#RoadtoDraenor Episodio 8 : Morte Reloaded

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

“..Inutile speculare su chi torna, il nostro gruppo non è cambiato..sono rimasti tutti. Con grande soddisfazione…”

Nell’ottava puntata di #RoadToDraenor arriva la gilda 25man rivelazione di Nemesis Orda : I Morte Reloaded!!! Intervistati da Powned.it qualche mese fà , rispondono ancora gentilmente alle nostre domande a meno di un mese dall’uscita di Warlords of Draenor!
Leggiamole insieme!

Benvenuti Morte e grazie per avere ancora una volta accettato di rispondere alle nostre domande! La prima domanda di rito riguarda le vostre origini, da dove arrivano i Morte?

La gilda MORTE Reloaded nasce come spin-off della piu longeva (se non La più longeva) gilda social MORTE, attiva fin da Vanilla su Crushridge/Hakkar. Dopo l’inizio di Pandaria,più o meno sul finire del primo Tier, un insieme di giocatori composto da membri del Raid Alfa dei vecchi MORTE e altri eccellenti (ex) membri dei No Comment, si sono messi di piglio buono (buonissimo) e hanno fondato MORTE Reloaded. Gilda che raidava da 10. Successivamente, dopo un buon piazzamento da 10 a ToT, con astuta lungimiranza e audacia (insieme ad un paio di fattori gestionali da risolvere), GM e Officers, hanno deciso di concentrarsi, più che sul clearare SoO da 10, sull’ allestimento di un gruppo (perchè non siamo un “roster”, inteso come gruppo di soldatini, siamo un gruppo, con la G maiuscola) che potesse giocare insieme per tutta la nuova espansione. Abbiamo inserito Grandi Persone “attingendo” da Heroic Guild, Lambda Tau Kai e Unison. Nascono cosi i MORTE Reloaded da 25, che a Marzo 2014, chiudono il content, con grande soddisfazione di vecchi e nuovi!

Come pensate di impostare la nuova espansione di WoW in ottica raid? Su internet c’è stato un gran parlare dei cambiamenti al roster, dei raider…il toto nomi etc..Siete pronti?

Siamo nati pronti.
No dai, a parte tutto, stiamo aspettando da troppo tempo questa nuova espansione per cui c’è un hype alle stelle. Grandi aspettative per il nuovo content.
A livello di impostazione, attualmente non abbiamo molto da cambiare in ottica raid, meno male. Essendo partiti da fine gennaio da 25, abbiamo preso abbastanza confidenza con il formato e passare a 20 non è un grosso problema. Non abbiamo ancora affrontato il
discorso dei giorni di raid (4?, 5?, 4/7 ribadito?). Vedremo strada facendo quanto si alza l’ asticella del “nerdometro”.
Sul toto nomi, nulla da dire, roba normale di wow. Vista e rivista in anni di questo videogioco. Chi nel 2014 si sconvolge per il viavai di persone, lo stalkering sfrenato, il flame, allora vuol dire che è relativamente poco che gioca a WoW.

Avete salutato positivamente la modalità Mythic a 20 raider? o pensate fosse meglio la divisione dei raid nel formato da 10 e 25 slot?

Va bene il 20. Per coloro i quali la diatriba “rustichella classica o mediterranea” dava adito a fiumi di discorsi e parole, era motivo di vanto, epeen, garetta, stile, ecc, ora con l’unico formato, volenti o nolenti, dovremo essere tutti d’ accordo. Per noi, l’importante
era, è, sarà chiudere il content. 10-25-30-22-12, non importa, l’importante è arrivare in fondo, tutti insieme.
Certo, chi ha “vivacchiato da 10”, dicendo “tanto vediamo poi, tempo ne abbiamo”, potrebbe trovare qualche rogna da risolvere in certi momenti. Passare da 10 a 20 non è una cosa da sottovalutare. Passare da 25 a 20 è forse un filo piu semplice, anche se i
“tagli” potrebbero essere dolorosi o avere qualche strascico. Ma anche in questo caso, chi gioca WoW da un pò, sarà avvezzo a tutto questo.

Per quanto riguarda l’espansione vera e propria… molte voci sostengono che con WoD ci sarà un enorme ritorno di utenza… cosa credete in merito? E se si, perchè dal vostro punto di vista Draenor suscita tutto questo entusiasmo?

Potrebbe esserci un ritorno, si, ok. Va bene. Vediamolo. Inutile speculare su chi torna, chi forse torna. Dati alla mano, ne parliamo. Di sicuro è che il nostro gruppo (quello della kill di Garrosh) non è cambiato. Sono rimasti tutti. Con grande soddisfazione. E, dato che la maggior parte di noi gioca da sempre, nel nostro caso, non si parla di ritorni ma, di chi nonostante età, famiglie, lavoro, donne, donne ribadite, motori.. Continua a uccidere i mostri nel 2014 a 35 anni (come chi scrive).

Il panorama italiano delle gilde di WoW, quando vissuto in modo propositivo, è capace di esprimere una meravigliosa ed emozionante (almeno per chi la segue) sfida al progress. Cosa pensate delle altre gilde concorrenti che saranno protagoniste di questa fantastica corsa?

Dipende sempre come si inquadra la sfida al progress. Comunque si, ne vedremo delle belle, ci sono sicuramente gilde di indubbio valore e propensione al “rush”, un grande “in bocca al lupo” a tutte.

 

 

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701