Riot spiega come si combatte le tossicità sui videogiochi

Riot spiega come si combatte le tossicità sui videogiochi

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Nell’ultimissimo aggiornamento su sistemi e qualità di vita all’interno di Valorant, gli sviluppatori di Riot Games hanno deciso di tirare un po’ le somme su quanto fatto fino a questo momento per combattere fenomeni di molestie, tossicità e comportamenti negativi all’interno del gioco.

Dai dati analizzati si capisce benissimo quanto la situazione, per moltissimi utenti, sia decisamente migliorata, soprattutto grazie ad un algoritmo in continuo miglioramento. D’altro canto, la strada da fare perché le cosa migliorino davvero, come notato dagli stessi autori, è ancora lunga.

Senza ulteriori indugi vediamo i dati e cerchiamo di capire perché, nonostante questi dati si riferiscano alla sola playerbase di Valorant, essi siano importanti e d’esempio per tutti gli sviluppatori di videogiochi.

INTRODUZIONE – IL PROBLEMA

Definiamo molestie nelle comunicazioni tutti i comportamenti sgradevoli all’interno della chat vocale e testuale. Anche se non riusciremo mai a ostacolare del tutto i comportamenti negativi delle persone, possiamo impegnarci a scoraggiare il più possibile insulti, minacce, molestie o linguaggio offensivo nei nostri sistemi di gioco. Ciò lascia spazio anche alla possibilità di incoraggiare atteggiamenti positivi.

Come abbiamo detto in precedenza, ce la mettiamo tutta per creare un futuro migliore per tutti, condannando i comportamenti negativi nelle comunicazioni di gioco. Riteniamo siano stati fatti passi avanti in tal senso, ma sappiamo che c’è ancora molto da fare.

Anche se non esiste una soluzione perfetta per ogni problema, vogliamo illustrarvi alcune misure che abbiamo adottato (assieme ai risultati ottenuti) e le misure che abbiamo in programma per migliorare l’esperienza nella chat testuale e vocale di VALORANT.

COSA ABBIAMO FATTO FINORA?

Per prima cosa, parliamo del lavoro che abbiamo svolto finora. Quando dobbiamo rilevare comunicazioni indesiderate nel nostro gioco, ci affidiamo a due principali strumenti.

FEEDBACK DEI GIOCATORI

La prima forma di rilevazione è il feedback dei giocatori. Le segnalazioni, per essere più precisi! Se vi incoraggiamo fortemente a segnalare i comportamenti negativi (che si tratti di abusi nella chat, casi di inattività o di giocatori che perdono la partita di proposito) è perché tracciamo e utilizziamo quei dati per gestire le punizioni.

Vogliamo essere chiari: questo non significa che chiunque venga segnalato subisca una punizione. Cerchiamo di individuare chi viola ripetutamente le regole, infliggendo punizioni crescenti che partono da semplici avvisi e arrivano fino al ban permanente (nei casi più gravi).

In precedenza, quando abbiamo discusso del problema dell’inattività su VALORANT, abbiamo parlato della creazione di un sistema capace di tenere traccia della condotta dei giocatori. Basandoci su tale idea, abbiamo creato un indice interno per il comportamento che ciascun giocatore adotta nelle comunicazioni su VALORANT, così da poter gestire molto velocemente chi commette infrazioni ripetute.

Inoltre, ci sono alcune espressioni dello scritto e del parlato che consideriamo violazioni da trattare con tolleranza zero. Sulla base di quanto già detto, si tratta di comportamenti che non vogliamo assolutamente vedere in VALORANT, tanto da essere disposti a escludere i giocatori colpevoli. Quando riceviamo segnalazioni relative a un linguaggio del genere, passiamo subito alle punizioni più severe. Al momento queste punizioni vengono inflitte dopo la fine della partita, ma di questo ne parleremo più avanti.

ELENCO PAROLE SILENZIATE

Di sicuro alcuni di voi avranno notato che la rilevazione testuale automatica non è perfetta (i giocatori hanno trovato modi piuttosto “creativi” per sfuggire ai nostri sistemi). Ogni tanto può quindi capitare che parole intollerabili ci sfuggano. È per questo motivo che abbiamo recentemente implementato un “elenco di parole silenziate. Questo vi permette di bloccare manualmente parole ed espressioni che non volete vedere nel gioco.

Questo sistema ha due scopi:

Sapendo che i nostri sistemi di rilevazione automatica non sono perfetti, vogliamo innanzitutto darvi la possibilità di eliminare espressioni indesiderate dal gioco. In futuro vogliamo poi inserire le espressioni segnalate nell’elenco di parole silenziate all’interno del nostro sistema di rilevazione automatica (utilizzare l’elenco ci aiuterà quindi a migliorare la rilevazione automatica!).

QUALI SONO STATI I RISULTATI?

Finora vi abbiamo spiegato alcune delle iniziative intraprese per individuare, punire e ridurre i comportamenti molesti in VALORANT. Questa è solo la punta dell’iceberg e abbiamo ancora molta strada da fare, ma diamo comunque un’occhiata ai risultati dei nostri interventi.

BAN DALLA CHAT

GS_Graph_1_IT.jpg

I ban dalla chat sono la prima e più comune forma di punizione che infliggiamo per l’utilizzo di un linguaggio sgradito nella chat vocale o testuale. Solo a gennaio abbiamo inflitto più di 400.000 ban dalla chat testuale e vocale. Questi provvedimenti vengono presi automaticamente quando un giocatore digita in chat qualcosa che individuiamo come molesto, o quando riceviamo diverse segnalazioni nel tempo (da diversi giocatori in partite diverse). In questo modo siamo abbastanza sicuri che un giocatore si stia comportando male nella chat testuale e/o vocale.

Ma non abbiamo intenzione di fermarci qui! Stiamo lavorando per migliorare questo modello e rilevare con maggiore certezza sempre più parole che attualmente possono sfuggire al sistema. Nel tempo, contiamo di rendere il tutto sempre più efficace.

RESTRIZIONI DI GIOCO

GS_Graph_2_IT.jpg

Ci sono poi le restrizioni di gioco. Si tratta di ban che infliggiamo agli account che in comunicazione commettono violazioni numerose e ripetute. I ban hanno una durata che va da qualche giorno (per violazioni minori da parte di giocatori con la fedina abbastanza pulita) a un anno (per chi commette violazioni continue). I ban permanenti sono riservati invece a chi assume comportamenti particolarmente estremi e/o ripetuti.

Fino a circa la metà dell’anno scorso, questi ban non erano particolarmente numerosi in VALORANT (volevamo essere certi che fossero pienamente giustificati). A gennaio abbiamo inflitto più di 40.000 ban.

Vogliamo condividere un ultimo dato. I numeri appena citati si riferiscono alle violazioni che abbiamo rilevato e punito, ma non indicano necessariamente che in VALORANT tali comportamenti siano diminuiti. Un sondaggio rivolto ai nostri giocatori ha infatti evidenziato che nel gioco la frequenza delle molestie non si è particolarmente ridotta. In sintesi, sappiamo che finora abbiamo soltanto gettato le fondamenta di un lavoro ben più grande, che interesserà il 2022 e gli anni a venire.

Stiamo esplorando vari modi per coinvolgere la community di giocatori quest’anno, così da capire meglio cosa possiamo migliorare. Vi diremo chiaramente a che punto siamo con la tecnologia in sviluppo e quali sono i nostri obiettivi, in modo da poter continuare a ricevere i vostri feedback.

COSA ABBIAMO IN PROGRAMMA?

Quello che è certo è che la strada è ancora lunga. Vogliamo quindi condividere con voi qualcosa su cui stiamo lavorando:

  1. Punizioni più severe per i sistemi esistenti: con alcuni degli attuali sistemi di rilevazione e gestione dei comportamenti negativi abbiamo mantenuto una linea più “moderata” mentre raccoglievamo dati (per accertarci che non stessimo effettuando rilevazioni sbagliate). Ora ci sentiamo molto più sicuri e pertanto inizieremo ad aumentare gradualmente severità e numero di sanzioni. Questo dovrebbe portare a una gestione più rapida dei giocatori problematici
  2. Moderazione testuale più immediata e in tempo reale: anche se esiste già un sistema che analizza le parole digitate in chat e rileva automaticamente quelle per cui abbiamo tolleranza zero, al momento le punizioni vengono inflitte solo a fine partita. Stiamo cercando un modo per farlo immediatamente al momento della violazione
  3. Migliorie all’attuale moderazione della chat vocale: per stabilire se si è verificato un comportamento negativo in chat vocale, al momento ci affidiamo alle segnalazioni ripetute dei giocatori. Violazioni di questo tipo sono molto più difficili da rilevare rispetto a quelle che interessano la chat testuale (e spesso richiedono un intervento più diretto), ma stiamo lavorando per migliorare il sistema. Invece di tenerci tutto per noi finché la moderazione vocale non sarà “perfetta” (cosa che non avverrà mai), pubblicheremo aggiornamenti regolari sulle modifiche e i miglioramenti al sistema. Aspettatevi un aggiornamento a riguardo verso metà anno
  4. Programma pilota – test regionale: ultimamente il nostro team in Turchia ha avviato un programma pilota locale per affrontare meglio i comportamenti negativi nella propria regione. In sintesi, il programma prevede la creazione di un filo diretto con gli agenti del supporto giocatori, che esaminano le segnalazioni relative a comportamenti negativi e intervengono sulla base di linee guida predefinite. Il progetto è ancora in fase iniziale, ma se dovesse dimostrarsi promettente, potremmo sperimentarlo anche in altre regioni

Ne abbiamo già parlato quando abbiamo discusso il problema dell’inattività, ma desideriamo infine comunicare a cadenza più regolare le modifiche che implementiamo e i relativi risultati. Questo ci aiuterà a essere più puntuali e speriamo servirà a tenervi più informati!

QUALCHE ALTRA CONSIDERAZIONE SULLA CHAT VOCALE

Quando si assiste a comportamenti negativi, specialmente in chat vocale, sappiamo che è incredibilmente frustrante e ci rendiamo perfettamente conto di quanto questo faccia sentire impotenti durante e dopo la partita. Oltre a rovinare quanto c’è di bello in VALORANT, questo problema può causare anche danni duraturi ai nostri giocatori e alla community in generale. Impedire e punire i comportamenti negativi nella chat vocale è uno sforzo combinato che coinvolge tutta Riot, e siamo votati più che mai a rendere il nostro gioco un’esperienza migliore per tutti.

VALUTAZIONE VOCALE

Lo scorso anno Riot ha aggiornato la sua Informativa sulla privacy e i Termini di servizio per consentirci di registrare ed esaminare le comunicazioni vocali quando viene inviata una segnalazione per comportamenti molesti, a partire da VALORANT. Prima di intervenire, oltre ai nostri sistemi di gioco, ci servono anche prove evidenti delle violazioni alle norme comportamentali. Queste ci aiutano anche a spiegare ai giocatori perché un determinato comportamento è stato sanzionato.

Al momento abbiamo intenzione di iniziare lanciando nel corso dell’anno una versione beta del sistema di valutazione vocale in Nord America (solo per la lingua inglese). Passeremo poi a una soluzione più globale quando riterremo di avere la tecnologia necessaria per ampliare questi orizzonti. Si tratta di un primo tentativo di sfruttare questa nuova tecnologia in via di sviluppo, quindi potrebbe volerci del tempo prima che la funzione diventi uno strumento utile del nostro arsenale. Vi aggiorneremo con tutti i dettagli del sistema molto prima di cominciare a raccogliere dati vocali in qualunque forma.

