Riepilogo delle principali novità della Blizzconline

Riepilogo delle principali novità della Blizzconline

Profilo di Mefionir
 WhatsApp

Esattamente nella mezzanotte tra il 19 ed il 20 febbraio si è conclusa la cerimonia d’apertura della Blizzconline, l’evento streaming completamente gratuito. La manifestazione ha mostrato tutti i progetti portati avanti nel corso del 2020, soprattutto in omaggio dei 30 anni della società nel mondo videoludico.

Al centro dell’attenzione vi sono stati i franchising di Warcraft, Hearthstone e Diablo, quasi tutti accompagnati da una forte operazione “nostalgia“. Per chi se la fosse persa, l’intera cerimonia è disponibile presso il canale youtube ufficiale di Blizzard (purtroppo nessun sottotitolo italiano).

Blizzard Arcade Collection

Blizzard omaggia i suoi 30 anni proponendo la Blizzard Arcade Collection, un tris dei primi videogiochi della società: The Lost Vikings, Rock N Roll Racing e Blackthorne. Saranno giocabili sia nella loro versione originale, sia in una versione personalizzata nei filtri e nei comandi.

Un’operazione nostalgia con i fiocchi che dà la possibilità di riscoprire queste piccole perle videoludiche vintage. Chi ha già acquistato la Celebration Collection ne è già entrato in possesso nella sua versione PC, mentre per la versione console occorrerà aspettare il 20 febbraio.

World of Warcraft Shadowlands: Chains of Dominations

Ormai divenuta una delle espansioni più ambiziose dell’MMO di Blizzard, Shadowlands ha finalmente il suo primo grande aggiornamento. Un breve corto in game mostra il continuo delle avventure a seguito della sconfitta di Denathrius, con la Fauce che continua ad accrescere nel suo potere. Senza darvi troppi spoiler, lasciamo che sia il trailer a parlare del destino di Azeroth.

World of Warcraft Classic Burning Crusade

Era il 2007 quando la prima espansione di WoW ha esordito nei PC dei videogiocatori dell’MMO di Casa Blizzard. La nuova espansione dell’odierna versione vanilla promette di rivivere qui momenti passati nelle Outlands, le terre natale degli Orchi. Burning Crusade Classic introdurrà ancora una volta le razze dei Drenei e degli Elfi del Sangue, e la sua uscita è prevista nel corso del 2021.

Diablo IV: la tagliagole

Giunge un nuovo trailer dedicato alla nuova classe giocabile di Diablo IV: la tagliagole. Il personaggio si dimostra molto agile e scattante nell’utilizzo delle proprie armi. Assolutamente nulla che possa far rimpiangere la mancanza della cacciatrice di demoni di Diablo III.

Con questa new entry, sono ora quattro le classi giocabili in Diablo IV, e sicuramente molti fan della serie saranno ben lieti di sapere che ci sarà un Q&A domani sera.

Hearthstone Forgiati nelle Savane

Dopo il teaser degli scorsi giorni, finalmente il team di Hearthstone mostra la sua nuova avventura Forgiati nelle savane, promettendo nuove carte (ben 135), la nuova meccanica Frenesia, le Scuole di Magia, gli Incantesimi Graduati e molto altro ancora!
Il tutto dovrebbe arrivare già a partire dalla primavera del 2021, ma secondo gli sviluppatori, anche Hearthstone sarà coinvolto nelle operazioni revival della Blizzard. Infatti è stata annunciata la possibilità di accedere ad una versione “vanilla” del gioco, con le carte e le meccaniche delle sue origini.

Diablo 2 Resurrected

Dopo tante speculazioni finalmente è stato annunciato. Diablo II Resurrected promette di rivivere le esperienze di uno dei più celebri GDR della storia dei videogiochi. Differentemente dall’approccio di Starcraft Remastered, viene proposto l’uso dei modelli 3D. (personalmente mi ricorda molto Sacrad 1). Lo stesso Allen Brack promette non solo l’aggiornamento del gioco nei nuovi sistemi operativi, ma anche la rimasterizzazione di tutti i 23 minuti di cinematics scena per scena.

