Anche i Limit annunciano la loro “Race to World First”: RedBull però non ci sarà!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Pochi giorni segnalavamo il trailer di lancio dell’evento “Race to World First” organizzato dai Method, mentre oggi assistiamo alla risposta dei grandi rivali della gilda Europea, ovvero l’organizzazione statunitense dei LIMIT.

Come accaduto l’anno scorso su Eternal Palace, anche per Ny’Alotha avremo due “Race” da seguire, con quella dei Limit che si occuperà anche dell’aggiornamento relativo alle gilde Pieces, Big Dumb Guild, Fat Shark Yes, e Club Camel (mentre tutte le altre “top” saranno protagoniste nelle dirette organizzate dai Method).

La gara inizierà ufficialmente il prossimo 28 Gennaio e con i 12 boss che compongono il nuovo raid della patch Visioni di N’Zoth sembra certo che vedremo una lunga e complicata sfida, dagli esiti assolutamente incerti.
I Method sono certamente gli unici ad avere qualcosa da perdere ma anche la situazione dei Limit gli impone di conquistare il primo posto: durante l’ultima race infatti, la squadra nordamericana (che all’epoca era supportata anche da RedBull, che invece non ci sarà nel 2020) ha mancato la World First di poco e non saranno certo intenzionati a fare la stessa fine dell’anno scorso.

Il trailer

La prossima sfida al progress si presenta quindi con le stesse grandi sfidanti dell’ultima edizione, con la speranza che l’alto numero di boss presenti aiuti ad equilibrare tutta la corsa, sapendo che sia le gilde europee, sia quelle asiatiche, dovranno partire rispettivamente con uno e due giorni di ritardo rispetto alle americane.

 


Anche i Limit annunciano la loro “Race to World First”: RedBull però non ci sarà!
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701