Hands-on WoD : Druido Restoration

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dopo aver terminato la fase di leveling da Guardian (di cui vi faremo un reportage molto presto) il nostro druido Pownedruid , impersonato dal sottoscritto, ha respeccato Restoration per testare in che modo fosse stato “massacrato” dai recenti nerf.
Posso dire di aver trovato una classe che , almeno ai primi livelli, sembra abbastanza solida.
Il Nerf al fungo (la rimozione del bloom, e il cooldown di 30 secondi per ripiazzarlo) , sebbene possa sembrare enorme non risulta poi così disastroso; infatti, permette al giocatore di focalizzarsi sull’uptime degli HoT .
Ho usato come talenti gli stessi che vengono usati live, quindi Nature’s Vigil e Soul of the Forest. C’e’ da dire che, castare Wild Growth (Crescita Rigogliosa) con 1.5 di cast non è sempre agevole proprio perchè sembra “azzoppare” la mobilità del druido .

Il nuovo Genesi permette di “far scadere” tutti i Reju presenti ma su un solo bersaglio, rendendo quindi quest’abilità una potentissima cura singola. Ho trovato anche molto piu’ utile che sul live l’utilizzo di Regrowth (ricrescita) che cura molto e non costa poi così tanto mana; l’ho lasciato sglifato , e avere un HoT in piu’ sul tank non mi è dispiaciuto.

Il mana : il cruccio degli healer di questa futura espansione è per adesso non-esistente .
Non c’è spirit su nessun pezzo del mio equipaggiamento sull’alpha (vi ricordo che sarà presente solo sugli accessori!) , eppure finisco il mana soltanto dopo lunghi pull e spammando ricrescita a go go. Se seguo una rotation abbastanza soft non è possibile finire mana (ma nemmeno recuperarlo, essendo stato rimosso innervate!)

Vi lascio ad un breve video dove illustro queste modifiche , a presto con altri video Hands-on su Powned.it!!

[embedvideo id=”geq-eNCx8VE” website=”youtube”]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701