Torneo di Hearthstone: la Parola ai Protagonisti!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dopo due giorni molto faticosi ed entusiasmanti si conclude il secondo Powned Tournament di Hearthstone, che vede come suo vincitore  Shobe, per la prima volta iscritto ad un torneo di powned.it

Questi due giorni hanno rappresentato un chiaro e netto punto di svolta nel lavoro che powned.it fa quotidianamente al fine di contribuire alla crescita della community, e questo perchè, oltre alla molto incoraggiante affluenza (140 iscritti, esattamente il doppio del primo torneo di powned, organizzato poco più di un mese fa), abbiamo registrato una straordinaria partecipazione social e neanche un problema durante tutto l’arco della manifestazione.
Siamo davvero fieri di poter vivere questa esperienza insieme a voi, consci del fatto che continuando cosi molto presto i tornei di Powned potranno vantare diverse centinaia di iscritti e premi sicuramente più corposi!
Il nostro obiettivo è sempre stato quello di costruire una community pronta a cooperare ed a collaborare, dove i giocatori più forti e con più esperienza si mettono a disposizione di chi lo necessita, regalando preziosi consigli ed utili informazioni, al fine di far crescere, insieme, la community italiana di Hearthstone.

Il torneo è uno strumento finalizzato, oltre che al divertimento, al dare dei punti di riferimento nell’ambito del Gaming, al fine di socializzare tra giocatori e per creare, appunto, community. Oltre a questo (i tornei), sono tanti i progetti che sono partiti (come le guide, i video tutorial, o gli streaming settimanali di Slabbrino o ancora quelli quotidiani di Gera89) o che partiranno (di questo ancora non vi diciamo nulla… effetto sorpresa :P) che possono aiutare sensibilmente al rendere sempre più solido un progetto ambizioso ed importante che Powned.it insegue dal primo giorno in cui è stato messo Online!
Come abbiamo detto in un passato articolo un po di tempo fa, solo con il vostro aiuto questo progetto potrà dare i suoi frutti, e fino ad ora il vostro aiuto è stato, oltre che sensazionale, anche entusiasmante! Vi ringraziamo nuovamente quindi, per il supporto, per le critiche (anche quelle più dure ed apparentemente prive di significato), per i consigli ed ovviamente… per la partecipazione!

barcraftAdesso lascio la parola ai protagonisti del torneo, che a suon di giocate da favole e qualche Topdeck (sono sacrosanti anche questi) si sono aggiudicati le prime 7 posizioni del tabellone…ecco a voi le considerazioni sul torneo dei 7 Re di powned.it!!

 

Lucyfer

Comincio con il ringraziare chi ha permesso la realizzazione di questo affascinante torneo per Hearthstone. Il gioco che è al debutto è davvero divertente e promettente, e credo che Powned sia riuscita, almeno per adesso, a centrare un obbiettivo importante: Riuscire a far divertire la nostra community italiana. Molto spesso come ben sappiamo, l’italiano è messo in seconda fila, e grazie a Powned siamo riusciti lo stesso a dire la nostra. Analizzando il torneo in se per se, devo dire di aver incontrato molto validi avversari, qualcuno sicuramente più preparato di altri, sia tecnicamente e sia per la composizione del proprio deck.  L’organizzazione è stata ben curata e la gestione impeccabile, con gli officer sempre a disposizione per risolvere eventuali problemi o incomprensioni.
Con il tabellone del programma, che contava ben più di 100 giocatori iscritti ( e direi che non è davvero poco!!! ) si poteva visualizzare gli scontri e l’andamento in tempo reale, e anche questo non è poco! Inoltre sono felice del quarto posto, che come ha detto un mio amico, è pur sempre una medaglia di ferro 🙂 (L’ho detta io, Stak, e me ne vanto!! LoL). E mai avrei pensato di arrivare a tanto, considerando anche l’alto livello dei miei avversari. ( Non cito i nomi perché se ne dimenticassi qualcuno non vorrei farmene un torno 😛 ). Ma sono ancora di più soddisfatto di essere uscito in semifinale contro il vincitore del torneo stesso, il che sta ad indicare che pur non essendo un rank leggenda, potevo anch’io riuscire ad ottenere la vittoria assoluta!!. ( Dico potevo perché nulla è mai certo! ).
Ma sicuramente al prossimo torneo, ( che spero non tarderà a venire ) darò di nuovo del filo da torcere ai miei avversari. Ricordo a tutti inoltre, che l’importante non è vincere ma divertirsi. E’ un gioco, ed anche se la competizione c’è, ed è innegabile, ciò che rende tutto più bello e divertente è lo spirito con cui si affronta.

Ringrazio ancora Powned, e se nel caso avete voglia di contattarmi il mio battletag è: Lucyfer#2335.

 

Exehn

Ciao a tutti!  Mi piacerebbe consigliare agli organizzatori un nuovo formato per gli eroi, pensavo a 3 (che si scelgono in fase inziale) che si possono cambiare ogni qual volta si perde un Round. Inoltre sarebbe bello poter avere più premi a disposizione, cosi da premiare anche il secondo ed il terzo posto, poichè, essendo un gioco di carte, non è sempre detto al 100% che vinca il più forte!
Riguardo agli avversari incontrati lungo il cammino, i più difficili sono stati Okeie col ramp druid e Lik col control warrior in semi, in finale mi ha counterato lo shamano Shobe, con hex a tutti i giant, earth shock ai drake, e quando sono andato zoo doppio lighting storm con il totem… non potevo fare altro!

 

Manaiz

Ciao Powned.it!
Il torneo è stato veramente divertente e nel complesso posso ritenermi abbastanza soddisfatto del mio posizionamento malgrado non sia riuscito a raggiungere la fase semifinale del torneo. Visto il risultato scadente del primo torneo, stavolta ho preferito giocare una lista e una classe decisamente più solida e ragionata sin dall’inizio, ovvero Druido. Ho scelto di giocare la versione Token sempre nel primo game (a mio parere fortissima) e, a seconda del match up, sidare in modo tale da avere un mazzo di controllo solido con delle risposte efficaci per ogni situazione. Alla fine del torneo ho incontrato un totale di 2 Ladri (uno Midrange diventato Black Magic in seconda partita, l’altro Miracle puro), 1 Cacciatore e 2 Guerrieri Control. Il Druido si è rivelata una scelta solidissima soprattutto per la sua versatilità, di side infatti si può passare (come alla fine è successo) da Druido Token, mazzo prevalentemente Midrange-aggressivo, a Druido Ramp puro controllo con più o meno varianti. Al penultimo turno ho avuto occasione di affrontare Biscaf, giocatore Legend di Hearthstone e molto bravo anche a Magic, con Warrior Control. E’ stata una partita tiratissima, senz’altro la più sudata di tutto il torneo, anche perchè Druido Token purtroppo non sta bene contro quella classe, infatti sia contro di lui che contro l’avversario successivo, Lucyfer (anche lui War Control), ho malamente perso il primo game senza praticamente toccare palla. Entrambe le volte in g2 e g3 ho sidato Druido Ramp togliendo quasi completamente il piano Token e inserendo Melma delle Paludi, fondamentale in doppia copia sempre, 2x Crescita Rigogliosa e un pool di servitori a costo 4-5-6 (Yeti di Ventofreddo , Difensore di Argus , Ufficiale d’Argento , Sylvanas Ventolesto  e Cairne ) per cercare di mantenere costantemente il board impegnato e per non lasciare mai prendere troppo vantaggio carte all’avversario il quale si trova costretto a dover scegliere come usare le sue rimozioni dirette più forti. Contro Biscaf alla fine complici (lo ammetto) un paio di mie pescate fortuite sono riuscito a vincere. Fortuna che mi ha voltato le spalle invece contro Lucyfer il quale è riuscito a portare a casa il g3 grazie ad una sua pescata un pò fortunella di Grommash Malogrido + sparino per attivare Rage, il turno prima della mia chiusura 🙁 .
Nel complesso comunque torneo veramente divertentissimo e combattuto, senza alcun problema di gestione da parte dello staff il quale è riuscito a coordinare perfettamente un lavoro cosi ampio esclusivamente online.
E’ bello vedere come un gioco appena uscito possa portare, oltretutto su un sito freschissimo, un affluenza di giocatori cosi grande. Attendo con ansia il prossimo torneo, al quale parteciperò senz’altro!
Saluti e ringraziamenti a tutto lo staff Powned.it! 🙂

 

Lik

Ciao Stak, ciao a tutti! Facendo qualche considerazione generale su questi due giorni, posso dire che senza dubbio alcuno l’avversario che mi ha messo più in difficoltà è stato Exehn che infatti mi ha battuto con un secco 3 – 1, di partite in cui la fortuna ha inciso considerevolmente non mi sembra di averne incontrate ne a favore ne contro, e chiaro che se trovi molti match contro mazzi che te la giochi al 50% devi comunque pescare le carte giuste per vincere ma questa non la ritengo fortuna visto che stiamo parlando di un gioco di carte.
Nel complesso mi son divertito ed ho aggiunto alla mia friend list un po’ di giocatori che non conoscevo che si son dimostrati tutti simpatici e corretti, avere qualche ”amico” in più con cui confrontarsi non fa mai male.
Per quanto riguarda l’organizzazione del torneo è stata impeccabile (come nel primo torneo) con gli organizzatori sempre presenti, l’unico appunto che posso fare è sul formato scelto ovvero la scelta di un eroe con possibilità di inserire la side e al meglio di 3 partite, a mio parere in un gioco come hearthstone dove alcuni eroi counterano quasi naturalmente altri eroi questa scelta di formato rende il tutto più soggetto alla fortuna. Personalmente preferisco il formato con scelta di eroi a eliminazione che si è usato nei principali tornei internazionali (dreamhack per esempio) poichè la fortuna di scegliere l’eroe giusto rispetto agli avversari viene sostituita dalla capacità di scegliere 3 eroi e 3 mazzi che si inseriscono meglio nel metagame che si attende. Questa ovviamente è una visione mia personale, son convinto che molti giocatori preferiscono il formato mono-eroe + side. Detto questo, vi ringrazio nuovamente e vi saluto! Alla prossima!!

 

Shobe

Ciao Stak, e ciao a tutti!

Inizio col dire che questo è stato il mio primo torneo di Hearthstone in assoluto. Gioco da circa tre mesi e ho voluto mettermi alla prova appena ho saputo dell’iniziativa.

Il torneo prevedeva l’utilizzo di un solo eroe per sfida, e ho deciso di iniziare la prima giornata con il mio main deck, il control warrior (nella versione di kitkatz), poiché mi aspettavo un meta control.

Nella prima giornata ho incontrato uno sciamano e un warrior con un rank molto basso, e le sfide si sono concluse rapidamente in mio favore. Per la seconda giornata ho deciso di utilizzare un mazzo sciamano, mazzo che uso da pochi giorni ma che al contrario del warrior control non ha praticamente match up sfavorevoli e può cavarsela teoricamente contro ogni avversario. La scelta è risultata vincente, e inoltre il secondo giorno ho incontrato ben tre warrior control su un totale di cinque avversari, ed è risaputo che lo sciamano è favorito in questi casi.

Il primo avversario che mi ha messo un po’ in crisi il secondo giorno è stato Bertels, che ha pensato bene di preparare due versioni del warrior, una control e l’altra aggro, che ha usato nella seconda partita cogliendomi di sorpresa. La stessa strategia è stata usata da Exehn nella finale, che alternando handlock e zoolock mi ha costretto a modificare fino a tre o quattro carte del deck principale per adattarlo al meglio. L’handlock è un match up particolarmente difficile per lo sciamano, che in molti casi si trova costretto a non attaccare l’avversario pur avendo la board piena per non portare il warlock ad un numero di punti vita abbastanza basso da regalargli dei Giganti di Magma in combo con Difensore di Argus/Guardia Furia del Sole. In casi simili la scelta di non infliggere anche un solo danno può decidere l’esito della partita e ogni fase d’attacco va studiata nei minimi dettagli. Nell’ultima partita in assoluto, contro l’handlock di Exehn, è stata vincente la scelta di aggiungere al mazzo un Getto di Lava, che mi ha permesso insieme a Thalnos di chiudere la partita in un momento in cui sembrava non potessi arrivare a infliggere danni letali all’avversario.

Nel prossimo torneo mi piacerebbe poter utilizzare il classico formato dei tre mazzi alternati, utilizzato nella maggior parte dei tornei internazionali, ma nonostante tutto ho trovato divertente anche questa modalità di gioco. Ti ringrazio per il supporto durante tutta la durata del torneo e mi auguro che ne riusciate ad organizzarne altri nei prossimi mesi.

 

Vi ringraziamo per aver lasciato questi feedback, promettendo a voi ed a tutti i futuri iscritti ai tornei di Powned.it che cercheremo una soluzione al discorso degli eroi. A questo proposito, ci piacerebbe che tutti voi ci aiutaste mediante un parere, per cosi prendere la decisione più legittima possibile! Meglio la formula attuale che prevede di poter cambiare eroe solo nel caso in cui si vinca la partita (che ricordiamo è la sommatoria dei vari game che un giocatore ha contro un avversario; questa formula indubbiamente svantaggia alcuni eroi contro altri), i 3 mazzi come spesso in questo articolo viene consigliato, o la totale libertà di scelta oltre che nei mazzi anche nei vari eroi che si scelgono durante la manifestazione?

Aspettiamo quanti più pareri possibili. Presto nuove info sul prossimo torneo già in fase di strutturazione, con la speranza, questa volta, di riuscire nel prossimo obiettivo: i 200 iscritti!! Stay Powa!

 

 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701