Valorant – Penalità più dure per gli AFK e altro ancora nella patch in arrivo questo mese!

Valorant – Penalità più dure per gli AFK e altro ancora nella patch in arrivo questo mese!

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Nonostante la patch 2.02 di Valorant abbia fatto il suo trionfale ingresso solo nella giornata tra ieri e oggi (Clicca QUI per il link all’articolo sull’attuale patch note), sembra che Riot Games abbia già gli occhi puntati sul futuro e sui cambiamenti in arrivo con la prossima patch, la 2.03.

Per ora i Devs ci hanno solo parlato dei progetti relativi alle penalità per gli AFK e del nuovo sistema di ricompense del grado Atto, ma ci hanno tenuto a chiarire che questo é solo l’inizio del piano di graduali miglioramenti.

Ciò, spiegano gli sviluppatori, servirà a non rivoluzionare il gioco che molti hanno imparato ad amare, ma a cambiarne alcuni aspetti chiave di cui la community si é sempre lamentata. Vediamo i dettagli.

Ricompense basate sul grado più alto ottenuto – Patch Valorant 2.03

‘Nel vecchio sistema, usavamo nove partite per valutare se il vostro grado era quello corretto. Il nuovo sistema vi mette alla prova nel grado che ritiene vi appartenga, permettendovi di raggiungere il vostro MMR effettivo in meno partite.

Una volta ottenuto un grado, avete già dimostrato la vostra abilità, perciò è logico che veniate ricompensati nel momento in cui lo raggiungete. Questo vuol dire che il grado Atto sarà deciso dal grado del triangolo più alto del vostro stemma, invece che dalle nove vittorie migliori. Dovrete ancora ottenere nove vittorie in totale per riempire il vostro stemma del grado Atto, ma verrete ricompensati per la migliore di quelle nove vittorie. Questo sarà anche ciò che determinerà la vostra ricompensa di fine Episodio.”

Gli sviluppatori non hanno per ora rivelato altri dettagli sulle ricompense classificate di fine Atto, ma assicurano che la cadenza delle reward verrà mantenuta alla fine dell’Episodio, così da dare a tutti la possibilità di raggiungere il grado più alto possibile.

valorant rank

Penalità per AFK in partita – Patch Valorant 2.03

Anche qui sembra che Riot abbia finalmente ascoltato tutti i giocatori che sperimentavano la disastrosa esperienza di ritrovarsi in 3 contro 5, o anche peggio, a seconda dei casi.

”Il primo intervento da parte nostra è penalizzare maggiormente i giocatori delle competitive che vanno AFK durante la partita. Questi perderanno PC aggiuntivi, eventualmente anche oltre i limiti massimi. Si tratta solo del primo passo per aiutare a contrastare i giocatori AFK. Abbiamo altro in programma e speriamo di poterne parlare nei prossimi aggiornamenti!”

Rimane dunque il punto interrogativo sulla questione sistema di riconoscimento degli AFK, che sappiamo aver avuto qualche problema ultimamente. Alcuni utenti hanno infatti lamentato un cattivo funzionamento del sistema esponendo, specialmente su Reddit, come effettivamente fallisca spesso nel riconoscere gli utenti AFK, lasciandoli spesso fermi allo spawn per 3 o più round.

viper quarantena

L’azzeramento del grado da un Atto al successivo sarà meno drastico

Buonissime notizie per tutti i player di elo basso, che non dovranno più imprecare ad ogni soft reset dell’Elo, durante il quale spesso perdevano troppi punti, rispetto all’ultimo grado ottenuto.

”Dobbiamo assicurarci di fare un po’ di pulizia nei gradi tra un Episodio e l’altro, ma vogliamo che gli azzeramenti degli Atti abbiano un impatto meno drastico. Stiamo considerando di chiedervi di giocare solo una partita di piazzamento se avete ottenuto un grado nell’Atto precedente, senza toccare il vostro grado o il vostro MMR effettivo. Quella partita avrà però effetto sul piazzamento iniziale, che quindi potrebbe variare leggermente.”

valorant rank

Limitazioni per i gruppi ridotte ai gradi più bassi

Ecco l’atteso annuncio dell’allentamento della restrizione di massimo una lega di differenza tra i giocatori dello stesso gruppo.

”Vogliamo allentare alcune delle restrizioni che avevamo imposto sui gruppi nei gradi inferiori. Stando ai dati, abbiamo abbastanza giocatori ai gradi inferiori per permettere loro di fare squadra anche con una certa disparità di grado, mantenendo comunque un matchmaking corretto.”

Grado nascosto prima e durante la partita

”In molti ci hanno detto che preferirebbero che il grado non apparisse prima e durante la partita, perché può provocare una pressione fastidiosa da parte degli altri giocatori. 

Intendiamo mantenere il vostro grado insieme a quello degli altri giocatori nella schermata di fine partita, perciò potrete comunque vedere come vi siete comportati rispetto agli altri, ma speriamo che questa modifica vi permetta di concentrarvi meglio sulla scelta dell’agente che preferite e di giocare nel modo che pensate sia più utile alla squadra.”

Insomma, i progetti all’orizzonte sono tantissimi ed é lampante come Riot stia spendendo una enorme quantità di forze a supporto di Valorant, puntando soprattutto ad ascoltare i feedback della community, ma voi cosa ne pensate? Vi piacciono i cambiamenti della patch corrente e di quella che seguirà? Parliamone nei commenti!

Articoli Correlati:

 

 

 

Valorant, finalmente si inizia a parlare di una SERIE TV in stile Arcane

Valorant, finalmente si inizia a parlare di una SERIE TV in stile Arcane

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Dopo le promesse disattese che prevedevano l’arrivo di un accenno alla lore di Valorant nella prima metà del 2022, l lamentele della community non si sono fatte attendere, ma ora sembra che gli sviluppatori abbiamo già un’idea che riguarda il mondo delle Serie TV.

Guardando infatti al successo di Arcane, la serie tv ambientata nel mondo di League of Legends, non è difficile aspettarsi che mamma Riot cerchi di sfruttare al massimo anche la popolarità di Valorant in maniera simile, magari con degli interessanti spin-off sulle origini degli Agenti.

Sebbene infatti in Italia Valorant potrebbe essere considerato un FPS di nicchia, nel resto del mondo il gioco è molto popolare. Basti pensare che ad ogni ora si registrano tra i 600.000 e gli 800.000 player a livello globale connessi contemporaneamente.

Una serie tv su Valorant? Una conferma potrebbe già essere arrivata

Una sorta di risposta al quesito di cui sopra, è stata data dal Creative Director di Valorant David Nottingham, che in uno dei suoi ultimi blog-post scrive:

”Arcane è stato fantastico! Mentiremmo se affermassimo di non avere speranze e sogni di consegnare un giorno qualcosa di simile nell’Universo Valorant, ma wow, i nostri cugini LoL hanno fissato un’asticella follemente alta con la serie!”

“Fin dall’inizio, abbiamo deciso di creare un universo ampio con una profondità di personaggi per supportare qualsiasi potenziale esperienza futura che crediamo i giocatori vorrebbero, incluso l’intrattenimento premium.”

“MA… non aspettatevi niente troppo presto,” sottolinea. “Rimarremo iper-concentrati sul gioco per un po’ di tempo e c’è ancora molto che vogliamo fare per continuare ad espandere l’universo di Valorant”.

Insomma community, che ne pensate di questa idea? Una serie tv su Valorant riscuoterebbe lo stesso successo di Arcane? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento!

Articoli Correlati:

Valorant, il sistema di BAN delle MAPPE non arriverà mai? Rimane la speranza per i BAN agli Agenti

Valorant, il sistema di BAN delle MAPPE non arriverà mai? Rimane la speranza per i BAN agli Agenti

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

La rapida espansione di Valorant degli ultimi due anni e mezzo, sia dal punto di vista delle mappa di gioco che dei personaggi utilizzabili, ha lasciato molto perplessi giocatori e professionisti, che si sono più volte chiesti se i BAN delle mappe e degli agenti arriveranno mai sul gioco.

Sebbene infatti i personaggi non siano ancora poi così tanti e le mappe siano ancora relativamente poche, rispetto ad esempio a quelle di Counter Strike, la community non ha dimostrato un grande apprezzamento per la randomizzazione soprattutto per quello che riguarda la scelta delle mappe di gioco.

Inoltre, guardando ai ”cugini” di casa League of Legends, notiamo che il sistema di BAN dei personaggi è diventato nel tempo un caposaldo del titolo. Ovviamente questo a fronte di oltre 140 personaggi giocabili.

La risposta dei Devs sui BAN delle MAPPE

Interrogato sulla questione, il Competitive Designer di Valorant Jon Walker ha spiegato perché non avremo mai il BAN delle MAPPE: ”Questo non è qualcosa che stiamo attualmente pianificando per un normale game in coda competitiva, perché in questo momento vogliamo davvero rafforzare l’apprendimento di come giocare tutte le mappe (invece di evitare sempre quelle specifiche)”.

”Detto questo, riteniamo che valga la pena esplorare un sistema di selezione delle mappe in un ambiente adatto a complesse strategie di squadra come la nostra modalità torneo pianificata. È ancora un work-in-progress, ma ne vediamo il potenziale in uno spazio in cui le squadre avranno pianificato le giocate e le composizioni degli agenti per varie mappe”.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati:

Valorant Masters e Valorant Champions: svelate le sedi

Valorant Masters e Valorant Champions: svelate le sedi

Profilo di Rios
 WhatsApp

Riot Games ha appena annunciato le sedi dei Valorant Masters e dei Champions, due dei più grandi eventi del circuito esports internazionale. I Masters si terranno a Copenaghen, mentre i Champions avranno sede ad Istanbul in Turchia.

A questi tornei parteciperà soltanto il meglio che la scena mondiale ha da offrire, con i team che lotteranno fino alla fine per portare a casa la vittoria. Saranno dei campionati davvero molto combattuti, destinati ad offrire tanto spettacolo ed anche tantissime emozioni.

Insomma, se siete fan dello sparatutto tattico di Riot Games dovete prepararvi per i più grandi eventi del circuito competitivo.

Le sedi dei Valorant Masters e dei Valorant Champions

Il comunicato di Riot

Oggi siamo emozionati nell’annunciare dove si terranno gli ultimi due eventi internazionali del VALORANT Champions Tour 2022!

 

Prima di tutto, le migliori squadre degli eventi regionali dei Challengers della Fase 2 si scontreranno a Copenaghen, che ospiterà il secondo evento Masters della stagione. Dal 10 al 24 luglio, il torneo vedrà affrontarsi dodici squadre per la conquista di punti, premi e gloria nel VCT. Siamo ansiosi di portare il nostro prossimo evento internazionale in una nuova città e nelle settimane a venire annunceremo altri dettagli in merito.

Il VALORANT Champions Tour concluderà la stagione 2022 a Istanbul! Il Champions rappresenta l’adunata di fine anno delle sedici migliori squadre del mondo, che si affrontano per il titolo di Campioni del mondo di VALORANT.

 

Dal 2 al 18 settembre, l’evento vedrà la partecipazione di sedici squadre, dieci delle quali si qualificheranno in base alle loro prestazioni durante la stagione regolare e sei nelle Last Chance Qualifiers che si terranno ad agosto.

Vogliamo che i nostri principali eventi internazionali siano giocati di fronte a un pubblico dal vivo ed entrambe queste città ci hanno permesso di raggiungere questo obiettivo, fornendoci al contempo le migliori garanzie che le squadre qualificate avrebbero potuto partecipare in tutta sicurezza. Siamo felici di comunicare i primi dettagli di questi due eventi, di cui forniremo ulteriori informazioni nelle prossime settimane.