kill denathrius

I Complexity Limit ci sono riusciti: è loro la World First Kill su Sire Denathrius

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

World First Kill Sire Denathrius – Dopo svariati tentativi con il boss rimasto a pochissimi punti ferita, gli americani dei Complexity Limit ce l’hanno fatta, riuscendo a mandare al tappeto l’ultimo boss del Castello di Nathria come prima organizzazione al mondo.

La World First su Sire Denathrius è stata ottenuta circa 12 ore fa, grazie ad una try quasi perfetta in cui i Complexity sono riusciti a performare al meglio delle loro possibilità. La gara è stata “insana” e sempre in bilico, con le due gilde di testa che si sono sfidate fino all’ultimo minuto disponibile durante l’intera durata della giornata di ieri.

I Complexity sono però riusciti a sfruttare quel minimo vantaggio accumulato all’inizio della corsa (merito anche dei due Holy Pala e dei loro danni extra assolutamente fondamentali), ed hanno cosi ottenuto il loro secondo importante obiettivo consecutivo dopo la World First ottenuta nell’ultimo raid prima del rilascio di Shadowlands, Ny’Alotha.

Una volta confermata la Kill dei Limit, gli Echo hanno preferito splittare in eroico per farmare altro equipaggiamento, sicuri del fatto che durante la giornata odierna otterranno certamente la kill numero due del mondo su Sire Denathrius.

Il momento dei festeggiamenti

Ecco tutti i dettagli, e le repliche, della sfida dei Limit contro Sire Denathrius…a loro i nostri più vivi ed entusiasti complimenti per l’importante obiettivo raggiunto.

Dati del Raid: Danni e Cure

World First su Sire Denathrius – POV Mago

Pov Stregone

Più staccate le altre organizzazioni, con Pieces, BDGG, Fat SharkYes, Method e Aversion che stazionano ancora a 8/10, in quella che è la sfida per la conquista dell’ultimo posto disponibile sul podio del raid.

Prima di concludere l’aggiornamento, vogliamo riproporvi il post pubblicato dal leader dei Limit Max, che da Twitter ha voluto personalmente ringraziare e complimentarsi con gli Echo e con alcuni dei nomi dei protagonisti di questa corsa, affermando che è solo grazie a loro se sono riusciti a spingersi cosi in alto.

Il messaggio di Ion Hazzikostas

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701