WoW Classic: al via l’era di Naxxramas

WoW Classic: al via l’era di Naxxramas

Profilo di Stak
 WhatsApp

Naxxramas – Con il nuovo ed ultimo mese dell’anno la popolazione dell’Azeroth di WoW Classic si prepara ad imbattersi nelle nuove avventure del raid di Naxxramas, celebre necropoli che galleggia a mezz’aria sopra le Plaguelands, e che da sempre rappresenta la base operativa di uno dei più fidati ufficiali del Lich King, il temibile Lich Kel’Thuzad.

Oltre all’introduzione di Naxx ed al fatto che all’interno della Necropoli i servitori del Lich King si stanno preparando per la battaglia, si segnalano poi una lunga lista di errori e problemi risolti ed alcune interessanti ricompense che saranno incluse con questa patch.

Andiamo a vedere i dettagli in merito.

WoW Classic – Versione 1.13.6 – Naxxramas

L’OMBRA DELLA NECROPOLI

La necropoli nota come Naxxramas galleggia a mezz’aria sopra le Plaguelands, ed è la base operativa di uno dei più fidati ufficiali del Lich King, il temibile Lich Kel’Thuzad. Nuovi e antichi orrori, pronti a scatenarsi, si radunano all’interno della necropoli, mentre i servitori del Lich King preparano il loro assalto. Lo Scourge è di nuovo in marcia…

Oggetti e contenuti

Questa patch include le seguenti ricompense:

  • Raggiungere la reputazione Osannato con la fazione Warsong Gulch ora offre equipaggiamenti epici per le gambe.
  • Gli equipaggiamenti con resistenza alla natura creati attraverso le professioni sono ora disponibili tramite la reputazione con il Cenarion Circle.
  • Gli incantamenti con resistenza alla natura per gli equipaggiamenti per le gambe e la testa ora sono disponibili a Zul’Gurub.
  • È possibile ottenere i seguenti libri per i nuovi gradi delle abilità: Frost Ward, Shadow Ward, Flame Shock, Conjure Food, Eviscerate, Ferocious Bite.
  • Sono stati inseriti gli obiettivi PvP a Silithus e nelle Eastern Plaguelands.
  • È disponibile un anello epico con resistenza alla natura da una missione nella quale si deve uccidere un Elemental Lord al Cenarion Hold.
  • I giocatori potranno consegnare gli Argent Dawn Token alla Light’s Hope Chapel per ottenere equipaggiamenti.

Correzione dei problemi

  • Molte aure e benefici che aumentano la potenza d’attacco ora si applicano correttamente anche alla potenza d’attacco a distanza.
    • Note degli sviluppatori: questo era un problema di origine tecnica nella versione originale di World of Warcraft, che è stato corretto nei successivi aggiornamenti al gioco. Durante dei test interni abbiamo scoperto che questo problema influenzava anche i bonus dei set da 6 pezzi del tier 3 dei Paladini e degli Sciamani e, correggendolo, abbiamo deciso di sistemare molti altri casi in cui le aure e i benefici avrebbero dovuto influenzare anche la potenza d’attacco a distanza.
  • Risolto un problema che, alle volte, impediva il funzionamento della Darkmoon Card: Twisting Nether per i Sacerdoti che avevano il talento Spirit of Redemption dopo essere usciti e rientrati nel gioco con questo monile equipaggiato.
  • Risolto un problema per il quale il talento Improved Weapon Totems dello Sciamano non applicava i miglioramenti ai danni agli altri personaggi nel gruppo.
    • Note degli sviluppatori: questo talento fu introdotto nelle fasi avanzate della versione originale di World of Warcraft e continuò a funzionare involontariamente in questo modo fino all’inizio di Burning Crusade. Al tempo fu considerato un errore, ma in questa versione verrà risolto come originariamente previsto.
  • Risolti degli errori del terreno a Booty Bay che alcuni giocatori sfruttavano per rovinare l’esperienza di gioco di altri giocatori in arrivo o in partenza dai Flight Master, senza alcuna rappresaglia da parte delle guardie o degli altri giocatori.
  • Risolto un problema per il quale il filtro di auto-completamento del destinatario della posta creava un po’ di frustrazione quando si provava a inviare un messaggio di posta a qualcuno con un nome simile a quello di un membro della propria gilda.
  • Mettere un famiglio con l’abilità Prowl attiva nella scuderia non impedisce più agli altri famigli con Prowl di usare la stessa abilità.
  • Risolto un problema per il quale l’abilità Auto Shot del Cacciatore talvolta riscontrava un leggero ritardo tra un lancio e l’altro se questo veniva interrotto da Aimed Shot.
  • I famigli dei Cacciatori e i servitori degli Stregoni ora attaccano correttamente i nemici vicini in PvP quando sono in modalità aggressiva.
  • I famigli dei Cacciatori e i servitori degli Stregoni ora possono individuare come previsto i nemici furtivi vicini in PvP.
    • Note degli sviluppatori: nel WoW originale, i famigli dei Cacciatori funzionavano in modo simile ai mostri, individuando e attaccando i personaggi che gli passavano vicino all’interno del campo visivo. Inoltre, i famigli attaccavano anche i personaggi nemici furtivi che si avvicinavano tanto da essere individuati, sempre che fossero in modalità aggressiva. Abbiamo quindi ripristinato questo comportamento.
  • Risolto un problema con l’oggetto Scarab Brooch che impediva l’attivazione del suo Persistent Shield su nuovi bersagli in alcuni scenari.
  • Risolto un problema per il quale Bloodthirst non beneficiava sempre della potenza d’attacco aggiuntiva fornita dagli oggetti.
  • Risolto un problema che impediva all’oggetto epico vincolato all’equipaggiamento The Lion Horn of Stormwind di essere depredabile.
  • Risolto un problema grafico con gli oggetti Conqueror’s Spaulders e Avenger’s Pauldrons, che mostravano dei colori meno brillanti del previsto.
  • Molti oggetti come Hammer of Northern Wind, Sulfuras, Hand of Ragnaros e Nightfall ora possono attivarsi anche se chi li impugna è in tempo di recupero globale.
  • Risolti degli errori del terreno a Warsong Gulch che venivano sfruttati per creare situazioni di stallo ingiuste.
  • Risolti degli errori del terreno ad Arathi Basin che venivano sfruttati per raggiungere aree della mappa vietate.
  • Risolto un problema per il quale una parte degli effetti di danni periodici resistiti veniva copiata per l’intera durata dell’effetto.
  • Enslave Demon ora si dissolve come previsto dall’Infernale dello Stregone quando lo Stregone che lo controlla muore.
  • Risolto un problema per il quale le guardie neutrali attaccavano i bersagli PvP affetti dall’impatto iniziale dell’incantesimo Inferno invece che lo Stregone che l’aveva lanciato.
  • Il monile epico Jom Gabbar ora può essere attivato in forma mutata, come previsto.
  • Risolto un problema grafico con diversi oggetti come Gaea’s Tunic che, usando geometrie sbagliate, venivano visualizzati in modo errato.
  • Risolto un problema che generava un errore LUA quando si impostavano le opzioni Max Foreground o Max Background FPS nelle impostazioni del sistema.
  • Risolto un problema per il quale i danni bloccati non venivano riportati in modo corretto nel registro di combattimento avanzato.
  • L’oggetto Crystal of Zin-Malor non imposta i suoi danni quando viene equipaggiato e ora presenta una variazione di danni corretta.
  • Risolto un problema per il quale alcune creature nel mondo non eseguivano il suono corretto quando attaccavano o usavano le proprie abilità.

 

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: