La Showrunner di The Witcher spiega il ritardo sulla seconda stagione!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Con il pubblico rimasto letteralmente entusiasta dopo la visione della prima stagione di The Witcher si sono iniziate a sommare le domande inerenti il futuro di questo nuovo “gioiello” in casa Netflix.

Sembra infatti che la produzione della seconda stagione stia procedendo con del ritardo, un qualcosa che non dovrebbe comunque far preoccupare i fan, almeno stando alle parole della showrunner della serie Lauren Schmidt Hissrich.

Stando a quanto riportato da Schmidt Hissrich infatti, dietro questi ritardi ci sarebbe semplicemente la volontà di non fare le cose con il tempo necessario alla loro realizzazione migliore; lo showrunner ha affermato che il lavoro che ci sarà dietro la seconda stagione sarà molto più impegnativo rispetto a quanto visto durante la season 1, che comunque ha convinto per l’indiscutibile qualità del prodotto finale.

The Witcher il successo planetario della serie Netflix

Hissrich è stata molto chiara rispetto all’argomento spiegando come all’interno del team di produzione si siano presto resi conto che il lavoro (e le tempistiche) necessario per la post produzione della seconda stagione sarebbe stato ancor più grande, e che quindi era necessario prendersi il giusto tempo senza far prevalere la fretta, anche a costo di dover rimandare di qualche tempo l’uscita della season 2.

La buona notizia è quindi che i creatori della serie hanno molto a cuore che il livello del prodotto continui a crescere…sperando ovviamente che non si parli di dover aspettare per un tempo troppo lungo…

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701