Anduin Lothar : Storia di un Leone

Anduin Lothar : Storia di un Leone

Profilo di Alice
 WhatsApp
Anduin Lothar, il leone di Azeroth, discende per linea di sangue dagli Arathi, la più importante tra le popolazioni umane che la storia di Azeroth ricordi.
Fondarono Storm, capitale dell’impero, governando saggiamente per molti anni ma gli umani diventarono sempre piu numerosi cosi l’impero si divise in sette città, tra cui Stormwind dove il nostro piccolo Leone visse fin dai suoi primi anni di vita.
Lothar crebbe insieme ai suoi amici Medivh e Llane assaporando, grazie a quest’ultimo, la vita di corte senza che lo sfarzo prendesse il sopravvento sul suo animo altruista.
Una volta cresciuto e affinato il suo talento nel combattimento, si unì nella milizia di Stormwind, crescendo come abile cavaliere al servizio dei reali; l’ordine dei cavalieri di Stormwind era chiamato “Brotherhood of the Horse”.
Adamant, re di Stormwind, aveva un’alta considerazione per Anduin e il figlio Llane lo volle sempre al suo fianco fin dall’inizio della guerra contro gli orchi.
Ashkandi, Greatsword of the Brotherhood” questa spada ottenibile al boss Nefarian nel Massiccio Roccianera in World of Warcraft, riporta nella descrizione le iniziali A.L. in riferimento a Lothar e al suo ordine cavalleresco
Lo scontro con il popolo arrivato attraverso il portale oscuro continuò per vari anni; un giorno, il giovane mago Khadgar e il mezz’orco Garona, informarono re Llane che Medivh era il responsabile dell’invasione da parte degli orchi.
Llane si rifiutò di credere alla cosa, mentre Anduin decise di dare ascolto al suo istinto e seguire Khadgar e Garona dentro Karazhan per vedere con i suoi occhi l’operato di Medivh. Loro tre, assieme a un gruppo di guerrieri di Stormwind, affrontarono Medivh e Anduin ebbe modo di scoprire la reale natura del suo amico di infanzia. La battaglia fu difficile, Khadgar ferì Medivh mentre fu Lothar a dargli il colpo di grazia.
La fine di Medivh però non fermò l’orda degli orchi e, quando Lothar e il suo gruppo di uomini tornarono a Storwmind, trovarono la città in rovina e gli abitanti in preda alla fuga. Successivamente Garona, sotto il controllo mentale del concilio d’Ombra, l’organo che prendeva le decisioni nella comunità orchesca, uccise re Llane.
Il figlio di Llane, Varian, aveva solo 10 anni e si era ritrovato a dover guidare un popolo disperato. Anduin Lothar decise di prendersi il fardello di guidare egli stesso gli umani verso un futuro migliore, portandoli verso nord.
Anduin vide cadere la propria città per mano degli invasori, incapace di cambiare la sorte della sua razza; sapeva bene che gli orchi non si sarebbero fermati li e il mondo intero era in pericolo.
Portò i superstiti di Stormwind nella città di Lordaeron, chiedendo rifugio al sovrano.
Re Terenas Menethil II non rimase fermo alle notizie apprese da Anduin, cosi decise di formare un’alleanza tra tutti i popoli umani, i nani di Khaz Modan e gli gnomi.
Grazie alla discendenza di Lothar dalla stirpe degli Arathi, il Leone riuscì a prendere contatto con gli Alti Elfi e farli entrare nell’alleanza.
Si formò cosi l’Alleanza di Lordaeron e Anduin Lothar fu scelto come supremo comandante delle forze alleate. Questo nuovo battaglione, avanzò verso sud recuperando terreno e riprendendosi Stormwind dalle mani degli orchi.
L’ultima guerra contro gli orchi fu violenta, Anduin e Orgrim Martelfato, capo degli orchi, duellarono senza tregua; Orgrim però ebbe la meglio e uccise il Leone di Stormwind.
Gli orchi credettero di avere vinto la guerra e invece l’Alleanza, guidata dal comandante in seconda Turalyon e pervasa dal ricordo del generale Lothar, combatterono senza sosta sconfiggendo definitivamente l’orda.
Anduin Lothar non visse abbastanza a lungo per vedere la sua città tornare al suo splendore ma il suo spirito vive tutt’ora su Azeroth.
Varian Wrynn chiamò suo figlio Anduin, in segno di eterna gratitudine; senza di lui gli umani molto probabilmente non sarebbero sopravvissuti. Durante gli eventi nelle terre esterne un gruppo di persone, tra cui lo stesso Turalyon, si rinominarono in Figli di Lothar in memoria del grande Leone di Storwmind
Statua di Anduin Lothar nelle Steppe Ardenti in ricordo l’ultima epica battaglia di Anduin Lothar contro Orgrim
Chiudiamo l’articolo riportando le parole di Turalyon per il compagno d’arme Anduin dopo la fondazione dei Figli di Lothar

“In remembrance of the Supreme Allied Commander, Anduin Lothar: A man who would sacrifice everything in the defense of his king, his people, his home…Let our enemies know our names. Let our allies honor our passing. We are the Sons of Lothar.”

“In memoria del Supremo alleato comandante Anduin Lothar. Un uomo che ha sacrificato tutto per la difesa del suo re, la sua gente, la sua casa. Lasciate che i nostri nemici conoscano il nostro nome, lasciate che i nostri alleati onorino il nostro passaggio.  Noi siamo i Figli di Lothar”

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: