The OC ieri e oggi: ecco che fine hanno fatto i suoi attori

The OC ieri e oggi: ecco che fine hanno fatto i suoi attori

Profilo di Carli
 WhatsApp

Dopo la saga di Harry Potter e quella di Twilight, la Mediaset risponde alle numerose richieste dei fan riportando sul piccolo schermo, nella fascia preserale (dalle 19:00), The OC.

Ieri, 23 aprile, sono andate in onda su Italia1 le prime 2 puntate della prima stagione. Ma che fine avranno fatto i suoi protagonisti? Ecco cosa hanno fatto negli ultimi anni.

Il BRACCIO: Ryan Atwood

Dopo esser diventato celebre con il ruolo del ribelle di Chio ed aver debuttato sul grande schermo, Benjamin McKenzie Schenkkan torna alle sue origini televisive. Tra il 2009 e il 2013 interpreta l’ufficiale di polizia Ben Sherman nella noto poliziesco Southland.

Nel 2011 partecipa al film d’animazione Batman: Year One prestando la sua voce a Bruce Wayne/Batman. Dal 2014 al 2019, rimanendo sempre legato all’universo dell’uomo pipistrello, riveste invece i panni detective James Gordon nella celebre serie Gotham. Nel 2019 ha inoltre recitato nei film The Report e Line of duty.

LA BELLA: Marissa Cooper

Misha Barton, colei che era stata definita la “bambina prodigio”. Prima di interpretare Marissa Cooper, l’attrice era già apparsa sul grande schermo in film quali The Sixth Sense – Il sesto senso (1999), Notting Hill (1999), Skipped Parts (2000) e L’altra metà dell’amore (2001).

Dopo il ruolo in The OC riveste diverse parti. Tra il 2007 e il 2008 è impegnata nella registrazioni del film ambientato a Mosca You and I. Nel marzo 2009 ottiene il ruolo di Sonja nella nuova serie The Beautiful Life. A luglio di quello stesso anno però viene ricoverata al Cedars-Sinai Medical Center, nel reparto psichiatrico.

La Barton ha infatti sofferto di diversi problemi di droga, alcol e cibo. Fortunatamente sembra che sia riuscita ad uscire da tunnel e negli ultimi anni è apparsa in alcuni film e telefilm, come The Disaster Artist (2017) e The Toybox (2018) o Recovery Road (1 episodio). 

LA MENTE: Seth Cohen

Adam Brody

Nonostante fosse già apparso sporadicamente in alcune serie televisive, da Giudice Amy a Una mamma per amica, Adam Brody svolta la sua carriera nel 2003, quando ottiene il ruolo di Seth Cohen. Contemporaneamente alle riprese della serie, l’attore lavora per il cinema.

Nel 2005 partecipa a Mr. & Mrs. Smith nei panni di Benjamin Danz mentre nel 2006 è Jack in Thank You for Smoking. Ma è nel 2007 che ottiene il ruolo del protagonista nel film Il bacio che aspettavo, insieme a Meg Ryan e a Kristen Stewart.

Negli anni seguenti appare in diversi film The Ten (2007), Death In Love (2008) e Jennifer’s Body (2009), in cui recita al fianco di Megan Fox.
Avrebbe dovuto interpretare Barry Allen/Flash nel film di George Miller dedicato alla Justice League, Justice League: Mortal, che a causa di vari problemi venne cancellato dopo un’intensa pre-produzione.
Negli ultimi anni è apparso in numerosi film, solo nel 2019 ricordiamo Shazam!, Finché morte non ci separi (Ready or Not), Jay e Silent Bob – Ritorno a Hollywood.

Anche nel campo seriale è rimasto attivo, infatti per diverso tempo ha rivestito piccoli e medi ruoli in svariati telefilm, New Girl (1 episodio) e Billy & Billie (11 episodi) solo per citarne alcuni. Recentemente però è tornato alla ribalta, avendo ruoli di maggiore rilievo in Single Parents e nelle serie che lo vedono protagonista  StartUp e The Race – Corsa mortale.  L’attore è inoltre sposato dal 2014 con l’attrice Leighton Meester, nota a molti come Blair Waldorf. I due hanno da poco annunciato che è in arrivo il secondo figlio.

Rachel Bilson

LE TETTE: Summer Roberts

Rachel Bilson, così come alcuni suoi colleghi, aveva già debuttato nel mondo seriale come una delle potenziali cacciatrici nelle serie Buffy l’ammazzavampiri, ma è grazie al ruolo di Summer che ottiene la sua attuale fama.
La bella Summer Roberts doveva avere un ruolo marginale in The OC, ma grazie ad un’interpretazione impeccabile, Rachel Bilson è riuscita a divenire membro del cast principale.

Oltre al mondo televisivo, la Bilson si dedica all’universo cinematografico. Già nel 2006 è protagonista del film The Last Kiss, versione americana de L’ultimo bacio di Muccino. Nel 2008 affianca Hayden Christensen in Jumper – Senza confini. L’anno seguente entra nel cast di  New York, I Love You, film corale in cui recitano anche Shia LaBeouf, Natalie Portman, Hayden Christensen e Blake Lively. Sempre nello stesso anno è tra i protagonisti di un’altra commedia romantica dal titolo Waiting For Forever.

Nonostante il grande successo al cinema, la Bilson non abbandona il monda televisivo, infatti appare in diverse serie tra cui Chuck e How I Met Your Mother. Nel 2011 ottiene il ruolo della dottoressa Zoe Hart, protagonista della serie creata da Josh Schwartz dal titolo Hart of Dixie. Nel 2017 compare per alcuni episodi in Nashville. Mentre nel 2018 è protagonista, insieme a Eddie Cibrian, in Take Two.

Abbiamo visto che fine hanno fatto i fantastici 4, e gli altri?

LA DONNA GHIACCIO: Kirsten Cohen (nata Nichol)

Kelly Rowan

Kelly Rowan, attrice canadese, come la maggior parte del cast deve la sua fama a The OC. In seguito al ruolo di Kirsten, l’attrice è apparsa in qualche film al cinema e ha rivestito alcuni ruoli in diverse serie televisive, tra le quali Perception, nella quale interpreta amica del Dottor Daniel Pierce.

IL PADRE: Sandy Cohen

Peter Gallagher

Prima di rivestire i panni del padre affettuoso e premuroso che tutti conosciamo, Peter Gallagher aveva debuttato al cinema rivestendo diversi ruoli in film quali i I protagonisti (1992), Sesso, bugie e videotape (1989), Torbide ossessioni (1995) e American Beauty (1999).

Dopo il successo di The OC, Gallagher ha continuato la sua carriera sia sul piccolo che sul grande schermo.
Negli ultimi anni ha partecipato a film quali
Bad Moms 2 – Mamme molto più cattive (2017) e After (2019). Inoltre, ricordiamo che è apparso con ruoli marginali anche in serie di successo quali Californication (8 episodi), How I Met Your Mother (1 episodio) e New Girl. Dal 2017 riveste il ruolo di Nick Skolka nella brillante serie Grace and Frankie.

LA PETTEGOLA: Julie Cooper Nichol

Melinda Clarke prima e dooo The OC

Melinda Patrice Clarke è figlia d’arte. Già dalla fine degli anni ‘80 appare nella soap I giorni della nostra vita. In seguito ottiene piccoli ruoli in telefilm come Entourage, Streghe, Xena – Principessa guerriera e CSI – Scena del crimine. Prima del successo con The OC, debutta sul grande schermo, sebbene sempre con parti marginali.

Con la fine delle riprese di The OC, l’attrice rimane legata al mondo televisivo, partecipando a diversi telefilm tra cui Chuck (1 episodio), The Vampire Diaries (1 episodio), Nikita (dove riveste il ruolo di Helen “Amanda” Collins) e Gotham (3 episodi).

LA NUOVA ENTRATA:  Taylor Townsend

Autumn Reeser prima e dopo The OC

Autumn Alicia Reeser appare per la prima volta nelle vesti di Taylor durante la seconda puntata della terza stagione, ma solo nella quarta entrerà a far parte del cast principale.
Terminato The OC, l’attrice appare in diverse pellicole tra le quali ricordiamo Sully (2016) e Kill ‘em All – Uccidili tutti (2017), giusto per citarne alcune. Inoltre non abbandona la televisione,tornando più volte, con diversi ruoli in serie TV e film.

Nel 2009 si approccia al mondo virtuale, interpretando il comandante Lissette Hanley nel videogioco Comand and Conquer: Red Alert 3.
Nel 2015 ritrova sul set Rachel Bilson, comparendo nell’episodio 4×15 di Hart of Dixie. Negli ultimi due anni ha preso parte alle produzione di film televisivi di Natale a Bramble House (2018) e Christmas Under the Stars (2019).

LA SORELLA: Kaitlin Cooper

Willa Holland prima e dopo The OC

Willa Holland entra nel cast di The OC a partire dalla terza stagione. Terminate le riprese con la quarta stagione, l’attrice partecipa a diverse pellicole Chasing 3000 (2008), Legion (2010), Straw Dogs (2011), Tiger Eyes (2013) e Pacific Standard Time (2016). Prende parte anche a diversi telefilm che hanno riscontrato un grande successo tra cui Gossip Girl, dove interpreta la modella sedicenne Agnes, e Arrow, in cui è Thea Queen/Speedy.

La Holland ha inoltre prestato la sua voce in diversi videogiochi: Scarface: The World Is Yours (2006), Kingdom Hearts Birth by Sleep (2010), Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance (2012), Kingdom Hearts HD 2.5 ReMIX (2014), Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue (2016) e Kingdom Hearts III (2019).

60 anni di Tom Cruise e quella volta in cui fu vicino al Marvel Cinematic Universe

60 anni di Tom Cruise e quella volta in cui fu vicino al Marvel Cinematic Universe

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

I 60 anni sono sicuramente un traguardo invidiabile perché sempre sinonimo di saggezza ed esperienza, ed oggi a festeggiare una meta del genere é il noto Tom Cruise.

Tanti auguri all’attore americano, che non ha bisogno di presentazioni: decine e decine i personaggi interpretati in modo eccezionale e la fama che ha ottenuto, in questi 60 anni, ne sono la conferma.

Nato 60 anni fa a New York, Tom Cruise é stato il volto iconico di moltissimi film e franchise, come Top Gun (di ritorno al cinema con un sequel proprio in questi mesi) e soprattutto Mission Impossible, ma mai ha fatto parte di uno dei franchise più popolari al momento, quello del Marvel Cinematic Universe (MCU).

Eppure, come sapranno i più esperti, Tom Cruise é stato davvero ad un passo dall’interpretare uno degli eroi più noti della Marvel. E “sostituire” anche un’altra icona del settore.

Già perché, in tutto il periodo dei rumour di “Doctor Strange nel Multiverso della Follia“, si é più volte vociferata la presenza di Cruise nel ruolo di una variante di Iron Man (in precedenza interpretato da Robert Downey Jr.).

Senza ulteriori spoiler per il film uscito quasi due mesi fa, quel Superior Iron Man tanto desiderato e chiacchierato non è mai stato realtà, anche se nella mente dello sceneggiatore c’è stato. Infatti proprio Michael Waldron, per Rolling Stones, ha dichiarato di aver pensato a Tom Cruise durante la creazione della pellicola.

Purtroppo, però, una collaborazione non è mai stata avviata a causa degli impegni lavorativi dell’attore americano, che in quel periodo stava lavorando al suo ultimo Mission Impossible. Quindi nulla di fatto, ma se ci fosse stata la possibilità chissà se Tom Cruise avrebbe davvero apprezzato il ruolo di Iron Man.

Purtroppo, al momento, è una domanda senza risposta…

E voi avreste voluto l’ingresso di Tom Cruise all’interno del Marvel Cinematic Universe?

Articoli Correlati:

Dune: la Parte Due arriverà in ritardo

Dune: la Parte Due arriverà in ritardo

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dune, diretto da Denis Villenueve, è stato uno dei film che ha avuto più successo durante tutto il 2021 ed ha fatto impazzire vecchi e nuovi fan di questo universo narrativo. Purtroppo, però, arrivano delle brutte notizie in merito alla Parte Due della pellicola.

Infatti sembra che ci sia stato qualche tipo di ritardo nella realizzazione di questo colossal moderno, e la data d’uscita è stata rimandata. Non parliamo di un ritardo esagerato, ma comunque farà salire ancora di più l’hype di chi lo attende.

Una notizia dolceamara, quindi, ma che forse ci farà apprezzare ancora di più ciò che vedremo in questa attesissima seconda parte.

La Parte Due di Dune arriverà in ritardo

La nuova data d’uscita

La data d’uscita prevista per la Parte Due di Dune era inizialmente fissata per il 20 ottobre 2023, quasi due anni dopo il debutto del primo capitolo. Purtroppo, però, alcuni problemi non meglio precisati hanno fatto slittare questa data, allungando di poco di tempi.

Infatti, secondo quanto possiamo apprendere, il film dovrebbe arrivare nei cinema il 17 novembre 2023 almeno negli Stati Uniti. Non si sa ancora se ci saranno ulteriori ritardi per l’Europa e quindi anche per l’Italia, ma è probabile che questa nuova data valga per tutto il mondo.

Cosa possiamo aspettarci dalla Parte Due?

Se avete già letto i libri scritti da Frank Herbert, sicuramente avrete la risposta a questa domanda. Infatti la pellicola dovrebbe continuare a seguire pedissequamente il lavoro dello scrittore, andando ad approfondire il ruolo di Paul all’interno dei Fremen.

Nel finale della Parte Uno, infatti, Paul e la madre Jessica si sono uniti a questo gruppo di uomini liberi, senza però farci capire cosa succederà realmente. Non vogliamo fare spoiler in merito, perciò non ci dilungheremo su questo aspetto.

Infine ci aspettiamo che venga approfondito anche il ruolo di Chani (interpretata da Zendaya), visto il poco spazio avuto nella Parte Uno. Non sottovalutate il profondo legame che la unisce a Paul, in quanto potrebbe rivelarvi delle belle sorprese.

Horizon Zero Dawn su Netflix, si chiamerà Horizon 2074 e verrà girato in Canada (e si sa anche il cast)

Horizon Zero Dawn su Netflix, si chiamerà Horizon 2074 e verrà girato in Canada (e si sa anche il cast)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Horizon 2074 Netflix – Quando si parla dei più grandi successi a livello videoludico dell’ultimo decennio, risulta molto difficile non menzionare Horizon Zero Dawn, rivoluzionario titolo ambientato in un mondo post-apocalittico con caratteri estremamente moderni.

Horizon Zero Dawn nel 2017 e poi Horizon Forbidden West durante l’inizio di quest’anno hanno evidentemente attirato l’attenzione anche dei colossi dello streaming, fino all’annuncio da parte di Sony nel maggio scorso, dell’inizio dei lavori di produzione di una serie-tv dedicata.

Negli ultimi due mesi non abbaimo ricevuto grandi informazioni in merito, ma il noto insider Netflix Jeff Grubb potrebbe avere scoperto una vera e propria esclusiva.

Horizon 2074 su Netflix, tutte le informazioni in anteprima

Secondo quanto riportato da Grubb, la cui fonte è il sito web della Director’s Guild of Canada Ontario, il nome del programma televisivo sarà Horizon 2074 e conterrà due linee temporali.

Considerato che il nome dello spettacolo implica una data, è molto probabile che una di queste linee temporali si svolgerà nell’anno 2074, quello che possiamo presumere esser l’anno della caduta dell’umanità.

horizon 2074 netflix

L’altra linea temporale, al contrario, potrebbe aver luogo nell’era dei giochi Horizon Zero Dawn Forbidden West, mostrandoci i risultati, alcune centinaia di anni, della la caduta del mondo per come lo conoscevamo.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: