Anche Hell Raton nello Spike Nations di Valorant

Anche Hell Raton nello Spike Nations di Valorant

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il celebre Manuel Zappadu, altrimenti noto come Hell Raton o Manuelito, sarà tra i protagonisti assoluti del prossimo evento di Valorant “Spike Nations“, un torneo fra nazioni che avrà anche l’Italia tra le squadre partecipanti.

A difendere i colori della maglia azzurra in questo evento assolutamente straordinario, insieme al noto giudice di X Factor e membro della crew “Machete Records” vi saranno anche il caster di League of Legends Terenas, il giocatore professionista del Team QLASH Sparker, e poi l’esperto Stermy ed il player EduCoz.

I 5 dovranno contendersi un montepremi di 100.000 Dollari che andrà interamente donato in beneficenza, e dovranno vedersela contro il Regno Unito, la Francia, la Germania, i Paesi Nordici, la Spagna, il Portogallo, la Polonia, e poi anche CSI e Turchia. Ogni squadra sarà in gara per conto di un ente benefico scelto dal proprio stato.

Il tutto si svolgerà dal 6 all’8 Novembre, con la diretta che verrà trasmessa in esclusiva su Twitch dal 6 all’8 novembre, e potrete seguire la diretta su: twitch.tv/valorant_esports_eu.

Il torneo, una partnership unica tra Riot Games e Twitch, il più grande servizio di live streaming al mondo, vedrà la partecipazione di influencer provenienti da tutta Europa. 

Il team italiano:

  • Terenas
  • Manuelito
  • Stermytv
  • Educoz
  • Sparkercs

L’inizio della competizione è previsto per le 11:00 del 6 novembre e promette quasi 30 ore di gioco e divertimento ad altissimo livello. Le squadre saranno suddivise in due gruppi da cinque, dove si sfideranno in un formato round-robin con le prime due squadre che entreranno in semifinale. Ci saranno anche delle sorprese da non perdere, lungo il percorso.

Articoli correlati: 

TenZ e Kyedae danno UN GRANDE ANNUNCIO, festa su Valorant ed in casa Sentinels

TenZ e Kyedae danno UN GRANDE ANNUNCIO, festa su Valorant ed in casa Sentinels

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Con un recente post sui loro profili social, TenZ e Kyedae, la coppia che scoppia di Valorant, hanno ufficialmente annunciato di essersi scambiati le promesse di matrimonio, che dovrebbe ormai svolgersi a brevissimo.

La notizia, circolata proprio in questo ore in tutto il mondo di Valorant, ha chiaramente ridestato l’interesse dei fan e degli appassionati, mostrando ancora una volta come i videogiochi non siano solo opere su schermo, ma vera e propria arte che riesce anche ad unire le persone.

Tuttavia, come dichiarato da TenZ stesso, i due non sono stati proprio sinceri con i propri fan e nonostante mostrino in live moltissimi aspetti della loro vita, ce n’è uno che avevano trascurato per un bel po’ di tempo.

TenZ e Kyedae, i più amati di Valorant, si sposeranno? Ecco l’annuncio

Condividendo con la community una foto molto romantica per celebrare il loro terzo anno insieme, TenZ ne ha approfittato per dare un annuncio che ha sì scaldato i cuori, ma anche reso molto perplesso qualcuno:

”Felice anniversario all’amore della mia vita. Davvero, è incredibile come il tempo passa velocemente quando ti godi la vita. Comunque in realtà ci siamo scambiati le promesse 8 mesi fa, ma l’abbiamo tenuto segreto fino ad ora.”

Reazioni commosse da parte dell’intera community si sono succedute nelle ultime ore, con moltissimi colleghi dei due streamer che hanno scelto di congratularsi pubblicamente, come Jessica Kim dei Gen.G, WestJett e gli stessi ”piani alti” dei Sentinels, la squadra in cui milita TenZ.

E allora VIVA IL ROMANTICISMO, anche nei videogiochi! Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

VCT 2023: ecco tutti i dettagli sul prossimo anno competitivo

VCT 2023: ecco tutti i dettagli sul prossimo anno competitivo

Profilo di Rios
 WhatsApp

Oggi Riot Games ha annunciato nuovi piani per la creazione di un ecosistema espanso del VCT 2023. I Challengers si svolgeranno in 21 circuiti regionali nelle Americhe, in APAC e nell’EMEA, con l’obiettivo di far emergere i migliori nuovi talenti.

I Challengers svolgeranno un ruolo importante nello scoprire nuovi talenti, mettere alla prova squadre che aspirano a giocare nelle leghe internazionali e creare un ponte tra il mondo professionistico e il gioco amatoriale. Queste leghe offriranno competizioni altamente organizzate con qualificazioni aperte che raggrupperanno le squadre migliori in due fasi di gioco multi-settimanale nel corso della stagione regolare.

Inoltre, le squadre che partono nei Challengers avranno un percorso diretto verso le leghe internazionali e fino agli eventi globali.

I dettagli del VCT 2023

Le dichiarazioni di Whalen Rozelle, responsabile delle iniziative eSport di Riot Games

“Nel corso degli ultimi mesi, l’enorme richiesta da parte delle squadre di competere nell’ecosistema dell’eSport di VALORANT ci ha portato ad espandere i nostri piani per i VCT Challengers“, commenta in proposito Whalen Rozelle, responsabile delle iniziative eSport di Riot Games. “Un ecosistema dei Challengers forte è fondamentale per il successo a lungo termine dell’eSport di VALORANT. Riteniamo che collegare ogni livello della piramide sia il modo migliore per offrire alle aspiranti stelle l’opportunità di splendere e alle squadre quella di partecipare a competizioni importanti.”

Gli eventi del VCT 2023

L’anno prossimo, le leghe Challengers in ciascuno dei tre territori culmineranno in una nuova serie di eventi: Ascensione Challengers. I tre tornei Ascensione decreteranno le migliori squadre nei rispettivi territori. Le squadre che conquisteranno la vittoria in uno dei tre tornei Ascensione Challengers guadagneranno un posto nella lega internazionale dell’anno successivo.

Tramite il sistema di promozione dei Challengers, le tre leghe internazionali aumenteranno di una squadra ogni anno, fino a raggiungere il tetto di 14 squadre nel 2027. Le squadre che vinceranno un torneo Ascensione Challengers conquisteranno una promozione di due anni alla lega internazionale del loro territorio.

Le squadre promosse avranno l’opportunità di mostrare il proprio valore contro quelle della lega internazionale durante la stagione del VCT 2023, ricevere benefici lega simili e la stessa possibilità di qualificarsi a eventi globali come Masters e Champions. Dopo due anni, le squadre torneranno nelle rispettive leghe per farsi di nuovo strada nei tornei Challengers e Ascensione.

La parola chiave è Rivoluzione

L’annuncio di oggi è solo una parte dei rivoluzionari piani di Riot Games per il VALORANT Champions Tour 2023. All’inizio dell’anno, Riot ha annunciato di voler creare tre leghe internazionali per il miglior livello di competizione possibile nella stagione 2023.

Questo nuovo modello sarà dedicato a un numero selezionato di squadre e comprenderà collaborazioni a lungo termine, senza quote di partecipazione. Nell’ottica di assicurare stabilità continua all’eSport con la crescita più rapida al mondo. Riot Games creerà qualcosa di completamente nuovo sulla scena degli eSport competitivi, eliminando le quote di ingresso e partecipazione per le organizzazioni selezionate e supportandone il successo grazie a collaborazioni durature.

Nel corso del 2022, Riot Games avvierà un processo di candidatura per individuare i migliori partner a lungo termine, con l’obiettivo di trasformare VALORANT nello sparatutto eSport più grande del mondo. Le squadre che rientreranno nei criteri di selezione riceveranno un supporto finanziario da parte di Riot Games sotto forma di uno stipendio annuale. Avranno inoltre l’opportunità esclusiva di collaborare a eventi e prodotti del gioco.

Valorant: PRO presto tra i più RICCHI, Riot promette di PAGARE stipendi da record (da oltre 1 MILIONE)

Valorant: PRO presto tra i più RICCHI, Riot promette di PAGARE stipendi da record (da oltre 1 MILIONE)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Secondo un recente rapporto pubblicato dai colleghi di Dexerto.com, Riot Games sarebbe in procinto di lanciare un proegetto su larga scala per Valorant che dovrebbe portare a dei guadagni davvero da record per i PRO di Valorant.

Le fonti citate parlerebbero di un sistema di partenership stipulato direttamente tra Riot Games e ed alcune org scelte accuratamente tra quelle che operano in tutto il mondo.

Il programma di partnership, una volta avviato, dovrebbe portare ad un diretto supporto economico ai pro di Valorant da parte della casa produttrice del gioco che dovrebbe partire da un minimo di 600.000 $ l’anno, e potrebbe arrivare fino ad 1.5 MILIONI $.

Valorant, esport sempre più fiorente, i PRO festeggiano giustamente

Il nuovo sistema di partnership dovrebbe portare repentinamente ad un sistema più simile a quello in atto su League Of Legends, andando di fatto a sostituire i circuiti aperti a tutti che si sono svolti fino a questo momento.

Nonostante ciò, a differenza della LCS e della LEC, nelle quali sono le sqaudre a versare una certa somma per ”affittare” il posto nella competizione, su Valorant sarà Riot a supportare i vari team con cifre che potrebbero variare dal mezzo milione al milione e mezzo di dollari, come già detto.

Queste informazioni sono ovviamente delle anteprime e per ora nessun comunicato ufficiale è stato rilasciato da Riot o dal team di Valorant, ma rimane comunque un grosso incentivo per chiunque cerchi di fare di questo gioco la propria carriera.

Cosa ne pensate community? Sarebbe una buona idea? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: