Sex Education 3: slittano le riprese a causa del Coronavirus

Sex Education 3: slittano le riprese a causa del Coronavirus

Profilo di Torcia
 WhatsApp

Le cattive notizie continuano a moltiplicarsi: le riprese della terza stagione di Sex Education, amatissima serie che affronta l’importante tema della sessualità in una maniera quasi comica, slittano a causa del Coronavirus.

La serie Netflix si sarebbe dovuta girare a Maggio in Galles, ma la casa di produzione Eleven Films ha dovuto rinunciare momentaneamente al progetto in seguito all’estensione del lockdown in Gran Bretagna.
Lunedì 10 Febbraio 2020, Netflix ufficializza il rinnovo di Sex Education per la stagione 3, e lo ha fatto reclutando l’attore Alistair Petrie, interprete del preside Groff nonché padre di Adam. L’attore illustra nel video la mostra d’arte degli studenti del liceo Moordale, scuola frequentata dai protagonisti della serie.

Sex Education è solo una delle tante serie girate nel Regno Unito che sarebbero dovute entrare in lavorazione a breve e che invece dovranno aspettare. Tra queste anche la stagione 6 di OutlanderLandscapers, serie HBO e Sky con Olivia Colman, e la stagione 2 di Intelligence, serie comedy con David Schwimmer.

Lucca Comics & Games 2020: futuro incerto per la fiera

Allo stato attuale, è impossibile sapere quando queste serie potranno finalmente riprendere i lavori. In USA si stanno valutando misure eccezionali e protezioni speciali per tutti gli attori. Ma non è detto che la situazione rimanga così com’è.

Sex Education 3: piccole anticipazioni

Vi ricordate come finisce la seconda stagione? Maeve, non sa del messaggio in segreteria. Se Otis, non avendo ricevuto un feedback, dovesse ricontattarla, sarebbe tutto troppo semplice. Molto probabilmente crederà che Maeve non sia più interessata e per buona parte della terza stagione non menzionerà quel messaggio in segreteria.
Per Eric inizierà un nuovo capitolo con Adam. Quest’ultimo è pronto a tenergli la mano, ma davvero sarà in grado di stringergliela? L’avvertimento di Rahim è del tutto sensato e anche Eric lo terrà in considerazione, quasi sicuramente.

Restate sintonizzati con noi per scoprire tutti gli aggiornamenti e le novità di Sex Education.

Sex Education

Game Of Thrones: in arrivo il sequel incentrato su Jon Snow

Game Of Thrones: in arrivo il sequel incentrato su Jon Snow

Profilo di Rios
 WhatsApp

HBO ha annunciato lo sviluppo di una nuova serie di Game Of Thrones, un sequel diretto che avrà come protagonista il criticato Jon Snow. Ad interpretare il personaggio troveremo nuovamente Kit Harington, attore britannico amatissimo dai fan della saga.

La storia dovrebbe ripartire esattamente da dove l’abbiamo lasciata, e dovrebbe anche mostrarci alcuni dei volti più noti del Continente.

Molti personaggi amati dal pubblico potrebbero tornare sulle nostre TV, facendo sussultare tutti quelli che hanno creduto che le loro vicende fossero ufficialmente terminate.

Dopo una stagione finale dolceamara (più amara che dolce), HBO ha l’occasione di riscattarsi e riconquistare il cuore di milioni di fan delusi.

Il sequel di Game Of Thrones

Una nuova storia?

Il finale di Game Of Thrones è stato gestito in maniera terrificante da HBO, che ha chiuso in maniera maldestra una storia che conquistato tantissime persone.

Alcune scelte di sceneggiatura non sono state molto chiare, e senza il supporto dei libri di George R.R. Martin (in ritardo con le pubblicazioni) su cui basarsi si è fatta fin troppa fatica nel far quadrare le cose.

Forse proprio per questi motivi HBO ha deciso di annunciare questo sequel di Game Of Thrones, per restituire dignità all’opera ed ai personaggi in primis.

Decidere d’incentrare la prossima serie su Jon Snow ha un certo senso, visto che la sua storia è rimasta abbastanza aperta (visto che è stato esiliato da Westeros e si è diretto oltre la Barriera) e potrebbe portare ad un nuovo inizio.

Infatti, benché tutto riprenderà da dove lo abbiamo lasciato, questo sequel potrebbe aprire le porte ad un racconto tutto nuovo, a dei temi tutti nuovi.

Sicuramente è una scommessa, al momento, perché il disastro dell’ottava stagione non sarà dimenticato facilmente. Speriamo che questo sequel possa dare il giusto rilancio alla serie, che non meritava un finale come quello che ci è stato proposto.

Chris Evans fa i complimenti ad Anthony Mackie, il nuovo Capitan America dell’MCU

Chris Evans fa i complimenti ad Anthony Mackie, il nuovo Capitan America dell’MCU

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Con gli eventi mostrati in Avengers Endgame e poi in Falcon and the Winter Soldier, abbiamo avuto la conferma definitiva che Chris Evans ha definitivamente abbandonato il suo ruolo da Capitan America in favore dell’attore Anthony Mackie, nuovo difensore a stelle e strisce dell’MCU.

Sebbene alla fine di Endgame, con la famosa scena del passaggio di scudo tra Steve Rogers e Sam Wilson, la community dei fan avesse reagito abbastanza male, sembra che le cose siano cambiate grazie ad un ottimo lavoro dei Marvel Studios.

La ”breve” finestra di The Falcon and The Winter Soldier ha infatti mostrato al pubblico un aspetto inedito di Sam Wilson, un vero e proprio ”renewal” di un personaggio che effettivamente nel corso delle precedenti fasi dell’MCU aveva avuto ben poco spazio per mostrarsi.

Il nuovo Capitan America dell’MCU riceve l’approvazione di Chris Evans

Intervistato in occasione del lancio del nuovo film Disney ”Lightyear”, Chris Evans è stato interrogato anche sulla fase della sua vita post-Capitan America.

”Ho perso circa 10 kilogrammi, le persone di solito mi incontrano e mi chiedono se sto bene. Non ho più nemmeno dovuto spingere così tanto in palestra. Alla fine è tutto diverso, per 10 anni hai sempre avuto un film dietro l’angolo… ne finisci uno e poi sai esattamente che cosa dovrai fare nel prossimo anno.”

”Mi manca, era un ruolo a cui tenevo davvero tanto, sono davvero i 10 anni migliori della mia vita professionale, senza dubbio. Non c’era nessuno meglio di (Anthony Mackie) per prendere il ruolo, sono molto fiero di lui e non vedo l’ora di vedere cosa si inventeranno in futuro. Se c’è qualche rimpianto è solo per i bei ricordi che riaffiorano.”

Che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Squid Game 2 è realtà, Netflix rilascia alcuni misteriosi indizi

Squid Game 2 è realtà, Netflix rilascia alcuni misteriosi indizi

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Netflix – L’attesa era tantissima e già da tempo le voci di corridoio si susseguivano rilasciando piccoli indizi, ma adesso possiamo dirlo con ufficialità, Squid Game 2 è in produzione e l’hype degli abbonati che hanno visto la prima stagione è già alle stelle.

In queste ore sono andati virali alcuni piccoli indizi rilasciati in collaborazione con Netflix dal direttore della serie Hwang Dong-hyuk, che ha anche lasciato una lettera agli spettatori in cui ha spiegato brevemente cosa avremo la possibilità di vedere nella seconda stagione.

Senza ulteriori indugi vediamo direttamente tutto quello che sappiamo fino ad ora. Nel caso foste incuriositi dalle informazioni che vedrete più in basso, CLICCANDO QUI troverete il post originale condiviso su Twitter.

Squid Game 2, le parole del direttore sui canali Netflix

”Inizia un nuovo turno di gioco. Ci sono voluti 12 anni per dar vita a Squid Game lo scorso anno, ma sono bastati solo 12 giorni per farne la serie Netflix più popolare di sempre. In qualità di sceneggiatore, regista e produttore di Squid Game rendo omaggio ai fan di tutto il mondo.”

”Grazie per aver guardato e apprezzato la nostra serie. E ora Gi-hun sta tornando, insieme a Front Man. È in arrivo la seconda stagione. Potrebbe riapparire l’uomo in giacca e cravatta con i ddakji. Inoltre ci sarà Cheol-su, il fidanzato di Young-hee.”

”Continua a seguirci per un nuovo turno di gioco. Hwang Dong-hyuk. Regista, sceneggiatore e produttore esecutivo di Squid Game.”

Insomma, che ne pensate community? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure sui nostri canali social. A questi potrete accedere usando i pulsanti che troverete in cima alla pagina.

Articoli Correlati: