Legacy of the Void: anteprima e presentazioni delle nuove modalità!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

StarCraft 2: Legacy of the Void è il capitolo conclusivo della saga Starcraft 2. Sarà un titolo standalone, e quindi non necessita delle istallazioni dei precedenti titoli, differentemente da quanto previsto per Wings of Liberty e Hearth of the Storm. Il capitolo finale riprende la vicenda da come si è conclusa in Hearth of the Storm e incentra la propria narrazione sulla razza Protoss. L’uscita del gioco è prevista orientativamente per la fine dell’anno 2016, anche se sappiamo come la Blizzard sia solita a prendersi il tempo necessario finchè non il titolo non raggiunge determinati standard qualitativi. A tal proposito, la nota casa sviluppatrice il 31 Marzo 2015 ha lanciato la fase di beta testing : per iscriversi alla beta, occorre entrare nel proprio account Battlenet ed entrare nella sezione ‘impostazioni del profilo beta’ nel Menù ‘Gestione Giochi‘. Da qui, occorre flaggare ‘Starcraft 2‘ per inviare il proprio interessamento per l iscrizione al beta test, anche se le possibilità di essere estratti da Mamma Blizzard restano comunque basse.

Andiamo ora a dare una rapida occhiata alle nuove modalità che ci presenta Legacy of the Void. Seguiranno altri articoli dove verranno analizzate nel dettaglio le nuove unità con le conseguenti meccaniche che introducono:

1) Modalità Arconte

La modalità arconte è una delle principali novità introdotte da Lotv. Tale modalità si propone di offrire ai videogiocatori un’esperienza di gioco del tutto nuova nell’universo starcraft: la totale condivisione del controllo di una singola base in una sfida 1vs1 contro un altro avversario (o altri due in modalità arconte).

L’Interfaccia Utente rimane unica e invariata, ma questa viene gestita non più da un solo giocatore ma dai due cd Comandanti che giocano come ‘squadra’. La strada per la vittoria passa ora per ‘ quattro mani’: la gestione della base, la Macro e la Micro, lo sviluppo dell’esercito, lo scout sono tutte responsabilità condivise e coordinate dai due giocatori.

L’Archon Mode rappresenta un’innovazione per quanto riguarda gli RTS e una svolta epocale nell’universo starcraftiano: pensate a quanti gamer possono ora ‘compensarsi’ con altri giocatori e affrontare partite ad elevato tasso tecnico, senza aver bisogno di chissà quale APM, oppure quanti altri giocatori possono migliorare guardando all’opera in prima linea gamer più ‘skillati’.

In una partita in Modalità Arconte le giocate straordinarie, proprie solo dei pro gamer, possono diventare ordinarie: con l’ausilio di coordinazione e precisione, non di rado in un game si può assistere a multi drop terran, a ripetuti wurm zerg o ad azioni di harass continue e dislocate con le fenix protoss. Tutto questo ad aumentare la spettacolarità e l’imprevedibilità dei game online attraverso una modalità che si aggiunge alla grande varietà già proposta dal multiplayer di Starcraft 2.

Di seguito una spiegazione video, molto chiara ed esaustiva, della modalità Arconte da parte di Carbot Animation XD 

2) Tornei Automatizzati

Finalmente, anche i tornei sbarcano nell’universo multiplayer di starcraft 2! Se ci si vuole distrarre un attimo dalla lunga e faticosa scalata della ladder, concentrandosi su un qualcosa di più intenso ed immediato, ecco che il giocatore avrà la possibilità di iscriversi ad un torneo a fasi eliminatorie automatizzato direttamente all’interno del gioco, che inizierà ogni giorno ad una determinata ora, con la possibilità di arricchire di volta in volta la propria bacheca con un prestigioso trofeo!

 

3) Comandanti Alleati

La modalità Comandanti Alleati è un Co-Op ad obiettivi  che permetto al giocatore di combattere in scenari ripresi dalla campagna insieme ad un amico. Tale modalità si discosta di molto dalla classica strategia strarcraftiana, strizzando l’occhio a quello che una volta era il gameplay dell’antenato Warcraft 3, incentrato sullo sviluppo degli eroi: in Comandanti Alleati avremo, infatti, la facoltà di scegliere un comandante di una delle tre razze e guidarlo tra le varie sfide degli scenari preposti, con la possibilità di far salire di livello la Kerrigan, il Raynor o lo Zeratul di turno sbloccando nuove abilità e unità che ci consentiranno di tenere testa alle sfide con tasso di difficoltà sempre più elevato.

C’è molta carne al fuoco, dunque, e a noi appassionati non ci resta che aspettare l’uscita del capitolo conclusivo della saga sperando che le grandissime aspettative vengano (come sempre) ripagate!

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701