WoD Raid BetaTesting – Tritaroccia

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nella giornata di ieri, poco prima dell’inizio del Quarto Hearthstone Powned Tournament, Powned.it si è fiondata sui server Beta per entrare nella Fonderia dei Roccianera a testare lo strano boss Tritaroccia

Come leggibile dalle info sopra riportate, infatti, Tritaroccia è molto interessato ai Minerali presenti nel deposito dei Roccianera. Lo affronteremo “a stomaco pieno”, per cui la prima fase del fight si svolgerà con Tritaroccia carico di energie.
La peculiarità in questa fase è Torrente Acido, un’abilità che lancia spesso su un membro distante del raid e che “deve” venire intercettata dall’offtank per fare in modo che il danno subito dal raid venga mitigato.
Oltre questa abilità, il boss periodicamente vomita la Roccianera con l’abilità “Roccianera Vomitata” formando una void dannosa da cui spostarsi;  infine, lancia delle Raffiche di Roccianera da interrompere.

E’ però quando si svuota il pancino che Tritaroccia diventa pericoloso! Infatti, appena termina i minerali, inizierà a rotolare per il deposito recuperando i Minerali sparsi tra le varie casse. Sarà compito del Gruppo continuare a danneggiarlo e allo stesso tempo distruggere come possibile le varie scorte di minerali per prolungargli il periodo di fame.
In questa fase il boss si muoverà nel labirinto del deposito con movimenti rettilinei tramite l’abilità Furia Ondeggiante che, se colpisce i giocatori, li instant-shotta nella maggior parte dei casi; inoltre, per ogni collisione con i muri dell’arena scatterà una Collisione Scuotiterra che infliggerà danni a tutto il raid.

La Tattica

Per affrontare il boss è di vitale importanza che i ranged si spostino dalle varie void di Roccianera che si vengono a creare, e allo stesso tempo che il Tank secondario sia in grado di mitigare il Torrente Acido, vero “killer” di questo boss.
La fase di rotolamento,invece, deve solo essere gestita in modo che i giocatori sopravvivano alle varie Collisioni Scuotiterra ma non richiede nessuna abilità particolare. Probabilmente la stessa fase 2, che nei nostri test con i Pug  è stata sempre superata in malo modo, viene semplificata da una corretta Fase 1 (in cui i curatori possono sprecare meno mana/non usare i cooldown).

Commenti al Fight e Video

Pur non avendolo sconfitto, i miei test con il raid Pug mi hanno convinto che questo boss non sia particolarmente ostico e che, con il gear giusto e dopo aver assimilato le nuove class mechanics, non sia un ostacolo almeno in normal.
Il mio gruppo, ad esempio, quasi interamente formato da una gilda 14/14 Hm (Dreamwalkers, Dun Modr EU )non mi è sembrato nè skillatissimo nè senza cognizione di causa ma piuttosto una gilda di medio livello che si trovava a raidare per la prima volta con dei Premade e con classi con parecchie modifiche.
Come potrete vedere nel video, ad esempio, la gestione del torrente acido era pessima per cui il Paladino Retribution veniva instantato senza motivo e parecchi errori venivano fatti anche verso la fine della P1 e nella P2 stessa.
Ho abbandonato il gruppo poi per servire il Torneo di Hearthstone di ieri sera, ma credo che non l’avremmo ucciso (il tuning da 10 mi è sembrato abbastanza tight rispetto ai video 25-30 man che ho visionato).
Sperando vi piacca vi lascio al video!

[embedvideo id=”wgT8_zWqq-4″ website=”youtube”]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701