,359,905.68
4th Simp $1,320,578.33
5th Clayster $1,199,896.68
6th Scump $1,186,505.35
7th Cellium $1,104,548.93
8th FormaL $866,332.18
9th Karma $833,962.25
10th Kenny $813,228.33
11th SlasheR $785,333.40
12th Octane $784,948.75
13th Envoy $748,779,.16
14th Huke $736,185.58
15th JKap $714,188.81
16th Bance $659,429.94
17th iLLeY $659,053.33
18th Shotzzy $658,650.00
19th Priestahh $616,779.18
20th Prestinni $615,473.43

Cosa ne pensate di queste informazioni community? Avreste mai pensato a delle cifre cosi importanti dietro la scena esportiva di Call of Duty?

Crimsix, il giocatore con il maggior incasso sulle vincite di COD

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Anche su MW2 e Warzone 2 il sistema “SMS PROTECT” per complicare la vita ai cheater (ed anche ai giocatori normali)

Anche su MW2 e Warzone 2 il sistema “SMS PROTECT” per complicare la vita ai cheater (ed anche ai giocatori normali)

Profilo di Stak
05/10/2022 19:35 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Una delle grandi novità nella guerra ai cheater è certamente quella relativa al nuovo sistema SMS Protect… Al momento attivo sul recentissimo Overwatch 2.

Come noto, da ieri sera è finalmente disponibile il secondo capitolo dell’FPS targato Blizzard, gioco che per l’appunto viene accompagnato dal sistema SMS Protect.

Attraverso questo nuovo sistema, tutti gli account di gioco dovranno essere obbligatoriamente collegati ad uno specifico numero di telefono.

La “peculiarità” di questo sistema, è che una volta bannato un account verrà anche bannato il numero di telefono collegato, nel tentativo di rendere più difficoltoso ai cheater il ritorno in game con un account nuovo.

L’aspetto forse più interessante, è che SMS Protect verrà inserito anche all’interno di Modern Warfare 2, e di conseguenza anche all’interno di Warzone 2.0.

Non tutti i numeri di telefono funzionano con il sistema SMS PROTECT 

Non tutti i numeri saranno consentiti però: sembra che i contratti prepagati ed i numeri VOIP (numeri che non hanno quindi una linea fissa) sono interdetti da Battle.net per l’autenticazione…

Basterà questa misura a dare un colpo decisivo nella lotta eterna contro gli imbroglioni degli fps di Activision Blizzard? Noi ovviamente lo speriamo, e monitoreremo da vicino la situazione (prima di OW2, e poi anche di MW2) per monitorare i vari andamenti.

Cosa ne pensate community? Siete favorevoli a questo tipo di misure di Activision, soprattutto pensando all’ormai prossimo rilascio di MW2? Potrebbe essere quella famosa “marcia in più” preziosissima a Ricochet per permettere all’Anticheat di svolgere un “lavoro” migliore.

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Sul nuovo MW2 la “greatest hits” con le mappe più iconiche di COD! Devs a lavoro anche su Advanced Warfare 2

Sul nuovo MW2 la “greatest hits” con le mappe più iconiche di COD! Devs a lavoro anche su Advanced Warfare 2

Profilo di Stak
05/10/2022 18:19 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Mappe MW2 – Il noto leaker TheGhostOfHope ha scovato un nuovo interessantissimo dettaglio che riguarda il nuovissimo titolo di Call of Duty Modern Warfare 2.

Stando alle indiscrezioni scovate da Hope, va concretizzandosi l’idea che il nuovo MW2 rappresenterà un vero e proprio “hub” per tutti i titoli del franchise, e non solo per quelli legati al tema Moderno.

Sembra infatti che nel corso del prossimo anno, ed in contemporanea con le celebrazioni per il 20° anniversario di Call of Duty, verrà aggiunto un pacchetto straordinario con tante mappe celebri del passato.

Queste non saranno tuttavia solo a tema moderno, ma ve ne saranno svariate iconiche provenienti anche dal filone di Black Ops, o dai titoli sviluppati da Sledgehammer Games e da Treyarch.

In questo modo i devs di Activision vogliono “coprire” la distribuzione di contenuti anche durante il prossimo anno, con quella che sarà indubbiamente una vera e propria “greatest hits” con le mappe più leggendarie ed amate di sempre.

Devs già a lavoro sul futuro del franchise: Advanced Warfare 2

Un altro noto leaker della scena di COD, “Ralph“, ha poi scovato una notizia relativa ad un prossimo titolo in arrivo per il franchise… Advanced Warfare 2.

Sembra infatti che questo nuovo prodotto della storia di Call of Duty verrà sviluppato da Sledgehammer Games (già creatori di Advanced Warfare 1, ndr), lo stesso studio che si è occupato degli ultimi COD a tema seconda guerra mondiale.

Nel corso degli anni Advanced Warfare ha sempre “diviso” la base dei giocatori di COD… Tra chi odiava le sue meccaniche originali come il jetpack, e chi al contrario ne era rimasto totalmente estasiato. Dopo anni di attesa i giocatori “innamorati” da Advanced Warfare potrebbero quindi iniziare a festeggiare, anche se l’uscita non è prevista esattamente “dietro l’angolo”.

Se tutto dovesse essere confermato, non vedremmo comunque prima del 2025 il nuovo Advanced Warfare 2.

Voi cosa ne pensate community? Quale di queste novità vi colpisce maggiormente? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Activision rivela: “tra i cheater anche streamer di alto profilo”

Activision rivela: “tra i cheater anche streamer di alto profilo”

Profilo di Stak
04/10/2022 14:53 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Streamer Cheater – Una rivelazione che a molti potrà sembrare quasi “ovvia”, ma che ha comunque profondamente scosso la community di Call of Duty in queste ultime ore…

Dal materiale relativo alla causa che Activision ha intentato contro Engine Owning spuntano delle informazioni assolutamente interessanti… Che potrebbero presto “infiammare” le discussioni sui social dedicate a COD. Sembra infatti che diversi streamer di “alto profilo” si siano serviti dei programmi di cheating venduti proprio da Engine Owning.

Facciamo un passo indietro però: in cosa consiste la causa di Activision contro Engine Owining? 

I lettori più assidui di Powned sicuramente sapranno che ad inizio anno Activision ha intentato una causa multimilionaria contro un’azienda sviluppatrice di hack e cheat illegali. Nella causa, Activision chiede l’immediata cessazione di tutte le attività di vendita di Engine, la cancellazione di tutti i programmi non consentiti ed un risarcimento di 2500 Dollari per ogni singolo account infettato con i loro cheat.

Una cifra che dovrebbe oscillare tra i 10 ed i 20 milioni di Dollari…secondo le stime pubblicate a Gennaio 2022.

E proprio all’interno di questa causa, si legge una nota nella quale Activision afferma di essere venuta a conoscenza di svariati streamer di  “alto profilo” che si sarebbero serviti dei cheat di Engine Owning. Ricordiamo che il periodo di riferimento parte da Black Ops fino a raggiungere Vanguard, con ovviamente compreso anche Warzone.

Secondo Activision: “streamer di alto profilo tra i cheater”

Al momento non è stato chiarito quali siano (e quanti siano, ndr) questi nomi, anche se è stato esplicitato che si tratta sempre e solo di giocatori statunitensi. Certamente sono da escludere da questa lista tutti gli streamer che hanno recentemente presenziato al COD Next, e tutti quelli che fanno parte del programma partner di COD.

Resta però il fatto che nel periodo a cavallo tra il 2020 ed il 2021, vi siano stati dei celebri streamer che hanno abusato di uno o più cheat… E già solamente questa è una notizia davvero terribile.

Restiamo in attesa di scoprire nuovi ed eventuali aggiornamenti, fiduciosi del fatto che Activision condividerà questi nomi prima o poi.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: