Patch 9.2 di WoW: tutte le ultime novità, e le curiosità su Sepulcher of the First Ones

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un nuovo annuncio pubblicato sul forum ufficiale, gli sviluppatori di Blizzard hanno reso noto che la fase di test per il nuovo raid di Sepulcher of the First Ones è ormai prossima a partire, con il via fissato già per questo weekend.

Il test inizierà infatti a partire da domani, Venerdì 3 Dicembre, e ci permetterà di “saggiare” Dausegne, the Fallen Oracle e Skolex, the Insatiable Ravener , entrambi in versione eroica. Proprio in merito al nuovo raid, in questi ultimi giorni sono stati svelati diversi interessanti dettagli che riguardano i suoi contenuti.

Tra questi, vediamo ad esempio il nuovo modello per il Jailer (lo troverete allegato poco in basso) o il fatto che nella fase di test sopra menzionata non saranno disponibili gli ultimi tre boss dell’incursione, ovvero il Jailer, Rygelon ed i Lords of Dread.

Per la prima volta dopo moltissimo tempo, i raider di tutto il mondo saranno quindi chiamati ad impegnarsi per fronteggiare dei boss del tutto “freschi”, di cui quindi non si saprà assolutamente nulla fino al giorno del loro rilascio.

La cosa potrebbe certamente portare con se molti problemi (uno su tutti i bug che verrebbero fuori soltanto con i boss sul server live), ma è innegabile che giocare ad un raid di cui non si sa assolutamente nulla (almeno nella sua parte finale) ha il suo fascino, e siamo curiosi di vedere che tipo di impatto avrà sulla scena competitiva.

Parlando sempre del Jailer, a questo link potrete trovare un dettaglio sulla mace a due mani, mentre per chi non teme gli spoiler accedendo ai seguenti link potrete gustarvi le cutscene iniziali di Sepulcher of the First Ones e del General Draven.

Il modello del Jailer

La settimana di test arriva sul PTR insieme ad una nuova patch, che oltre a Sepulcher of the First Ones introdurrà la divisione in due dungeon di Tazavesh, the Veiled Market e della nuova Rissa PVP Solo Shuffle. 

Nel PTR sarà anche possibile testare diverse interessanti feature per le professioni, la nuova mode di Torghast chiamata “The Jailer’s Gauntlet” ed ovviamente anche la nuova zona di Zereth Mortis…la carne al fuoco non sarà quindi poca in questa prima settimana di Dicembre.

Prima di lasciarvi con le note complete dell’ultima patch, vogliamo infine proporre le due recenti anteprime relative alle nuove Hawk e Jellyfish mount, la prima che sarà ottenibile nella nuova zona di Zereth Mortis (in 3 diverse colorazioni), mentre la seconda ruota ancora attorno ad un alone di mistero, purtroppo non conosciamo le specifiche relative al suo ottenimento. A

Anteprime Mount Hawk e Jellyfish (Fonte ICYVEINS)

Come promesso, ecco di seguito tutte le ultime note della patch:

World of Warcraft Version 9.2 PTR – Eternity’s End

DUNGEONS AND RAIDS

  • New Raid: Sepulcher of the First Ones
    • Deep in the Sepulcher of the First Ones lies the key to unlock the Jailer’s plans. Gather the power of the First Ones as you pursue Zovaal into the Sepulcher and fight through his forces—but first, you must face Anduin, and discover a way to resist the Jailer’s terrifying Domination magic.
  • Tazavesh, the Veiled Market
    • Now separated into two dungeons and added to the Mythic+ dungeon rotation.

ITEMS AND REWARDS

  • Progenitor Armor Set
    • Collect your class armor set from defeating bosses in the Sepulcher of the First Ones raid and from the Great Vault to unlock 2-piece and 4-piece set bonuses that power certain abilities for your specialization.
      • Developers’ note: When the PTR is live, Setzertauren can be found in the central ring of Oribos to purchase the armor sets for testing the set bonuses.

PET BATTLES

  • New wild pets to capture in Zereth Mortis.

PLAYER VERSUS PLAYER

  • New Brawl: Solo Shuffle
    • The Solo Shuffle brawl pits six players (two healers, four damage dealers) against each other in exciting 3v3 Arena matches. As the name implies, you can only queue for this brawl solo. Play a series of short matches as teams are shuffled and earn rewards based on your performance.

PROFESSIONS

  • Rare Crafted Equipment recipes now have an additional Optional Reagent slot.
  • New Recipes (All of these new recipes and reagents can be found on the Craftataur NPC in Oribos during the 9.2 PTR)
    • Optional Reagent: Crafter’s Mark IV– Set the crafted equipment to item level 233 and the required level to 60.
    • Optional Reagent: Crafter’s Mark of the First Ones – Set the crafted equipment to item level 262, required level to 60, and adds Unique Equipped: Shadowlands Crafted.
    • Alchemy
      • Optional Reagent: Sustaining Armor Polish
      • Optional Reagent: Infusion: Corpse Purification
      • New Potion: Cosmic Healing Potion (Flaskataur in Oribos sells the potions during the PTR)
    • Cooking
      • Empty Kettle of Stone Soup – Set out a Kettle of Stone Soup, ready to fill with delicious ingredients. Contribute ingredients to finish it and feed up to 35 people in your raid or party. Spend at least 10 seconds eating to become well fed with 20 in a stat for 1 hour.
      • New Meat: Protoflesh
    • Enchanting
      • Optional Reagent: Cosmic Protoweave
      • Optional Reagent: Magically Regulated Automa Core
    • Engineering
      • Optional Reagent: Pure-Air Sail Extensions
      • Optional Reagent: Erratic Genesis Matrix
    • Fishing
      • New Fish: Precursor Placoderm
    • Herbalism
      • Hew Herb: First Flower
    • Inscription
      • Vantus Rune: Sepulcher of the First Ones
      • Contract: Enlightened Brokers
    • Jewelcrafting
      • Optional Reagent: Devourer Essence Stone
      • Optional Reagent: Ephemera Harmonizing Stone
    • Mining
      • New Ore: Progenium Ore
    • Skinning
      • New Hide: Protogenic Pelt
    • Tailoring
      • New Cloth: Silken Protofiber

QUESTS

  • New Campaign Chapters
    • Chapters 1, 2, and 3 are available in the December 1 PTR update.

TORGHAST, TOWER OF THE DAMNED

  • New Game Mode: The Jailer’s Gauntlet
    • Run through a series of increasingly challenging boss battles, across 8 floors per layer and 8 layers total to earn unique rewards.
  • Four new challenging Layers have been introduced, Layers 13–16.
  • Torments
    • New: Empowered Torments – Existing Torments that have increased in strength.
      • 1 Empowered Torment will be applied to Layers 13–14, and 2 Empowered Torments will be applied to Layers 15–16.

USER INTERFACE AND ACCESSIBILITY

  • New Feature: Click Casting
    • This feature allows you to cast spells by simply clicking on a unit frame.
    • Set up your spell bindings by going to the Key Bindings menu or Interface Options → Combat.
  • New Setting: Unit Frame Mouseover Casting
    • This setting allows you to mouse over a unit frame and cast a spell on that character without targeting them.
    • Access this setting under Interface Options → Combat.

ZERETH MORTIS
Zereth Mortis was created by the First Ones as a workshop to create afterlives. Its denizens—the automa—have built all that exists in the Shadowlands. It is a strange, otherworldly location that defies all concepts of reality or physics. The Jailer intends to use the secrets of Zereth Mortis to reshape reality and bend it to his malevolent will.

  • New Reputation: The Enlightened
    • The Enlightened are brokers that arrived on Zereth Mortis a long time ago. They no longer see their world in a transactional manner, but instead they treat their dwelling as a sacred place, and hope to answer to a higher calling—the pursuit of knowledge. Find common ground with The Enlightened to succeed and defend Zereth Mortis.
  • Cypher of the First Ones
    • The automa of Zereth Mortis speak in a musical language that is incomprehensible to mortal races. Team up with a curious automa sidekick in this new progression system to learn the lost language of the Progenitors and delve deeper into the secrets of Zereth Mortis, unlocking an array of new zone activities, daily quests, events, and rewards.
      • Developers’ note: This feature is currently under development so any aspects being discussed could be subject to change.
  • New World Boss: Antros, Keeper of the Antecedents located on Antecedent Isle in Zereth Mortis.
  • New World Quests are available after completing Chapter 2 of the new campaign.
  • New Haven and Dimensional Falls questlines.
  • New rares and treasures to discover.
    • Developers’ note: Zereth Mortis rewards and combat tuning are still under development

On Friday, December 3rd, we will be beginning our raid testing in the Sepulcher of the First Ones.

Friday, December 3rd

Dausegne, the Fallen Oracle – Heroic Sepulcher of the First Ones
13:00 PST (16:00 EST, 22:00 CET)

Skolex, the Insatiable Ravener – Heroic Sepulcher of the First Ones
14:00 PST (17:00 EST, 23:00 CET)

As always, this testing schedule is very fluid and subject to the realities of a test environment. We might have to change the time of a testing session, change the bosses being tested, or cancel a test entirely, due to bugs, server hardware issues, etc. Keep an eye on this forum for the latest information, and thank you in advance for testing and providing feedback.

Q: How do I get into the raid zone?

A: In Oribos, Dalaran, Orgrimmar, or Stormwind, you may speak to Nexus-Lord Donjon Rade IV in order to teleport into the raid zone while it is open for testing. (The option to teleport into a zone will not be available when the zone is not open for testing.)

Q: What character should I use to test the raid?

A: Whichever you prefer. We will be scaling players’ effective level to 60 for raid testing, and their item level to an appropriate threshold for the encounter(s) being tested.

Q: How long does testing last?

A: The primary purpose of testing is to give us the information we need to balance the encounters, evaluate how mechanics are playing out in practice, and identify bugs. Once we’re satisfied that we’ve received that information for a given boss, we’ll be shutting down testing. Usually this takes anywhere from 45 minutes to 2 hours, but there are no guarantees.

We appreciate you taking the time to test our content and look forward to reading your feedback.

 

Cosa ne pensate di queste novità community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

 

Microsoft

Microsoft/Activision: titoli “esclusivi”, i chiarimenti di Spencer e la replica di PlayStation: facciamo il punto della situazione

Profilo di Stak
 WhatsApp

Microsoft/esclusiva – Cosa accadrà ora che Microsoft ha acquisito Activision Blizzard? Quali saranno le conseguenze nel mercato di questo importantissimo “colpo”, e come potrebbe andare a svilupparsi l’intero settore delle console…

Queste sono solamente alcune delle domande che oggi impazzano nelle community e nei gruppi dedicati ai videogiochi. Con questo speciale cercheremo di dare qualche risposta in più, sempre affidandoci totalmente (ed unicamente) alle dichiarazioni ed ai comunicati ufficiali già disponibili in rete.

La più importante questione riguarda certamente il fatto delle esclusive, e soprattutto se queste verranno effettivamente applicate per Xbox e PC per titoli storicamente “multi platform” e da sempre giocati su PlayStation come Call of Duty o Overwatch, solo per citarne due.

Al momento l’unica certezza di cui disponiamo, è data da una frase abbastanza vaga (se non del tutto “ambigua”) riportata nel comunicato ufficiale di Microsoft ed anche da alcune dichiarazioni del CEO di Microsoft Gaming Phil Spencer. Da più parti è stato infatti chiarito che Microsoft si impegnerà nel continuare a “supportare” i giocatori di tutte le console, e che non è loro intenzione allontanare questi da altre piattaforme.

Partendo dal presupposto che si parla solo di “supporto” e non di sviluppo, le parole del CEO Phil Spencer sono sostanzialmente le stesse che affermò quando Microsoft acquisì Zenimax. Come molti sapranno, mesi dopo l’acquisto di questo noto publisher è iniziata a circolare la voce per la quale, molto probabilmente, i più importanti nuovi titoli di Bethesda e degli altri studi sarebbero stati esclusiva Xbox.

Anche il noto giornalista ed esperto del mondo dei videogiochi Benji-Sales pensa che in futuro vi saranno delle esclusive per Xbox e PC dei titoli Activision Blizzard, e non è certamente l’unico tra gli addetti ai lavori ad esserne convinto.

Il fatto che continueranno a “supportare” i giocatori dei titoli già esistenti non preclude che tutti i nuovi titoli (magari ad eccezione di Warzone, che rappresenta un “unico” su cui andrebbe fatto un ragionamento a parte) di un franchise come Call of Duty vengano creati appositamente per Xbox e PC.

D’altro canto è evidente che l’obiettivo di Microsoft non è mai stato quello di monopolizzare il mercato delle console…come ha già fatto con il suo Windows nel mondo dei computer, Microsoft vuole riuscire ad ottenere il monopolio di tutto il gaming formato “intrattenimento digitale”.

Con il suo apprezzatissimo Gamepass Microsoft avrà la possibilità di presentare ai giocatori un’ampia lista di titoli che potranno giocare, sempre dallo stesso account “generale”, su PC, su console, in Cloud o da mobile

Sappiamo anche che per Microsoft è molto importante anche il settore degli esports, e con questa mossa il gigante di Redmond si è anche assicurato un pacchetto già pronto fatto di due leghe internazionali con all’interno già team organizzati e tifoserie.

Vista in quest’ottica, e se Microsoft dovesse riuscire a portare a casa l’obiettivo, l’intero mercato videoludico si troverebbe un gigante di proporzioni inimmaginabili pronto a sfornare titoli su titoli su ogni tipo di device esistente…il tutto facilmente fruibile mediante la semplice spesa del Gamepass…un sogno per molti videogiocatori.

Microsoft ha acquistato Activision Blizzard! Quale fine per Call of Duty su PlayStation?

Sony e PlayStation potrebbero essere destinati ad un mercato più specifico, composto da appassionati ed amanti dei favolosi titoli esclusivi di cui dispone la console giapponese, similarmente a come già accade per Nintendo.

Probabilmente solo in quest’ottica è giustificabile una spesa di 70 Miliardi di Dollari…un altro argomento che in questi giorni è stato forse trattato con troppa superficialità. 70 Miliardi sono una cifra veramente straordinaria…un qualcosa che in ogni caso resterà alla storia come una delle più grandi acquisizioni di sempre.

Per fare un rapido esempio, nel pezzo pubblicato ieri da Gosoap abbiamo riportato le considerazioni del noto Geoff Keighley, secondo cui allo stesso prezzo Microsoft avrebbe potuto acquistare, ad eccezione di EA, quasi tutti gli altri publisher indipendenti attualmente presenti sul mercato.

Nonostante i numerosi problemi che imperversano su molti dei titoli di Activision, nonostante la drammatica situazione che c’è in Blizzard e lo stato in cui versano da ormai un anno i loro titoli, e soprattutto nonostante le numerose cause legali per abusi/molestie sessuali che vedono coinvolti diversi nomi celebri dell’azienda, Microsoft ha comunque deciso di pagare per l’acquisizione circa 20 miliardi in più rispetto alle stime del Wall Street Journal.

Non è di certo un acquisto fatto per mettere il cappello su qualche titolo, o per ottenere qualche miliardi di Dollari in più negli utili a fine anno, specialmente se si considerano i dati svelati da Keighley.

Dal mio punto di vista, e sono rasserenato del fatto che diversi altri colleghi la pensino come me (i tanti amici lettori della community di WarHub conoscono la mia opinione già da ieri), penso che un acquisto del genere ad un prezzo del genere sia fatto più nell’ottica di andare a “conquistare” l’intero mercato dei videogiochi, con il tentativo chiaro di monopolizzarlo attraverso un’offerta completa a 360° e soddisfacente per l’utente.

La stessa Microsoft ha del resto già confermato che alcuni giochi verranno “mantenuti” su PlayStation, ma che ci saranno dei contenuti esclusivi per Xbox (Fonte).

70 Miliardi per Activision, ma quanto valgono EA, Nintendo, Ubisoft e gli altri marchi più famosi?

La replica di PlayStation 

Dal canto suo PlayStation serra i ranghi, ed al Wall Street Journal rivela: “abbiamo accordi con Activision per i quali avremo a disposizione su PlayStation anche i prossimi titoli di COD“.

Questo intervento ci dice due cose: la prima, che c’è quindi il rischio reale che in Xbox decidano di sfornare solamente COD dedicati alla loro console, ad eccezione del titolo 2022 che è sicuro al 100% uscirà anche per la console giapponese (l’acquisizione prenderà il via solo nel 2023, fino ad allora non c’è ragione di pensare che Acti possa infrangere i contratti con Sony).

La seconda, che in Sony hanno davvero il timore di perdere questi titoli. Non è però chiaro quanto durerà questo accordo tra Activision e Sony, e se quindi riguarda solo un determinato numero di titoli in sviluppo, o se riguarda genericamente tutti i nuovi titoli del franchise.

Per “spezzare” un po’ il clima serioso…uno dei tanti divertentissimi Meme sfornati dal Web sull’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft

Le conclusioni

Per arrivare ad una sintesi credibile ed oggettiva, possiamo quindi affermare con assoluta certezza che tutti i giochi già usciti e disponibili multi platform continueranno ad essere disponibili, ed a ricevere supporto tecnico, anche per i giocatori PlayStation.

Con altissima probabilità la medesima fine toccherà a Warzone, mentre visto il comunicato, e viste soprattutto le parole di Phil Spencer, è ancora decisamente in dubbio il cosa accadrà dopo il 2023 per i titoli dei franchise più importanti, ma sembrano al momento essere molte di più le possibilità che si proceda con delle esclusive nette, piuttosto che con altro.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

bobby kotick

Microsoft/Activision Blizzard: il CEO Bobby Kotick resterà al comando fino al 2023

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nel corso della giornata di ieri l’intero settore dei videogiochi è rimasto “folgorato” dalla notizia dell’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft.

Quasi come un fulmine a ciel sereno, i canali social del mondo Xbox hanno iniziato a pubblicare post nei quali annunciavano il raggiungimento dell’accordo tra i consigli d’amministrazione dei due giganteschi gruppi, il tutto per una cifra spaventosa: quasi 70 miliardi di Dollari (sono 68.7 per l’esattezza, 90 Dollari per azione di Activision Blizzard).

Come facilmente prevedibile, la notizia ha avuto l’effetto di un terremoto all’interno del mondo del gaming, tra personalità e giocatori assolutamente entusiasti della notizia (ne parleremo più dettagliatamente nel corso del pomeriggio), e tanti altri che hanno invece manifestato preoccupazione sul fronte delle esclusive, e dei giochi che POTREBBE perdere la console Sony nei prossimi anni (COD e Overwatch su tutti).

Al netto delle speculazioni, delle ipotesi o delle varie possibili strade che potrebbe prendere tutta questa situazione, sappiamo comunque che Activision Blizzard continuerà ad avere una (quasi) totale autonomia sul suo operato, almeno fino alla metà del prossimo anno.

Per far si che l’acquisizione inizi a tutti gli effetti, molto probabilmente con l’inserimento di personalità del mondo Microsoft nei ruoli chiave di Activision Blizzard e dei suoi studi associati, bisognerà infatti attendere il 30 Giugno del 2023, prima data utile per permettere all’intero accordo di raggiungere tutti gli standard richiesti in questo tipo di operazioni.

Dei “tempi tecnici” obbligatori quindi, durante i quali l’attuale CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick (tra le persone coinvolte nello scandalo abusi sessuali della scorsa estate – troverete qui altri dettagli) resterà alla guida dell’azienda, con la stessa che opererà in totale autonomia.

Non sappiamo esattamente in cosa consisterà questa “totale autonomia“, ma in ogni caso dubitiamo fortemente che Microsoft si “disinteressi” completamente di questo suo nuovo, importante, asset societario per i prossimi 18 mesi.

A dare la conferma rispetto a queste tempistiche è stato lo stesso Bobby Kotick, che ha inviato la seguente lettera a tutti i dipendenti nel corso della giornata di ieri:

“[…] Transazioni come queste richiedono molto tempo per essere completate. Fino a quando non avremo tutte le approvazioni necessarie, e fin quando le altre consuete condizioni di chiusura non saranno soddisfatte, che prevediamo avvenga nell’anno fiscale 2023 di Microsoft (termina il 30 giugno 2023), continueremo a operare in modo completamente autonomo.

Continuerò come nostro CEO con la stessa passione ed entusiasmo che avevo quando ho iniziato questo fantastico viaggio nel 1991. Naturalmente, questo annuncio susciterà tante domande. Organizzeremo numerosi forum ed eventi per assicurarci di rispondere alle tue preoccupazioni […]” (fonte).

Microsoft acquista Activision: cosa potrebbe cambiare in futuro?

Da inizio Luglio 2023 dovrebbe a quel punto subentrare Microsoft, Bobby Kotick e altri nomi dell’azienda lasceranno Activision Blizzard (si è parlato esplicitamente di “lievi modifiche al personale”, quindi non dovrebbe essere qualcosa che riguarda i dipendenti e gli impiegati delle software house), con il subentro al comando dell’Amministratore Delegato di Microsoft Satya Nadella e delle nuove personalità che andranno a ricoprire ruoli di vertice nella struttura organizzativa del gigantesco publisher.

L’argomento Activision Blizzard/Microsoft continuerà ad essere analizzato ed approfondito su nuovi speciali che usciranno in seguito. Restate sintonizzati con noi per non perdervi neanche una novità sulla questione.

Articoli correlati: 

microsoft activision

Microsoft ha acquistato Activision Blizzard! Quale fine per Call of Duty su PlayStation?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Una vera e propria “bomba” quella sganciata pochi minuti fa dai canali ufficiali di Xbox…la gigantesca Microsoft ha infatti acquistato, per intero, Activision Blizzard!

Dopo mesi burrascosi (quando non drammatici, ndr) dovuti allo scandalo, ed alle successive inchieste dovute alle molestie ed agli abusi sessuali che si sono consumati all’interno dell’azienda, termina cosi un lungo ciclo per Activision Blizzard, e se ne apre uno totalmente nuovo all’orizzonte.

Pur non essendoci ancora conferme ufficiali da parte dei diretti interessati, sembra che dietro l’accordo vi sia una cifra davvero astronomica: ben 70 miliardi di Dollari (la fonte è il noto ed autorevole Wall Street Journal, ndr)…addirittura 20 miliardi di Dollari in più rispetto a quella che era la “stima” del valore di mercato dell’azienda.

La cosa avrà una portata incredibilmente pesante. Vi basti pensare a come si andrà a sviluppare l’attuale presenza su PlayStation di titoli che a questo punto si apprestano a diventare “esclusive” per Xbox e PC. Oltre a giochi come Overwatch, la questione potrebbe riguardare direttamente anche Call of Duty, storico titolo da sempre presente sulle console di Sony.

Al momento queste restano speculazioni, dato che non vi è stato ancora nessun chiarimento ufficiale da parte di Microsoft. Sembra però abbastanza ovvio pensare che i titoli futuri di questi franchise, fino ad oggi sempre “multi platform”, potrebbero presto diventare un’esclusiva interdetta ai giocatori PlayStation.

Microsoft, attraverso il noto big Phil Spencer, si è al momento limitata a commentare la cosa su Xbox Wire con il seguente intervento: “Siamo molto contenti di poter lavorare con le incredibili, talentuose, ed appassionate persone di Activision Publishing, Blizzard Entertainment, Beenox, Demonware, Digital Legends, High Moon Studios, Infinity Ward, King, Major League Gaming, Radical Entertainment, Raven Software, Sledgehammer Games, Toys for Bob, Treyarch e tutti i team di Activision Blizzard“.

Il post ufficiale

Non appena disponibili, provvederemo a pubblicare nuove e più dettagliate informazioni sull’argomento.

Clamoroso sul Wall Street Journal: il CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick sapeva tutto! “Minacce e molestie ai suoi dipendenti”

Articoli correlati: