Ewan McGregor non è interessato al MCU

Ewan McGregor non è interessato al MCU

Profilo di PizzaAllaDiavola
 WhatsApp

 Ewan McGregor, famoso per aver interpretato Obi-Wan Kenobi della saga di Star Wars, non è attualmente interessato a prendere parte al MCU, almeno per ora.

Il Marvel Cinematic Universe è, senza dubbio, il più grande franchise al mondo, è un colosso e probabilmente non verrà mai superato. Ormai siamo abituati ad un paio di film all’anno e attualmente anche dalle serie TV su Disney+.

McGregor non vuole entrare nel MCU

Durante il Fan Expo a Boston, a McGregor è stato chiesto se avrebbe mai preso in considerazione l’idea di prendere parte al MCU e, sebbene non sia contrario, ha affermato che non è qualcosa che sta perseguendo.

Secondo ComicBook, l’attore afferma: “Non lo so, non so se voglio farlo, è vero, amo dirigere e mi piacerebbe tornare di nuovo a teatro e poi, sai, sono nel mondo di Star Wars”.

“Sento di non aver bisogno di un altro… Non lo sto cercando comunque, mi sento come se non dovessi dire che lo farei perché tra due anni potrai dire: ‘Hai detto che non lo avresti fatto!’ Non lo sto cercando particolarmente comunque” conclude McGregor.

Sembra che Ewan McGregor sia felice di restare nel franchise di Star Wars e i fan lo hanno adorato nel vederlo di nuovo prendere i panni di Obi-Wan Kenobi.

Cosa ne pensi delle parole di McGregor? La discussione è aperta!

Articoli correlati:

Gli Anelli del Potere: chi è Adar?

Gli Anelli del Potere: chi è Adar?

Profilo di Rios
 WhatsApp

La figura di Adar, introdotta nel terzo episodio e sviluppato nei successivi, è sicuramente una delle più affascinanti tra quelle viste finora ne Gli Anelli del Potere. Un personaggio molto carismatico, misterioso, che sembra potare con sé un passato traumatico e molto difficile.

In tanti si sono chiesti chi si nasconda realmente dietro questo elfo Noldor brutalmente sfigurato, e le teorie sono diventate innumerevoli. Oggi proveremo a fare un po’ di chiarezza, facendo anche affidamento a ciò che è scritto nel Silmarillion benché la serie non si basi su quest’ultimo (Amazon non ha i diritti n.d.r.)

Chiaramente non sarà facile navigare in questo caos, ma procederemo per step valutando anche quali siano le opzioni più e meno probabili.

P.S. Se non avete visto gli episodi quattro e cinque della serie, non procedete oltre per evitare possibili spoiler.

Le teorie su Adar ed il suo ruolo ne Gli Anelli del Potere

Sauron – La teoria meno probabile

Sin da quando Adar è stato introdotto nell’episodio tre, in molti hanno subito pensato che dietro la sua figura si celasse lo spirito di Sauron. Questo perché gli orchi mostravano una riverenza incredibile verso il personaggio, tanto da venerarlo e spostarsi al suo passaggio quasi come se fosse un dio sceso in terra.

Inoltre Adar ha una certa assonanza con Annatar, identità con cui Sauron ingannò gli elfi Noldor ed ai quali insegnò l’arte di fabbricare Gli Anelli del Potere con l’unico scopo di sottometterli dopo aver creato l’Unico Anello.

Ma gli atteggiamenti di rispetto e commozione che Adar ha nei confronti degli orchi non riflette molto il modus operandi di Sauron che, per quanto diverso nello stile rispetto a Morgoth, rappresenta il male incarnato e certi sentimenti di compassione non gli appartengono.

Sarebbe sciocco, da parte degli sceneggiatori, nascondere Sauron dietro un personaggio così diverso e così incoerente con il carattere del Nemico.

Il padre degli orchi – La teoria più probabile

Secondo quanto riportato nel Silmarillion, gli orchi non sono delle creature nate dall’amore di Eru Ilùvatar come Uomini ed Elfi, bensì sono stati creati da Morgoth. Egli, infatti, voleva a tutti i costi creare e dare la vita, cosa che non gli era concessa come a nessuno degli altri Valar.

Allora decise di dare comunque vita a delle creature, solo che in modo diverso. Proprio in questo contesto nascono gli orchi, esseri frutto della corruzione degli elfi messa in atto da Morgoth stesso. Ma perché ve ne stiamo parlando? Ebbene, secondo molti, Adar dovrebbe essere il primo elfo rapito da Morgoth, una sorta di paziente zero che ha fatto da cavia gli esperimenti di questo Oscuro Signore.

Le cicatrici ed i segni presenti sul suo volto sarebbero indicative in questo senso, in quanto testimonierebbero i tentativi di trasformazioni messi in atto. Inoltre Adar significa padre nella lingua elfica (in sindarian per la precisione), cosa che andrebbe a legittimare ancora di più il rispetto e la riverenza che gli orchi hanno nei confronti di questo elfo.

Tutto questo renderebbe Adar un personaggio originale a tutti gli effetti, inventato dagli sceneggiatori ed inserito nella serie. Negli scritto di Tolkien non si fa menzione alla figura di Adar, né tantomeno ad un padre degli orchi. Quindi potrebbe essere uno degli scagnozzi di Sauron, oppure un “cattivo d’intermezzo” che sarà utile ad introdurre l’ascesa del Nemico.

Feanor ed i suoi figli – Premessa

Tra tutte le stirpi degli elfi, quella dei Noldor è sicuramente tra le più importanti. Una stirpe che ha delle peculiarità fisiche e caratteriali molto accentuate e che hanno radici profonde nella mitologia tolkeniana. Infatti i Noldor sono stati la seconda stirpe ad intraprendere il viaggio verso Aman (la terra dei Valar), guidati da Finwe.

Si misero subito al servizio del Vala Aule, che riuscì a plasmarli in un popolo di abilissimi fabbri ed artigiani. Questa loro caratteristica permise a Feanor di creare i Silmaril, delle gemme ricche di potere e di luce e bramate anche dallo stesso Morgoth.

Il Nemico voleva a tutti i costi tenere per sé quelle creazioni straordinarie, e riuscì anche a rubarle e portarle con nella Terra di Mezzo. Questo creò un enorme divisione tra i Noldor, in quanto Feanor ed i suoi figli decisero di seguire Morgoth per cercare di riprendersi le gemme.

Il ruolo di Adar – La teoria più interessante

In questo contesto s’inserisce benissimo il background, l’aspetto e l’estetica generale che gli sceneggiatori de Gli Anelli del Potere hanno dato ad Adar. Egli infatti incarna perfettamente le caratteristiche dei Noldor (pelle bianca e capelli lunghi neri) ed ha la stessa stella distintiva che porta Galadriel sulla sua armatura.

Inoltre i suoi racconti parlano espressamente delle terre del Beleriand, terra in cui s’insediarono Feanor ed i suoi figli. Tutte queste informazioni hanno fatto pensare agli spettatori che Adar possa essere uno degli figli di Feanor, o addirittura Feanor stesso.

Inserire uno dei figli di Feanor all’interno de Gli Anelli del Potere sarebbe, però, molto difficile. Infatti questi fanno parte del Silmarillion, opera su cui Amazon non ha i diritti. Discorso diverso per Feanor che, benché sia morto prima degli eventi narrati nella serie, è uno dei personaggi più importanti della mitologia tolkeniana.

La serie ha più volte dimostrato di non rispettare la canonicità, quindi pensare di avere Feanor come protagonista di eventi successivi alla sua morte descritta nelle opere di Tolkien. Inoltre, il fatto che il personaggio sia già stato apertamente citato fa ben sperare sulla “questione diritti”, dando così ancora più importanza alle speculazioni sulla possibile presenza del creatore dei Silmaril.

Assassin’s Creed: Tutto quello che sappiamo sulla serie TV

Assassin’s Creed: Tutto quello che sappiamo sulla serie TV

Profilo di PizzaAllaDiavola
 WhatsApp

Assassin’s Creed è uno dei più grandi franchise videoludici di sempre, da quando il primo titolo è sato rilasciato nel 2007, la serie ha continuato a rilasciare giochi quasi ogni anno.

Nell’ottobre 2020, Netflix ha annunciato l’uscita di una serie TV basata sul franchise videoludico .

Inoltre, recentemente è stata annunciata l’uscita di Assassin’s Creed Jade, un videogioco mobile ambientato nell’antica Cina, in uscita nel 2023.

Questa non è la prima volta che viene realizzato un live-action del gioco, precedentemente nel 2016 è uscito nelle sale un lungometraggio con Michael Fassbender e Marion Cotillard, ma fu un fallimento commerciale e di critica.

Ora, Ubisoft è pronta per un nuovo tentativo, ma stavolta sottoforma di serie TV live-action ed ecco tutto quello che sappiamo finora.

Data di uscita

Al momento, non esiste una data di uscita specifica della serie TV. Tuttavia, il produttore della serie Marc-Alexis Côté ha dichiarato: “La serie è ancora nelle sue fasi iniziali ma posso assicurare che sarà un adattamento live action epico”.

Trama

Attualmente ci sono pochi o nessun dettaglio sulla trama o sull’ambientazione della serie. Netflix ha specificato che lo spettacolo sarà un adattamento live-action “di genere diverso” della serie videoludica.

Nei giochi, la trama principale spesso fonde un’ambientazione moderna con una storica, con personaggi provenienti dall’Antica Grecia, dalla Rivoluzione Francese, dall’Antico Egitto e altro ancora.

Ancora non è noto se la serie seguirà la narrazione del gioco e includerà personaggi realmente esistiti o una storia completamente nuova.

Al momento non ci sono trailer, filmati o immagini trapelati dall’adattamento Netflix, quindi i fan della serie dovranno pazientare ancora un po’.

Vedrai la serie Tv su Assassin’s Creed? La discussione è aperta!

Articoli correlati

Ryan Gosling in trattative con i Marvel Studios

Ryan Gosling in trattative con i Marvel Studios

Profilo di PizzaAllaDiavola
 WhatsApp

Ryan Gosling è recentemente tornato nel film The Grey Man su Netflix, dopo essersi preso una pausa nel 2018 per passare più tempo con la sua famiglia.

L’attore non è mai stato contrario nel prendere parte a film “mainstream”: Le pagine della nostra vita e La La Land sono un chiaro esempio, ma deve ancora assumere il ruolo da supereroe.

Secondo quanto riferito, Ryan Gosling ha incontrato i Marvel Studios per quanto riguarda un ruolo nel MCU, ma non sarà Ghost Rider.

Ryan Gosling potrebbe essere Iron Fist

Secondo un nuovo post di Tales from the Mod Queue su Reddit, Ryan Gosling ha già avuto un incontro con la Marvel per un futuro ruolo, in molti hanno pensato di vederlo nei panni di Ghost Rider, ma non sarà così.

La Marvel ha discusso in modo specifico la possibilità che Ryan Gosling interpreti Iron Fist, precedentemente interpretato da Finn Jones nella serie Netflix.

Il post recita che: “Gosling vuole recitare in un progetto di arti marziali e non siamo sicuri se c’è un nuovo progetto di Iron Fist in sviluppo, se Marvel vuole che assuma un ruolo da protagonista o antagonista una tantum, ecc..”

Finora solo due attori hanno ripreso i loro ruoli dalle serie Netflix della Marvel: Charlie Cox nei panni di Daredevil e Vincent D’Onofrio nei panni di Kingpin.

Cosa ne pensi di Ryan Gosling nel ruolo di Iron Fist? La discussione è aperta!

Articoli correlati: