Valorant e il messaggio nascosto per gli hacker: “se avete trovato questo file, fate domanda in Riot”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Valorant Hacker – Gli sviluppatori Riot hanno deciso di intraprendere una strada decisamente diversa nel contenimento dei fenomeni di cheating ed hacking nei suoi titoli, specialmente per la strategia che è stata pianificata per Valorant.

Oltre ai normali strumenti per combattere i cheaters come avvisi e ban, gli sviluppatori hanno infatti lanciato un vero e proprio concorso, sfidando tutti gli hacker a trovare i punti deboli di Valorant ed a mostrare le analisi dei loro rapporti a Riot, in cambio di una lauta ricompensa.

Vi basti pensare che il publisher ha assicurato premi fino a 100 mila Dollari per chi aiuterà effettivamente i devs a combattere e fronteggiare i molteplici tentativi dei cheaters di distruggere l’esperienza di gioco altrui.

E proprio per continuare con questa politica “alternativa”, ma sicuramente efficace, di lotta ai cheaters, scopriamo che gli stessi devs hanno lasciato un messaggio cifrato all’interno del codice di Valorant, e nello specifico all’interno di un file chiamato Pacman all’interno della sezione dedicata a Vanguard, il sistema anti-cheaters utilizzato da Riot.

All’interno di questo si può infatti leggere: “Protetto da packman, un prodotto di Riot Games. Sviluppato con <3 dal team Anti-Cheat. Assumiamo sempre persone di talento. Se hai trovato questo messaggio, ti preghiamo di dare un’occhiata alla nostra pagina dedicata alla carriera in Riot, per vedere se qualcosa attira il tuo interesse: https://www.riotgames.com/careers“.

Un vero e proprio appello alla partecipazione, che potrebbe garantire a Riot (nel giro di qualche mese) uno dei migliori (e più aggiornati) team anti-cheat della storia recente dei videogiochi.

Cosa ne pensate di questa iniziativa? Pensate che la strategia di Riot, specialmente sulla lunga distanza, possa funzionare?

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701