Stranger Things

Stranger Things: la nuova stagione svelerà il mistero sul passato di Hopper

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Seppur la quarta stagione di Stranger Things sia ancora molto lontana, in questi giorni sono arrivate delle novità riguardanti lo show. In particolare una, che coinvolge il personaggio interpretato da David Harbour, ovvero lo sceriffo Hopper.

L’attore, di recente ospite al Liverpool Comic Con, ha fatto alcune affermazioni sul lavoro dei Duffer (registi e creatori della fortunata serie Netflix), dichiarazioni che sono tanto pungenti quanto interessanti, perché aprono anche un’importante partentesi su quello che vedremo nei prossimi episodi.

Quindi so esattamente che nella quarta stagione vi daremo una grande, enorme rivelazione sul passato di Hopper. È una delle cose che conosco dal primo fotogramma della prima ripresa, e non l’abbiamo ancora mostrata. E finalmente lo esprimeremo in grande stile. È la cosa che preferisco di lui che voi ragazzi non conoscete ancora, ma ha a che fare con questi retroscena di New York, Vietnam e papà.

David Harbour ha poi aggiunto:“In qualche modo i fan lo hanno percepito, ma non ne abbiamo mai davvero parlato“. Riferendosi alle rivelazioni passate di Hopper sulla giovane figlia Sara (Elle Graham), sulla sua probabile morte causa del cancro e anche che era un decorato veterano della guerra del Vietnam.

Il mistero dei Templari diventa una serie TV

Stranger Things: le teorie dei fan

Dopo la rivelazione che Hopper fosse ancora vivo, i fan hanno iniziato a ipotizzare la sua fuga dalla prigione russa in cui è intrappolato. Una teoria molto diffusa ha suggerito che Joyce, il personaggio interpretato da Winona Ryder, possa essere coinvolto. Un’altra teoria sostiene che il Demogorgone sia la chiave della fuga. La famosa creatura altamente pericolosa si è scoperto essere detenuta nella prigione russa durante la scena dei titoli di coda della terza stagione.

Voi invece cosa ne pensate? Siamo curiosi di conoscere le vostre impressioni!

Articoli consigliati:

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701