COME POTETE AIUTARCI?

L’unica cosa che vi chiediamo è di utilizzare i sistemi che abbiamo a disposizione. Continuate a segnalare i comportamenti negativi nel gioco, utilizzate l’elenco delle parole silenziate se trovate cose che non volete leggere e continuate a inviarci feedback sulle vostre esperienze di gioco e su quello che vorreste vedere. Così facendo, ci aiuterete a rendere VALORANT un ambiente più sicuro in cui giocare e di questo ve ne saremo grati.

Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Valorant: la CHAT VOCALE ora verrà REGISTRATA per combattere i comportamenti tossici

Valorant: la CHAT VOCALE ora verrà REGISTRATA per combattere i comportamenti tossici

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Riot Games ha appena annunciato un’importante novità per Valorant che dovrebbe aiutare a contrastare i fenomeni più clamorosi ed eclatanti di tossicità nell’uso della chat vocale.

Sebbene la tossicità in chat ed i comportamenti dannosi in generale siano un problema abbastanza diffuso in generale nel mondo degli FPS, per Valorant si sono rivelati un grosso problema.

Secondo un recnete sondaggio ad esempio, le donne che giocano a Valorant in oltre il 70% dei casi, tendono a tenere mutato il proprio microfono e a non comunicare col resto della squadra per paura di essere attaccate.

Valorant, nuovo sistema di sicurezza per la chat vocale!

Questo dato deve aver in qualche modo allarmato gli sviluppatori, che si sono dunque ritrovati costretti ad annunciare un nuovo sistema per controllare lo svolgimento delle conversazioni in maniera più capillare.

Tenete presente che la versione iniziale del 13 luglio sarà solo per la regione nordamericana e la valutazione sarà condotta solo in inglese.

Gli sviluppatori hanno tuttavia confermato che la funzione sarà pronta a livello globale quando la beta verrà rilasciata entro la fine dell’anno.

Insomma, cosa ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Valorant, ecco anche il nuovo BattlePass con le nuove skin in ANTEPRIMA (Galleria Immagini)

Valorant, ecco anche il nuovo BattlePass con le nuove skin in ANTEPRIMA (Galleria Immagini)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Grazie alla stretta collaborazione che Powned.it ha stretto con Riot Games siamo quest’oggi felicissimi di presentarvi l’anteprima del prossimo Battlepass che verrà aggiunto su Valorant e che accompagnerà l’uscita della nuova MAPPA Pearl, che abbiamo già pubblicato in anteprima.

Essendo gli aspetti ed i collezionabili ormai diventati un punto chiave di Valorant e del suo gameplay, l’importanza del Battlepass aumenta di Atto in Atto e con lei anche la qualità del lavoro svolto da Riot.

Ecco le dichiarazioni degli sviluppatori ed il Q&A in cui ci spiegheranno meglio le loro intenzioni ed i loro obiettivi nella fase di ideazione di questa nuova linea.

Q&A con gli sviluppatori sul nuovo Battlepass di Valorant

Pass battaglia:

  • Prezzo: 1000 VP

Oggetti principali gratuiti:

  • Classic Glitter
  • Carta giocatore Operazione: Vacanza
  • Spray Che massacro!
  • Accessorio arma Ricamo perfetto

Oggetti principali a pagamento:

  • Coltello Task force 809
  • Phantom Task force 809
  • Operator Sputafuoco 
  • Carta giocatore Arrivano gli Assassini
  • Spray Allena anche le gambe
  • Accessorio arma Tattiche feline
  • Data di uscita: 22 giugno 2022

”Con le linee di modelli di questo pass volevamo creare tematiche potenti e dinamiche. Glitter è una linea di modelli scintillante con abbastanza varianti da adattarsi benissimo a ogni collezione.”

”Sputafuoco è la nostra interpretazione artistica di quei giocatori che si tuffano a testa bassa nell’azione e vogliono che le loro armi riflettano questo aspetto.”

”Infine, Task Force 809 è una linea di modelli tattica ed elegante con un coltello da assassino che renderà davvero gratificanti quelle coltellate alla schiena. ”

”Con questo pass battaglia volevamo creare oggetti che facessero sentire i giocatori il meglio del meglio. All’interno, troverete oggetti di tutti i tipi che vi aiuteranno a esprimere il vostro dominio lungo la strada verso la vittoria.”

”Lo spray Possiamo farcela mostra la nostra Demolitrice australiana preferita che incoraggia i suoi compagni di squadra. Il Phantom Task force 809 può fare qualche serie di sollevamenti con l’accessorio Pesi massimi e poi continuare a sparare.”

”Anche il Tatticoniglio entra in azione con la carta giocatore Terrore del Tatticoniglio. Inoltre, potete anche vantarvi con compagni di squadra e nemici con lo spray animato Camminata a papera.”

Articoli Correlati:

 

Split RIMOSSA e nuovo grado tra DIAMANTE ed IMMORTAL, ecco tutte le novità di Valorant ‘Atto 5’

Split RIMOSSA e nuovo grado tra DIAMANTE ed IMMORTAL, ecco tutte le novità di Valorant ‘Atto 5’

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Le patch note rilasciate nella nottata tra ieri ed oggi dal team di sviluppo di Valorant, ci hanno finalmente introdotto all’Atto 5 dello sparatutto targato Riot Games, in cui vedremo un vero e proprio scossone all’equilibrio in gioco. Ecco tutti i dettagli in anteprima!

Tra le principali novità, come da titolo, l’aggiunta della nuova mappa PEARL, della quale potrete sapere di più nell’articolo che troverete CLICCANDO QUI, la rimozione di SPLIT dal gioco, e l’aggiunta di un nuovo grado che andrà a separare il Diamante dall’Immortal.

Senza ulteriori indugi scopriamo a seguire tutte le novità, sfruttndo direttamente il comunicato stampa condiviso dai Devs di casa Riot Games. Come al solito, non dimenticate di farci sapere la vostra opinione con un commento qui sotto, oppure in community e buona lettura!

Valorant Atto 5, scossone al gioco per come lo abbiamo conosciuto fino ad ora!

  • La patch 5.0 e l’Episodio 5 – Atto I saranno disponibili mercoledì 22 giugno.

pearl-banner.jpg

PEARL
  •  NUOVA MAPPA: Pearl è disponibile!
  •  Coda riservata a Pearl
    •  Questa coda consente di giocare a Pearl in modalità standard non competitiva ed è pensata per dare ai giocatori la possibilità di fare pratica con la nuova mappa prima che venga introdotta nelle competitive
    •  La coda riservata sarà disponibile per 2 settimane, dopodiché Pearl verrà aggiunta alla modalità competitiva

split-banner.jpg

SPLIT
  •  Abbiamo deciso di rimuovere temporaneamente Split dalle mappe disponibili nelle code delle partite competitive e non competitive
  • Split non comparirà più tra le mappe disponibili nelle code delle partite competitive e non competitive, a partire dalla patch 5.0 del 22 giugno (non sappiamo ancora quando tornerà)
  • Resterà disponibile in Assalto Spike, nelle partite personalizzate e in altre modalità di gioco
  • Riteniamo che questa scelta rappresenti un buon equilibrio tra varietà e apprendimento per i nuovi e vecchi giocatori
  • Il team ritiene che avere sette mappe sia il giusto compromesso per offrire varietà senza intaccare l’esperienza maturabile. Non dovrete trascorrere tutto il vostro tempo a imparare nuove angolazioni, lineup e strategie. I giocatori alle prime armi potranno avvicinarsi al gioco in maniera più semplice, mentre le squadre professionistiche potranno adottare un approccio più profondo ed emozionante. In questo modo, ci guadagnano tutti.
NUOVO GRADO: ASCENDENTE
  •  Aggiunto un nuovo grado superiore a Diamante e inferiore a Immortale, chiamato “Ascendente”
    •  Riteniamo che la distribuzione dei gradi della nostra community sia sbilanciata troppo verso il basso, in particolare verso i gradi Bronzo e Argento. Analizzandola a fondo, abbiamo capito che, se avessimo spinto una parte dei giocatori oltre quei gradi inferiori, Platino e Diamante sarebbero stati troppo affollati. Invece, aggiungendo un nuovo grado, possiamo distribuirvi meglio, mantenere il prestigio dei gradi alti e definire meglio il livello di abilità di ciascun grado
  • Modificati i livelli di MMR che stabiliscono l’appartenenza ai vari gradi per tutti i gradi inferiori ad Ascendente, per rispecchiare l’aggiunta del nuovo grado Ascendente. Aumentato il livello di MMR necessario per ottenere i gradi Immortale 1/2/3 e Radiante
    • Questi livelli indicano il valore soglia di MMR che bisogna raggiungere per arrivare a un certo grado. Essi determinano quanti PC guadagnate e perdete e vengono usati per spingervi verso il vostro grado effettivo
    • Questo vuol dire che i giocatori, se si trovano al di sotto di Ascendente, saliranno di grado
    • Per rispecchiare quello che ci aspettiamo dai gradi più alti di VALORANT, per i giocatori di grado Immortale e superiore sarà più difficile tornare al grado che avevano nell’Episodio precedente. Questo vuol dire anche che in tutte le regioni ci saranno meno giocatori di grado Immortale
    • A causa del reset parziale dei gradi di fine Episodio, normalmente dovreste impegnarvi un po’ per salire di grado all’inizio dell’Atto, ma stavolta il reset sarà meno drastico rispetto a quello dello scorso Episodio. Anzi, dal momento che per riempire Ascendente stiamo spingendo verso l’alto buona parte dei giocatori, il reset non sarà troppo penalizzante
    • La prossima volta che resetteremo i gradi probabilmente scenderete di più rispetto a questo episodio. Ricordate che il reset “meno drastico” è un’eccezione di questo episodio dovuta all’aggiunta di Ascendente
  •  Le limitazioni di raggruppamento per Ascendente sono di 3 gradi sopra o sotto il giocatore di grado Ascendente
    •  Questo è coerente con le nostre regole per il raggruppamento dei giocatori ai gradi da Platino in su
  •  Il piazzamento più alto consentito è salito ad Ascendente 1 (prima era Diamante 1)
  •  La riduzione del 25% di PC dei gruppi da cinque ora parte a Immortale 1 (prima era Diamante 3)
  •  La restrizione ai gruppi da 1/2/5 ora parte a Immortale 1 (prima era Diamante 3)
    •  In precedenza, erano i giocatori da Diamante 3 in su che potevano mettersi in coda soltanto in gruppi da 1/2/5; adesso, questa restrizione inizia a Immortale 1
    •  Aggiungendo un altro grado siamo riusciti a portare a Immortale le riduzioni di PC dei gruppi da cinque e le restrizioni alla dimensione dei gruppi. Questo rende le cose più chiare: Immortale è da dove parte la classifica, e per questo cerchiamo di mantenere i giocatori più responsabili del livello al quale stanno giocando
  •  Per via del conflitto con il nome del nuovo grado, abbiamo rinominato il capitolo 8 del Contratto Agente di Sage: il nuovo titolo di Sage è “Senza paura”
    •  Cambiare nome a questo titolo non è stata una cosa fatta a cuor leggero, ma dopo averne parlato abbiamo capito che si trattava di un’opportunità di renderlo più adatto al tema e alla personalità di Sage

Per maggiori informazioni riguardo i BUG risolti, consultate la pagina dedicata del sito playvalorant.com.

Articoli Correlati: