Coronavirus: la paura degli “spoiler” in una nuova campagna per non far uscire le persone di casa

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’importanza di restare tutti a casa in questo delicatissimo momento della storia dell’umanità è ormai un qualcosa di indiscutibile a cui tutti i cittadini devono attenersi.

In merito non sono di certo mancate le campagne di sensibilizzazione, che non sono state fatte solamente dagli organi istituzionali, ma anche da tantissime aziende di tutto il mondo, che attraverso spot televisivi o campagne mirate hanno cercato di sottolineare in tutti i modi possibili il perché è assolutamente necessario seguire l’isolamento sociale al fine di contenere il dilagare della pandemia.

Tra tutte le campagne fin qui pubblicizzate, una è però riuscita ad attirare moltissime attenzioni su di se, diffondendosi velocemente in tutta la rete in una manciata di ore.
Si tratta di un’opera realizzata da due giovani ragazzi thailandesi, ovvero Seine Kongruangkit e Matithorn Prachuabmoh Chaimoungkalo, che hanno recentemente ideato una campagna “Pro Spoiler” per chi non ascolta le indicazioni delle autorità scegliendo ugualmente di uscire di casa.

Nello specifico, i ragazzi hanno ideato una serie di cartelloni pubblicitari ricolmi di spoiler su alcune delle maggiori serie attualmente trasmesse da Netflix, una cosa talmente originale e ben fatta da aver convinto moltissime persone che si trattasse di una campagna vera e propria di Netflix, visto che il noto portale di streaming è stato utilizzato dal duo come soggetto dei propri cartelloni pubblicitari.

I due creatori hanno poi deciso di presentare la campagna a Netflix Singapore, che ha comunque gentilmente declinato l’offerta, pur sottolineandone l’originalità, perchè l’azienda è “sempre” e “comunque contro gli spoiler”, di qualsiasi tipo essi siano.

Cosa ne pensate di questa iniziativa e del “deterrente” (per i più giovani) dovuto agli spoiler?

Il post

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701