Hands-on WoD : Monaco Misticismo

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nell’Hands-on di oggi vedremo un video, girato nella nuova UBRS (Bastioni di Roccianera Superiori), dove testiamo il Look’n’feel del Monaco Misticismo. In questo test abbiamo utilizzato volutamente solo lo stile della Serpe ignorando quello nuovo della Gru perchè pensiamo che a livelli bassi di gear non sia del tutto utilizzabile come metodo di cura se non con un micro-managing degno di nota.

La sensazione che si prova curando col Monaco Misticismo in WoD è strana ; da un lato, la generazione di Chi risulta molto ridotta a causa della totale assenza della risorsa generata da “Nebbia del Sollievo/Soothing Mist” mentre, dall’altro, sembra che non valga piu’ la pena almeno con questo gear bruciare Chi con Alleviamento e usare principalmente Nebbia Avvolgente/Enveloping Mist o , se si è scelto, il talento lvl100 Chi Explosion.

Lato mana, il nuovo sistema di generazione/spesa Chi fa si che il Mana Tea risulti solo un extra necessario solo quando  davvero si spammano Nebbie Crescenti/Surging Mists a ripetizione, altrimenti ve lo dimenticherete così come ho dimenticato (principalmente perchè era un dungeon da 5 giocato in 4! ) l’utilizzo del nuovo Tè della Concentrazione del Tuono che fa saltare la Nebbia Curativa due volte in piu’.

Attualmente, quindi, il Monaco Misticismo ruota attorno al channel di Soothing , alla Statua (che cambia target in automatico durante il nostro channel!) e al corretto uso di cure Single Target come l’Enveloping; non pervenute, invece, le potenzialità AoE del Monk che risultano un po’ deboli forse per uno scaling ancora da sistemare (pare, infatti, che nella prossima build Uplift sarà buffato del 100%).

Crediamo che il gameplay del Monaco Misticismo rimanga unico e sicuramente speriamo che la Blizzard non se ne dimentichi e che lo porti a livello degli altri healer che al momento sembrano tutti solidi; vi terremo aggiornati a riguardo e copriremo con un video anche lo Stile della Gru che sembra comunque interessante per le fasi di basso danno al Raid.

Augurandovi buona visione il team di Powned.it vi rimanda al prossimo Hands-on, stay powa!

 

[embedvideo id=”K_B6ZwMXFVc” website=”youtube”]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701