E come se non bastasse, il gioco sarà disponibile anche su console e con una progressione cross-piattaforma (ovvero che si potranno mantenere i dati dai diversi dispositivi). Gli utenti possono iscriversi all’alpha tecnica del gioco da questo indirizzo. La data di uscita stimata è nel corso del 2021.

E Overwatch 2?

Nonostante Overwatch 2 sia una grande novità, il gioco non è stato incluso nella cerimonia d’apertura dell’evento. Tuttavia, possiamo vedere un lungo ed esaustivo recap di quanto sia cresciuto il progetto rispetto all’anno scorso.

Il riepilogo si è concluso qui, ma quale annuncio della blizzconline vi ha entusiasmato di più? E quale vi ha deluso e perché?

Diablo Hell, parte l’evento nei migliori studi Tattoo di tutto il mondo!

Diablo Hell, parte l’evento nei migliori studi Tattoo di tutto il mondo!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Per continuare a festeggiare il 25° anniversario di Diablo, Blizzard ha deciso di invadere gli studi di tatuaggi di tutto il mondo con l’evento Diablo Hell’s Ink che si terrà dal 16 luglio al 10 settembre!

L’evento inizierà a Los Angeles per poi spostarsi a est in tutto il mondo per unire l’universo di Diablo con lo stile unico di ogni artista protagonista.

Partecipa per provare a vincere un tatuaggio personalizzato di Diablo eseguito da uno degli artisti di punta, o per provare a vincere un tatuaggio unico di Diablo in uno dei tanti studi di tatuaggi che verranno coinvolti nell’evento.

Andiamo a vedere di seguito il post ufficiale condiviso dai devs con tutte le informazioni relative all’evento. Purtroppo non sono presenti in calendario tappe dedicate a questa manifestazione in Italia.

Le due città più “vicine” saranno Londra e Berlino, mentre tutte le altre tappe si svolgeranno tra gli USA e l’Australia.

Il post ufficiale (Fonte

Diablo fans around the world have turned to tattoos to manifest not just their passion for the franchise, but the stories of family, friendships, and memories they’ve made playing Diablo games.

To honor our community and celebrate Diablo’s 25th anniversary this year, we’re launching the Diablo Hell’s Ink tattoo shop takeover tour, which will kick off in Los Angeles and travel East. . .always to the East.

Each Diablo Hell’s Ink takeover event will feature some of the world’s greatest tattoo artists creating bespoke tattoos, inspired by the Diablo universe with their own unique art style, for a few of the world’s biggest Diablo fans.

From July 16 through September 10, Diablo Hell’s Ink tattoo shop takeovers will only last for one day in select cities around the world:

Diablo Hell’s Ink Tattoo Shop Takeover Schedule:

Los Angeles

Chicago

New York

  • Date: July 30, 2022
  • Studio: Inked NYC – 150 W 22nd St, New York, NY 10011
  • Headlining Artist: DJ Tambe

Miami

London

Berlin

Melbourne

  • Date: September 3, 2022
  • Studio: Oculus Tattoo – 561 High St, Thornbury VIC 3071, Australia
  • Headlining Artist: Beny Pearce

Sydney

  • Date: September 10, 2022
  • Studio: Little Tokyo Tattoo – Suite 505, 342 Elizabeth St, Surry Hills NSW 2010, Australia
  • Headlining Artist: Jimi May

We want to hear what makes Diablo special to you! To enter for a chance to win a custom Diablo tattoo from one of these incredible headlining tattoo artists, share your connection to the Diablo franchise on social media with us via Twitter, Facebook, or Instagram—accompanied with the hashtag #DiabloHellsInk and the hashtag of the Hell’s Ink takeover city closest to you (#LA#CHI#NYC#MIA#LDN#BER#MEL, or #SYD).

Submissions open June 14 at 10 a.m. PDT and close on June 21 at 10 a.m. PDT. Winners will be contacted via direct message on their respective social media platform to verify eligibility and other prize-receipt details.

If you don’t win a custom tattoo but still want to get a unique Diablo tattoo from the Hell’s Ink tattoo shop takeover event, fans can line-up for a chance to be inked by other amazing artists at the shops with flash tattoos available for walk-ins on a first-come, first-served basis.

Tattoos will only be available to those over the age of 18 and a valid form of ID (passport or driver’s license) must be shown on arrival.

For more details about each of the local Diablo Hell’s Ink tattoo shop takeover events, follow Diablo on social media. If you’re unable to attend any of the events, you’ll also be able to check out what’s happening from each event on Diablo’s FacebookTwitter and Instagram.

 

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Diablo 4 uscirà nel 2023: il Negromante la nuova classe giocabile!

Diablo 4 uscirà nel 2023: il Negromante la nuova classe giocabile!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Diablo 4 – Blizzard ha da poco annunciato che Diablo IV debutterà nel 2023 su Xbox Series X|S e PS5 oltre che su PC Windows, ed anche su console Old Gen!  Il cross-play ed i progressi, saranno condivisi per tutte le piattaforme.

È stata anche annunciata la quinta classe giocabile, il Negromante, con delle meccaniche di dominio sui morti nuove di zecca.

Il comunicato ufficiale su Diablo 4

A Sanctuarium, un regno da tempo conteso nelle devastanti guerre tra il Paradiso Celeste e gli Inferi Fiammeggianti, sono passati interi decenni dagli eventi di Diablo III: Reaper of Souls®, ma il mondo resta infestato da una sinistra corruzione. Lilith, la Figlia dell’Odio, è rinata nel mondo dei mortali ed è determinata a tornare al comando su Sanctuarium.

Unitosi alla battaglia assieme al Barbaro, all’Incantatrice, al Tagliagole e al Druido, troveremo anche il leggendario Negromante, la quinta classe giocabile, che farà il suo ritorno con delle meccaniche di dominio sui morti nuove di zecca.

I giocatori potranno sfruttare il Libro dei Morti del Negromante, un’abilità di classe del tutto nuova per dominare il campo di battaglia con le più avanzate opzioni di personalizzazione che si siano mai viste finora. Combatti con scheletri guerrieri aggressivi, schermagliatori rapidi, difensori protettivi o mietitori armati di falce.

Scatena una litania con gli scheletri maghi, infondendoli di incantesimi d’ombra, del gelo o del sacrificio. Plasma robusti golem d’Ossa, golem di Sangue che sottraggono vita ai nemici e possenti golem di Ferro. Oppure sacrificali tutti per assorbirne il potere.

Le parole del presidente di Blizzard Mike Ybarra

“Non vediamo l’ora di spalancare i cancelli degli Inferi l’anno prossimo. Il virtuoso team di Diablo IV ha messo la dinamica di gioco sopra ogni cosa e ha realizzato la più grande e ambiziosa visione di Sanctuarium di sempre”, ha detto Mike Ybarra, presidente di Blizzard Entertainment.

“Quest’ampio mondo affonda le sue oscure radici in 25 anni di storia del franchise ed è progettato attorno alla filosofia della scelta del giocatore. Offrendo un’avventura diversa da tutto ciò che abbiano mai potuto vedere prima d’ora i giocatori di Diablo”.

Il mondo di Sanctuarium di Diablo IV è enorme e ogni angolo è ricolmo di nuove avventure. La personalizzazione del personaggio all’interno del gioco è più ampia e avanzata che mai, e i giocatori potranno farsi guidare dalla curiosità (e forse dalla follia) per esplorare più di 140 spedizioni e una caterva di missioni secondarie mentre soverchiano le forze di Lilith… e ottengono equipaggiamento sempre più potente.

possenti boss mondiali rappresentano una sfida aggiuntiva presente a Sanctuarium che incoraggia i giocatori a fare squadra tra loro nel corso del viaggio per sconfiggere queste mostruosità e rivendicarne i tesori.

