World of Warcraft: Classic TBC e Chains of Domination tra i papabili annunci di stanotte

World of Warcraft: Classic TBC e Chains of Domination tra i papabili annunci di stanotte

Profilo di Stak
 WhatsApp

Chains of Domination – Mancano ormai pochissime ore prima dell’inizio della Blizzconline, ed una parte delle probabili novità sono già da questa notte argomento di discussione all’interno dei più popolari social della community.

Secondo dei leak dell’ultimissima ora infatti, questa sera gli sviluppatori di Blizzard ci parleranno del nuovo Chains of Domination per la versione retail di World of Warcraft (ovvero per Shadowlands), e di The Burning Crusade per WoW Classic.

Secondo quanto riportato da MMO-Champion infatti, è stata la stessa Blizzard a rilasciare del materiale PR davvero molto interessante, interamente dedicato ai due argomenti menzionati sopra.

Nel press-kit di Chains of Domination possiamo leggere che “Il traditore Sire Denathrius è stato sconfitto. . .ma il potere delle Fauci cresce ancora. In Chains of Domination, il primo importante aggiornamento in arrivo per World of Warcraft: Shadowlands, i giocatori esploreranno nuove profondità del dominio senza speranza del Jailer, cercando di comprendere la vera natura dei suoi piani maligni“.  Sembra che con la nuova patch dovremo fronteggiare un nuovo “crudele strumento di disperazione arruolato da Sylvanas Windrunner“, un qualcosa che nella descrizione viene descritto come capace di “instillare terrore nei cuori degli eroi di Azeroth come nessuna creatura delle Terre dell’Ombra“.

Con Chains of Domination avremo quindi anche un nuovo raid, chiamato “Sanctum of Domination“, in cui dovremo affrontare 10 nuovi boss, tra cui anche uno scontro in cui saremo faccia a faccia con la regina Banshee

Vi sarà poi anche un nuovo dungeon chiamato Tazavesh, nonché la stagione 2 di Shadowlands…ma scopriremo nuovi e più interessanti dettagl isolamente questa sera, quando verrà trasmesso il What’s Next dedicato a WoW.

The traitorous Sire Denathrius has been defeated . . . but the power of the Maw still grows. In Chains of Domination™, the upcoming first major content update for World of Warcraft®: Shadowlands, players will delve into new depths of the Jailer’s hopeless domain, seeking to understand the true nature of his malignant plans. Backed by the renewed might of the four Covenants, the champions of the Horde and the Alliance will take the fight for the Shadowlands to the seat of the Jailer’s power. But the Banished One has a terrible new champion in his service—a cruel instrument of despair conscripted by Sylvanas Windrunner, capable of instilling dread into the hearts of Azeroth’s heroes like no creature of the Shadowlands.

  • Discover the Mysteries of Korthia – The Jailer is searching for the key to fulfill his twisted designs—and he has pulled a fragment of a long-lost domain into the Maw itself to find it. Seek answers in ancient Korthia, the City of Secrets, and engage in new quests and outdoor activities.
  • The Covenants Strike Back – With the strength of the kyrian, night fae, necrolords, and venthyr restored, embark on a campaign to unite the four covenants—and together, launch an assault against the Jailer in his home territory.
  • Raid the Sanctum of Domination – Brave treacherous, unexplored reaches of Torghast in a new 10-boss raid: the Sanctum of Domination. Encounter the true Eye of the Jailer, turn the tide against the Tarragrue, and come face-to-face with the Banshee Queen herself in a fateful confrontation.
  • New Mega-dungeon – Tazavesh, the Veiled Market—Gather your party and discover exotic wares and strange creatures in an eight-boss Mythic mega-dungeon set in a bazaar of the mysterious Brokers, and culminating in a high-stakes heist to steal powerful artifacts from Azeroth.
  • And More – Gear up for Shadowlands Raid, Dungeon, and PvP Season 2, with a seasonal Mythic Keystone dungeon affix themed around the Jailer’s power; don new Covenant cosmetic armor sets that any class can wear; expand the powers of your Soulbinds and Conduits; add new mounts and pets to your menagerie; Unlock flying in the Covenants’ four domains; and much more.

 

Il punto su WoW Classic TBC

Per quanto riguarda WoW Classic invece, secondo i leak scovati da Mmo-Champion il 2021 vedrà l’arrivo (o meglio il ritorno) della prima storica espansione del gioco, ovvero la “mitologica” The Burning Crusade.

Questo vorrà dire che presto potremo creare un personaggio Draenei o Blood Elf anche su WoW Classic, usare mount volanti, ed andare in esplorazione nelle pericolose Outland, da Zangarmash fino al celebre Black Temple.

Un’interessante novità riguarda poi anche la questione avanzamento dei personaggi, con i giocatori che potranno scegliere in totale autonomia di far accedere i propri pg alle Outland, o anche di lasciarli al livello attuale sui server “Classic Era“, dove tutto resterà immutato a Pre-TBC.

Ecco il contenuto del post dei PR:

Journey through the Dark Portal once again in World of Warcraft®: Burning Crusade Classic™! Originally released in January 2007, The Burning Crusade summoned the heroes of Azeroth to the shattered and fel-scarred realm of Outland to stop an invasion of the demonic Burning Legion. In 2021, Blizzard Entertainment’s recreation of the first World of Warcraft expansion will give players from around the world a chance to return to Outland as it once was to relive an era of timeless adventure—or experience what awaits beyond the Dark Portal for the first time.

  • Rediscover the Broken World of Outland – Flee the fel reavers who roam Hellfire Peninsula, dive deep beneath the swamps of Zangarmarsh to confront what lurks below, and clash with the demonic agents of the Burning Legion in the shadow of the Black Temple.
  • Join the Fight as a Blood Elf or Draenei – The ranks of the Horde and the Alliance grow! Fight for the Horde as the blood elves, seeking a new source of the arcane power that once sustained them, or join the Alliance as the draenei, exiles from Outland in search of a new home.
  • The Saga Unfolds Over Time – Content from the original game will roll out in phases, at a cadence paced for the WoW Classic community. Prepare for the opening of the Black Temple, gear up to confront the gods of Zul’Aman, and gather your allies to face the fury of the Sunwell.
  • Burning Crusade Features Reborn – Prove your prowess in the Arena PvP system, enhance your gear with the Jewelcrafting profession, take to the skies over Outland on flying mounts, choose whether to seek the aid of the Aldor or the Scryers of Shattrath, and much more.
  • Choose Your Era – Prior to Burning Crusade Classic’s release, WoW Classic players can decide whether to advance each of their characters to the Burning Crusade era with the rest of their realm, or to continue playing the original WoW Classic content on new Classic Era servers.
  • Included With Existing World of Warcraft Subscriptions – As with WoW Classic, anyone who subscribes to World of Warcraft can also play Burning Crusade Classic at no additional cost, giving players the freedom to enjoy multiple eras of Azeroth at their own pace.

 

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: