Battle of Dazar’Alor, il progress ha la sua Top10 mondiale

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Ogni giorno che passa va a concludersi un nuovo piccolo step nela grande corsa al progress di Battle of Dazar’Alor.
Risolta la questione World First, ed anche quella relativa alla seconda kill generale del boss (anche questa ottenuta dai Method) ed al podio con la terza posizione assegnata alla gilda cinese Alpha non mancava che completare la top10 assoluta per questo tier.

Nelle prossime settimane andremo a vedere la Top100 iridata ed anche dove riusciranno a posizionarsi le gilde italiane in corsa, ma per il momento limitiamoci a riportare i dati che ci mostrano unicamente le 10 gilde più forti del mondo, rispettivamente:

Fonte immagine: sito Method

Come potrete constatare anche voi, sono sostanzialmente scomparse da questo ranking le gilde americane con i Limit come unici rappresentanti non solo del popolo a stelle e strisce ma di tutto quello del continente.
L’Europa è invece ancora indiscussa protagonista con 5 gilde attive in top 10 (una di queste è quella dei russi Exorsus) ma trova nella Cina e nella Corea due nuove rivali.
Il gigante asiatico è infatti rappresentato da ben 3 gilde con la migliore di queste che occupa il terzo gradino del podio e le altre due che trovano invece spazio ai margini della Top10, rispettivamente Skyline e Jitianhong.

Per quanto riguarda invece il progress italiano, segnaliamo che i Below Average sono attualmente in prima posizione essendo stati gli unici ad uccidere 6 dei nove boss totali.
Dietro di loro sempre gli Hated, lievemente attardati rispetto alla gilda di testa, e gli Struggle che guidano un gruppetto di organizzazioni ferme a 4/9.

PosGildaReame
373Below Average (r)EU-Well of Eternity6/9 (M)
402Hated (r)EU-Nemesis5/9 (M)
591Struggle (r)EU-Nemesis4/9 (M)
693IgnorHunters (r)EU-Nemesis4/9 (M)
780Bug AbuserEU-Well of Eternity4/9 (M)
791Infamous (r)EU-Well of Eternity4/9 (M)
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.