Non fare come Sheldon – Installa un Authenticator!

Profilo di Anthrax
 WhatsApp

Powned.it lancia la campagna di sensibilizzazione all’uso dell’Authenticator : non usandolo non rischierete una malattia venerea, tranquilli, ma metterete a serio rischio il vostro Account Battle.net!

L’Authenticator è un device in uso in tantissime attività online e, nella sua versione fisica, permette la generazione di un codice univoco con cui effettuare per alcuni secondi l’accesso al proprio Account in tutta sicurezza.


La Blizzard ha lanciato e perfezionato il servizio nel corso degli anni ma sono ancora troppe le segnalazioni che ci arrivano riguardo la perdita di Account; ecco perché questo articolo informativo!
Che usiate il device fisico o la comoda app per cellulari (recentemente aggiornata) l’Authenticator vi mette al riparo, quasi al 100%, dal rischio di furti.
Nel caso usiate la app, non dimenticate di annotare il Codice Seriale dell’Authenticator e il relativo Codice di ripristino, vi serviranno per poterlo installare sullo stesso cellulare (in caso di ripristini) o addirittura vi permetterà di avere lo stesso Authenticator su più device (Telefono e Tablet ad esempio).

Infine, una novità degli ultimi anni è il servizio Mobile SMS Protect con cui avrete la possibilità di sbloccare l’account in caso di Blocco (capita quando si logga da fuori casa) o rimuovere l‘Authenticator senza dover far ticket nel caso si siano persi i Codici di Ripristino. Comodo no? Vi consigliamo di abilitarli assolutamente!

Vi lasciamo allora alla FAQ ufficiale Blizzard su questi device di sicurezza, sperando che tutti perdano i 5 minuti necessari ad installare questi fantastici tool che mettono al sicuro le nostre ore ed ore di gioco! Alla prossima, su Powned.it!

Download the Mobile Authenticator!

L’Authenticator Battle.net offre agli utenti degli account Battle.net un livello di sicurezza aggiuntivo per prevenire gli accessi non autorizzati. Puoi acquistare un authenticator “fisico” oppure scaricare la nostra app gratuita per i dispositivi supportati.

In combinazione con l’authenticator mobile di Battle.net, consigliamo di attivare anche il servizio di avvisi sul cellulare. questo servizio gratuito ti permette di rimuovere facilmente l’authenticator tramite una verifica con un messaggio di testo.

Basi

Quando accedi all’account, ti sarà chiesto di inserire il codice di sei o di otto cifre generato dall’authenticator. Ogni codice è unico e vale una volta soltanto. Se ti connetti costantemente dallo stesso luogo, il codice potrebbe non essere richiesto, rendendo in questo modo accesso da un luogo sicuro molto più rapido.

Se desideri, puoi selezionare durante l’accesso l’opzione Ricorda questo computer per 30 giorni per disattivare temporaneamente la richiesta di un codice dell’authenticator. Non selezionare questa casella se utilizzi un computer pubblico o condiviso.

Se preferisci inserire il codice a ogni accesso, visita la pagina riguardante l’authenticator nella gestione dell’account Battle.net e seleziona l’opzione Richiedi un codice Authenticator ogni volta che inserisco le mie credenziali in un client di gioco o nell’applicazione Battle.net desktop.

Nota bene: I giochi classici non sono protetti dall’authenticator Battle.net. Assicurati che il tuo computer sia protetto e controlla anche la nostra guida sulla sicurezza dell’account e del computer.

Cloud Sync

Quando utilizzi un authenticator mobile su un dispositivo Apple, consigliamo vivamente di abilitare la funzione iCloud Keychain. In questo modo il numero seriale dell’authenticator e il codice di ripristino saranno salvati sull’iCloud di Apple permettendoti di reimpostare l’authenticator senza bisogno di contattare il nostro team di assistenza.

Rimozione

Se avessi bisogno di rimuovere il tuo authenticator per un motivo qualsiasi, segui i passaggi indicati inquesta guida.

Cucciolo di Segugio del Nucleo

Il Cucciolo del Segugio del Nucleo è una mascotte vincolata all’account e disponibile ai giocatori in in Nord America, Europa, e Corea. Dopo aver allegato l’authenticator, troverai la mascotte nella tua cassetta della posta in gioco.

Se dovessi rimuovere l’authenticator, il Cucciolo di Segugio del Nucleo sparirà dalla tua collezione di mascotte quando ti disconnetterai dal gioco e sarà necessario ricollegare un authenticator per riaverla.

 

Tre Thief Rogue in Legend #4, #7 e #8. Il mazzo ormai è diventato ingestibile?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Mancano finalmente pochi giorni all’arrivo della nuova patch di Hearthstone che, oltre ad essere un punto di svolta per Battaglia a quanto si dice, presenterà alcuni bilanciamenti anche per l’Hearthstone tradizionale.

Nel frattempo, però, le gerarchie dei mazzi in Ladder sembra essersi cristallizzata ed il padrone del meta sembra essere il Thief Rogue, anche per quanto riguarda la sua popolarità. Addirittura abbiamo trovato ben 3 Thief Rogue nella Top 10 Ladder negli ultimi due giorni.

Le liste sono due anche se hanno portato tre player a questi ottimi risultati. La prima è stata utilizzata dal giocatore SteeloHs che ha sfiorato la Top 3, mentre la seconda è stata utilizzata sia da Aeongi che Deads17.

Aeongi, nella sua scalata, ha anche utilizzato un Beast Druid che l’ha portato in Top 80, per poi scalare enormemente con il Rogue. Oltre, però, il Ladro, se proprio volete altre classi da giocare, ci sono comunque altri deck che possono dire la loro.

Abbiamo, infatti, anche un Face Hunter ed un Questline Warlock utili per superare la Top 100 e puntare a piani ancora più alti della classifica. Vediamo insieme tutte le liste…

Le liste

Questline Warlock di Gaboumme (Legend#14)  9540
Beast Druid di Aeongi (Legend#79)  4800
Face Hunter di Pymbette (Legend#59)  5520
Thief Rogue di Aeongi (Legend#7)  9180
Thief Rogue di SteeloHS (Legend#4)  10680

Che ne pensate di questi mazzi? Fateci sapere la vostra…

Questione cheating: anche l’italiano DroodThund3r vittima di streamsniping

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Streamsniping Qualifiers – Purtroppo la questione cheating/hacking su Hearthstone sta prendendo una brutta piega: sono sempre di più i casi in cui giocatori professionisti accusano altri di star cheattando o usando hack per avere la meglio in Ladder o torneo.

Il caso più fresco è quello del noto streamer e professionista italiano DroodThund3r che poche ore fa ha subìto un brutto caso di streamsniping durante uno dei tornei Qualifiers di oggi, come potrete leggere dai post che vi allegheremo.

Ma partiamo dal contesto: Luca “Thund3r” Altena stava giocando i suoi turni di Qualifiers quando ha incontrato il giocatore Fransman in uno di questi. Per Thund3r, l’avversario ha fatto giocate discutibili durante le partite, ma ha stuzzicato ancora di più il suo dubbio soprattutto la presenza di Fransman nei nomi dei viewers della sua live di Twitch.

Questo perché, nel mentre, Thund3r stava streammando il torneo sul suo canale Twitch, senza delay. Le prove sono quasi diventate certezza quando, in chat, l’avversario è scomparso dopo aver ricevuto da Thund3r richiesta di delucidazioni sul caso.

A quel punto Thund3r ha pubblicato un post sul suo profilo Twitter chiedendo a Blizzard di agire come fatto per Jay Huang che, sottolineiamo, è stato bannato per streamsniping (ed altro, qui potete seguire tutta la vicenda) per partite in Ladder. Qui si parla, invece, di partite di torneo.

Risoluzione

Gli admin del torneo, comunque, sono stati molto disponibili ad analizzare il caso ed hanno effettivamente squalificato Fransman dal torneo (dando la vittoria a Thund3r), poiché lo streamsniping è severamente vietato dal regolamento. Gli admin, però, si sono raccomandati a Luca Altena di utilizzare un delay in futuro per prevenire tutto ciò, anche perché non sono sicuri di poterlo aiutare anche in casi futuri.

Ovviamente appoggiamo la Blizzard in questo caso condannando qualsiasi tipo di atteggiamento o azione che sia minimamente contro il regolamento, quindi hacking, cheating ed exploit. E siamo fiduciosi che queste azioni possano essere intraprese contro tutti coloro che agiscono in questo modo, per un futuro migliore del gioco.

Che ne pensate di questa situazione? Fateci sapere la vostra…

In arrivo un IMPORTANTE aggiornamento per Battaglia: il reveal agli streamer

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

AGGIORNAMENTO – Patch notes dal 20 Gennaio che sarà live il 25. In arrivo anche bilanciamenti alla Wild e allo Standard e nuovi Mercenari

La tanto attesa notizia di un nuovo aggiornamento é appena arrivata, o almeno un suo teaser molto appetitoso. Blizzard ha deciso di stuzzicarci con un post che annuncia l’imminente arrivo di una patch per Battaglia e Duelli.

Stavolta inaspettatamente, sul forum e sui social Blizzard é apparso un messaggio che preannuncia un “IMPORTANTE e gratuito aggiornamento alla Battaglia” che sembra possa sconvolgere tutti gli eroi con una nuova meccanica.

Non si sa ancora nulla, perché Blizzard tiene il segreto, ma ha svelato che il reveal di tutte le informazioni sarà fatto da alcuni streamer designati (che trovate con il comunicato in allegato), tra il 18 ed il 20 Gennaio.

Poi, il 20 Gennaio 8 giocatori proveranno in anteprima la nuova patch presentandola cosí a tutta la community di Hearthstone con dei misteriosi “Amici”.

Cosa sarà in arrivo? Fateci sapere la vostra, nel mentre vi lasciamo al comunicato ufficiale di Hearthstone (leggibile al completo anche QUI)

Comunicato Blizzard

La settimana di presentazione della Battaglia inizia il 18 gennaio!

La prossima patch di Hearthstone include un IMPORTANTE e gratuito aggiornamento alla Battaglia! Per festeggiarlo, lanceremo la nostra prima settimana di presentazione della Battaglia. Unisciti ai nostri creatori di Hearthstone la prossima settimana, a partire dal 18 gennaio, per scoprire una nuova meccanica e tonnellate di nuovi contenuti che modificheranno questa modalità di gioco per ogni singolo eroe!

18 gennaio

19 gennaio

Guarda 8 grandi giocatori della Battaglia, ciascuno con un nuovo Amico da guidare, sfidarsi testa a testa in una speciale e divertente anteprima della nuova patch! Il 20 gennaio, dalle 19:00 alle 23:00 CET, guarda uno dei seguenti canali per conoscere gli Amici di cui tutti stanno parlando: