valorant bannati

Valorant: quasi 8 mila account già bannati

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Valorant Bannati – A partire dalla giornata odierna il celebre sparatutto tattico Valorant ha visto sospesa la sua fase di Closed Beta.

Ed in attesa che i devs implementino gli ultimi aggiornamenti prima del rilascio ufficiale del gioco, previsto per il prossimo 2 Giugno, abbiamo scoperto alcuni numeri molto interessanti che riguardano proprio il periodo di beta da poco concluso.

Secondo quanto riportato dagli sviluppatori infatti, nei primi mesi di gioco sono stati bannati ben 7786 account (tutti relativi a giocatori colti in flagrante mentre utilizzavano cheat o altri sistemi per imbrogliare)…un numero sicuramente importante che da un lato testimonia quanto evidentemente efficace sia il sistema di identificazione dei cheat, dall’altro ci fa anche pensare che quello del cheating sia ancora un problema troppo diffuso, che potrebbe “sfuggire” al controllo e che quindi impone di non abbassare mai troppo la guardia.

Tra gli altri numeri interessanti che si segnalano per la Beta, ci sono da ricordare 6 patch (tra piccole e grandi), ben 1254 bug di vario tipo risolti (probabilmente nel conteggio sono finiti anche quelli noti in questi ultimi giorni) e 2409 crash dei server…

In conclusione, segnaliamo che l’immagine di copertina di questo articolo è stata creata da Thiago Gutierrez, Marketing Art Director di VALORANT, e disegnata da Suke artista che collabora da tempo con Riot Games. L’opera è ispirata allo stile reso famoso da Drew Struzan, spesso definito proprio “stile Struzan” (alcuni esempi: le locandine di Star Wars, Harry Potter, Indiana Jones ecc).

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701