Per la prima volta nella storia del franchise, i personaggi potranno alterare per sempre il mondo che li circonda conquistando e convertendo le Roccaforti corrotte in avamposti alleati.

Più strade da percorrere in Diablo 4

Non c’è una sola via da seguire in Diablo IVi giocatori possono scegliere di avanzare come meglio credono in modo non lineare.

Quest’esperienza aperta si estende al sistema di fine gioco, dove i giocatori potranno mettersi alla prova nelle Spedizioni da Incubo  o godersi il caos delle zone PvP. Potranno anche completare i Tabelloni dell’Eccellenza per continuare ad avanzare, e personalizzare il proprio personaggio oltre il livello massimo, Cosi facendo entreranno in comunione con l’Albero dei Sussurri per sbloccare ulteriori obiettivi e incarichi mondiali e ottenere equipaggiamento leggendario.

I coraggiosi pronti alla sfida potranno scoprire di più su https://diablo4.blizzard.com, dove saranno pubblicati maggiori dettagli sul gioco man mano che lo sviluppo andrà avanti.

 

Cosa ne pensate di questa anteprima community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

“Bobby Kotick avrebbe affrettato la vendita a Microsoft per evitare responsabilità”. NYC cita in giudizio Activision

“Bobby Kotick avrebbe affrettato la vendita a Microsoft per evitare responsabilità”. NYC cita in giudizio Activision

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Tiene ancora banco la questione “molestie sessuali” in casa Activision Blizzard e stavolta ci va di mezzo anche la nuova acquisizione da parte di Microsoft. Ad essere però sotto accusa sono Activision Blizzard e soprattutto il suo CEO Bobby Kotick.

Stavolta a citare in giudizio l’azienda ci pensa direttamente la città di New York, o meglio alcune delle maggiori entità del pubblico settore, tra cui pompieri, poliziotti ed insegnanti. I gruppi di lavoratori menzionati (che posseggono alcuni stock di Activision), alla Corte di Cancelleria del Delaware, avrebbero chiesto di visionare alcuni documenti e libri dell’azienda per controllare eventuali trasgressioni. Per loro, diverse mosse dell’azienda starebbero danneggiando il valore della compagnia.

Si crede infatti che durante l’acquisizione  da parte di Microsoft ci sia stato qualche comportamento non proprio lecito, soprattutto da parte di Bobby Kotick, il quale avrebbe affrettato la vendita di Activision per poter fugare ogni sua responsabilità dai recenti problemi dell’azienda.

Nel frattempo, però, il CEO avrebbe comunque continuato a servire come esecutivo per l’azienda. Nel documento pubblicato dalla corte, si parla anche di soldi, con cifre precise. Kotick avrebbe avuto in mano la totale libertà decisionale di trattare la vendita. Dalle affermazioni contenute nel documento emergerebbe però l’idea secondo la quale Kotick sarebbe stato inadatto ad avere questo tipo di potere.

Ma comunque, senza nessuna autorizzazione e nessuna offerta da parte di Microsoft, Bobby Kotick avrebbe proposto agli acquirenti un range di prezzo tra i 90 ed i 105 dollari per azione. Microsoft, a quel punto, avrebbe offerto 90$ per azione, arrivando quindi a “sottovalutare” il reale valore.

Insomma anche la questione acquisizione nasconderebbe più di qualche ombra, come insinuerebbe il documento dell’accusa. Non ci resta che attendere ulteriori informazioni, con la speranza di scoprire il prima possibile la realtà dei fatti, per donare dignità a questa storica azienda.

FONTE: Axios

Che ne pensate? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: