Valorant ed il rapporto con gli altri titoli competitor: la parola al Game Director!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Attraverso alcuni commenti pubblicati su Eurogamer gli sviluppatori di Riot hanno voluto precisare la loro idea riguardo il settore degli sparatutto e la potenziale “espansione” che riguarderà proprio questo.

Che ricordi più CS:GO o Overwatch poco importa: Valorant vuole essere un titolo unico, che non richiami alcun altro gioco del passato, almeno stando a quanto riportato dal Game Director Joe Ziegler e dalla Lead Producer Anna Donlon (entrambi nella foto sotto), che ai microfoni di EG hanno voluto ribadire: “con Valorant vogliamo espandere il settore degli FPS, creandoci un nostro spazio ben definito che non vada ad intaccare i giocatori di altri titoli come Overwatch“… ed hanno poi proseguito “il nostro unico obiettivo è quello di creare una community solida attorno al gioco e di far crescere il titolo nei prossimi anni“.

In merito al confronto con altri giochi sparatutto come Overwatch e CSGO, i devs hanno spiegato che vi sono delle ragioni precise che spingono un giocatore a scegliere in quale gioco imbattersi, e che sono assolutamente consapevoli di quelle che sono le caratteristiche che renderanno Valorant un titolo unico, e che ne favoriranno la famosa “scelta” tra i giocatori.

Pur essendo dei giochi sicuramente diversi, appare quanto meno improbabile che l’arrivo di Valorant non vada pesantemente ad alterare gli attuali equilibri presenti nel settore degli sparatutto, specialmente se si considera l’aspetto esports, che per un titolo del genere assume un’importanza fondamentale.

Valorant sarà la nuova pietra miliare degli esports?

Joe Ziegler ha infatti assicurato che nel team stanno cercando in tutti i modi di far si che ad un certo punto del percorso non si spenga la competizione su Valorant, un argomento per Riot fondamentale e che evidentemente appare come una battuta diretta ad Overwatch, un titolo che in questi ultimi mesi ha visto diminuire l’interesse attorno alla sua scena competitiva (anche a causa dell’emergenza Coronavirus che ha fatto letteralmente saltare mezzo campionato) e che attende il grande rilancio con l’arrivo del “capitolo 2”.

Cosa ne pensate community? Vi ricordiamo che i primi fortunati partecipanti alla closed beta potrebbero (non è ancora ufficiale) già sperare di provare il gioco entro i prossimi giorni…cosi da poter finalmente testare le tantissime informazioni rilasciate in queste ore, fornendo un preciso parere sullo stato di sviluppo del gioco.


Valorant ed il rapporto con gli altri titoli competitor: la parola al Game Director!
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701