Si infiamma la battaglia per la WFK di Sylvanas: Echo e Limit vicinissimi alla kill!

Si infiamma la battaglia per la WFK di Sylvanas: Echo e Limit vicinissimi alla kill!

Profilo di Stak
 WhatsApp

WFK Sylvanas – Le ultime 24 sono state probabilmente le più infuocate, imprevedibili ed emozionanti ore della storia recente del progress di World of Warcraft, con Limit ed Echo che stanno facendo di tutto per ottenere l’agognata World First Kill di Sylvanas Ventolesto.

A differenza di quanto visto spesso in queste gare al progress, su Sanctum of Domination c’è davvero un quasi perfetto equilibrio tra le due gilde protagoniste, ed è praticamente impossibile fare un’ipotesi credibile e realistica su quale delle due riuscirà per prima a portare a casa l’obiettivo.

Al momento i due gruppi si differenziano di circa un solo punto percentuale, nel senso che la migliore try degli Echo si è chiusa con il boss al 46.4%, mentre quello dei Complexity è riuscito a chiudere a 45.4%…presumibilmente ad uno 0.4% dalla fine della fight.

Già perché questo encounter dovrebbe concludersi orientativamente tra il 40 ed il 45% della vita del boss, anche se ovviamente non si hanno prove certe di questo (ancora nessuna gilda è arrivata fino a questo punto, e Blizzard non ha comunicato nulla in merito), ed entrambe queste organizzazioni sono ormai ad un passo dall’ottenimento della WFK.

Ancora una volta abbiamo purtroppo assistito a delle modifiche al boss in piena corsa al progress, con delle modifiche volute dagli sviluppatori che hanno di fatto reso inutile la strategia che stavano usando gli europei degli Echo: la cosa ha generato un po’ di irritazione all’interno della scena, anche perché proprio non si capisce perché Blizzard non avvisi almeno le 5/10 gilde più forti del mondo delle modifiche.

Sanctum of Domination regala numeri straordinari per WoW su Twitch!

Pensate che gli Echo hanno scoperto dell’aggiunta dell’enrage timer ad un mob dell’encounter in pieno combattimento (si tratta di un vero e proprio hotfix, troverete più in basso i dettagli), ma sono stati davvero formidabili ad identificare subito la modifica e ad adattare la strategia del raid a questa particolare novità.

Entrambe le gilde stanno dando davvero tutto, con sessioni di gioco che sono arrivate a durare fino a 16 ore consecutive…una cosa mostruosa, che dimostra quanto forti ed assolutamente eccezionali possano essere questi ragazzi impegnati nel progress mondiale su Sylvanas.

Fra poche ore potremmo quindi assistere ad una delle kill (o ad entrambe, ndr), anche se come detto sopra è praticamente impossibile stimare quale delle due sia davvero in vantaggio sull’altra.
Non ci resta che attendere quindi, e goderci questo meraviglioso spettacolo di Sanctum of Domination.

Il momento in cui gli Echo scoprono del fix di Blizzard, che invalida la strategia (tank instakillato dal mob che fino a quel momento tankava senza problemi):

Il progress italiano

Piccolo importante update anche per il progress nostrano, con gli Unreal che sono riusciti a mettere in cassaforte anche il terzo boss, e con i One Tier Stand che hanno invece completato The Eye of the Jailer, loro secondo encounter a referto.

Tutte le altre org impegnate nella run mitica non sono riuscite a mandare giù altri boss, con praticamente tutte le organizzazioni della nostra community (ad eccezione delle prime due) che sono purtroppo fuori anche dalla Top1000 mondiale.

# Gilda Reame
564 Unreal EU-Nemesis 3/10 (M)
830 One Tier Stand (r) EU-Nemesis 2/10 (M)
1218 Struggle EU-Nemesis 1/10 (M)

Le ultime note della patch sul raid: 

Classes

  • Death Knight

Covenants

  • Soulbinds
    • Venthyr
      • Nimble Steps (Nadjia the Mistblade) will no longer cause excessive Immunity messages when the target is immune to its movement reduction effect.

Dungeons and Raids

  • Sanctum of Domination
    • Remnant of Ner’zhul
      • Orbs of Torment should no longer be able to sneak in a melee attack.
    • Painsmith Raznal
      • [With regional restarts] Floor spikes created by Instruments of Pain now inflict their damage more closely aligned with the visual effect of the spikes on all difficulties.
    • Guardian of the First Ones
      • [With regional restarts] The Physical damage portion of Obliterate is now correctly increased by Obliterate’s vulnerability effect, and Obliterate’s vulnerability effect has been increased to 5000% on Heroic and Mythic difficulties.
        • Developers’ note: On Heroic and Mythic difficulties, the Guardian’s Sunder and Obliterate combo is meant to be shared between two tanks. Prior to this change, stringing together multiple immunity effects could allow a single tank to survive the entire encounter; this should no longer be possible. Our goal is to avoid a scenario where the optimal strategy for the encounter involves having only a single tank, unlike all other encounters in Sanctum of Domination.
    • Kel’Thuzad
      • [With regional restarts] Soul Shards will no longer despawn if the target of Soul Fracture is defeated prematurely.
    • Sylvanas Windrunner
      • Fixed an issue that could cause Sylvanas to cast a non-intermission Domination Chains prior to casting the intermission Domination Chains if pushed over the health threshold very close to the cooldown of Domination Chains.
      • Fixed an issue that allowed Thrall to affect Dark Sentinels with a knockback.
      • Bolvar should now more reliably cast Winds of Icecrown on Mythic difficulty.
      • Fixed an issue that would prevent Mawforged and Mawsworn enemies from granting on-kill procs.
      • Fixed an issue where Merciless could spawn an unreliable number of zones.
      • Fixed an issue that could cause players to teleport to the wrong location at the start of Stage 3.
      • Sylvanas should now move defeated players between platforms after casting Raze.
      • Fixed an issue that could cause Veil of Darkness to be applied to targets but do no damage.
  • Mythic+
    • Tormented Affix
      • Oros Coldheart’s Frost Lance should no longer damage or knock back pets.
  • Tazavesh, the Veiled Market
    • Mailroom Mayhem
      • Fixed an issue where entering The P.O.S.T. while mounted could prevent players from picking up Unstable Goods during the encounter.

Torghast, Tower of the Damned

In addition to other hotfixes that we’ll note in the hotfixes update later today, we want to highlight three Sanctum of Domination fixes that we’re currently working on and intend to implement with the weekly reset in each region.

Painsmith Raznal

  • The damage associated with spike waves now more consistently matches their visual effect.

Guardian of the First Ones

  • The Physical damage portion of Obliterate is now correctly increased by Obliterate’s vulnerability effect, and Obliterate’s vulnerability effect has been increased to 5000% on Heroic and Mythic difficulties.

Kel’Thuzad

  • Soul Shards will no longer despawn if the target of Soul Fracture dies prematurely.

Again, we intend the above changes to go live with the weekly reset in each region.

 

Cosa ne pensate community?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: