Before the Flood – Punto di Non Ritorno

Before the Flood – Punto di Non Ritorno

Profilo di Carli
 WhatsApp

Quando ho iniziato a scrivere queste riflessioni su Before the Flood – Punto di Non Ritorno l’ispirazione era giunta da una triste notizie. Alla fine, per vari motivi, avevo deciso di lasciare in bozze questo mio scritto. Ieri però si è conclusa la Cop 25 a Madrid, il summit dell’Onu sui cambiamenti climatici.

Mi è quindi tornato alla mente questo testo e ho deciso che forse poteva avere nuova vita. Con qualche modifica e una piccola revisione, sfruttando quindi i principi dell’economia circolare dove lo scarto diventa una risorsa, ho deciso di ridargli vita. Sfortunatamente, se qualcuno di voi ancora non lo sapesse, il summit concluso non ha portato cambiamenti decisivi. Ovviamente l’assenza di risultati effettivi ha generato differenti reazioni.

Con questo non voglio aprire qui un dibattito ambientale, sebbene se qualcuno fosse interessato ad esporre il suo pensiero sarei ben lieta di leggerlo. Il mio intento è solo informativo. Credo che uno dei veicoli migliori della comunicazione siano le immagini, pertanto non sono qui per fare polemica o per sentenziare, ma per consigliarvi un film che possa scaturire in voi delle emozioni e possa farvi riflettere.

Before the Flood – Punto di Non Ritorno

Tutti conosciamo Leonardo DiCaprio.

(Sfido qualcuno a dire “non so chi sia!”).

Ma in molti non sanno che, oltre ad essere un attore incredibile, è anche Ambasciatore per la Pace alle Nazioni Unite ed un attivista ambientalista convinto.

Probabilmente vi starete chiedendo il perché di questa premessa. La risposta è molto banale. Proprio per questi motivi, Leonardo DiCaprio ha cercato di dare più volte il suo contributo. Essendo lui un attore, ha provato a farlo nel modo in cui gli viene più facile comunicare: il cinema.

Before the Flood – Punto di Non Ritorno è una chiara fotografia dei catastrofici mutamenti avvenuti, e che continuano ad avvenire, in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici.
Leonardo DiCaprio ci guida in questo triste viaggio alla scoperta di ciò che l’uomo ha causato.
Dall’America, passando per la Cina, l’Italia e l’India, fino al Circolo Polare Artico, grazie ad interviste a scienziati, incontri con attivisti, con leader mondiali e locali, si ha una maggiore comprensione di questo problema e si indagano soluzioni concrete per affrontarlo.

Il documentario infatti non è solo una denuncia del problema. Anzi, la sua grandezza sta proprio nel presentare delle soluzioni concrete ed attuabili. Per citarne alcune: la carbon tax per sfavorire le industrie che inquinano, una riduzione ragionevole dei consumi di carne rossa, le batterie solari di Elon Musk, etc…)

Le tematiche mostrate per molti saranno note, ma come spesso accade, tra conoscere una cosa e vederla vi è un abisso.

Locandina Before the Flood - Punto di Non Ritorno

La forza di Punto di Non Ritorno è quindi non tanto nella novità, ma nella modalità.
Il regista Fisher Stevens ha il grande merito di mostrarci il cambiamento. La voce e lo sguardo di DiCaprio sono solo la cornice; le immagini raccontano sé stesse.
Pertanto, anche notizie note appaiono allo spettatore come nuove. Leggere del disboscamento fa certamente effetto ma vedere un’intera foresta disboscata ha sicuramente un altro impatto.

Personalmente, come credo molte altri oltre me, avevo già sentito parlare dello scioglimento dei ghiacciai, ma vederlo concretamente mi ha fatto tutto un altro effetto.

(c’è una scena nel docufilm che definirei illuminante!)

A tutte le persone che continuano ad ostinarsi a dire che il surriscaldamento globale è un’invenzione, consiglio di guardarsi intorno. La diffamazione e le false informazioni non sono salutari per nessuno. Come lo stesso Di Caprio dice più volte “i cambiamenti climatici non sono una possibilità futura, ma una realtà presente”. Il docufilm è l’istantanea di questa realtà. Delle soluzioni concrete sono a portata di mano. Rimanere fermi e non fare nulla non è più possibile!

Siamo arrivati al Punto di Non Ritorno…

La Neve di Hisui: la nuova serie animata dedicata ai Pokémon

La Neve di Hisui: la nuova serie animata dedicata ai Pokémon

Profilo di Rios
 WhatsApp

Nella giornata di oggi, The Pokémon Company ha annunciato “La Neve di Hisui“, una nuova serie animata dedicata al mondo dei mostriciattoli tascabili. Non sarà un’opera come le altre, ma potrà vantare diverse peculiarità che la renderanno unica a suo modo.

La serie, infatti, sarà interamente trasmessa sul web e non arriverà in TV o sui servizi di streaming. Per poter guardare gli episodi bisognerà fare affidamento al canale YouTube ufficiale di Pokémon. Questa nuova iterazione del mondo Pokémon ci riporterà nella regione di Hisui, ambientazione dell’ultimo Leggende Pokémon: Arceus.

Un territorio molto familiare per tutti gli appassionati della saga, che avranno modo d’immergersi in una storia nuova.

La Neve di Hisui

Come e dove vedere la serie

Oggi, The Pokémon Company International ha rivelato dei dettagli su una serie animata che trasporterà i fan in una nuova avventura nell’antica regione di Hisui del mondo Pokémon. La serie web, il cui trailer è stato mostrato durante l’evento Pokémon Presents nel Pokémon Day 2022, si intitola La neve di Hisui e sarà trasmessa in esclusiva sul canale ufficiale Pokémon di YouTube e su TV Pokémon il 18 maggio 2022.

Trama in breve

La regione di Hisui è stata esplorata per la prima volta nel videogioco Leggende Pokémon: Arceus e rappresenta l’antica regione di Sinnoh- prima dell’esistenza degli Allenatori di Pokémon e delle Leghe. La neve di Hisui è ambientata in un’epoca antica in cui il rapporto tra esseri umani e Pokémon era molto diverso. In barca verso la regione di Hisui, il protagonista Alec va indietro con la memoria a quando la visitò per la prima volta insieme a suo padre. Nel corso di tre episodi, La neve di Hisui ripercorrerà alcune vicende del passato di Alec.

I personaggi

Gli spettatori faranno la conoscenza dei Pokémon di Hisui e di alcuni nuovi personaggi esclusivi per questa serie web. The Pokémon Company International ha rivelato alcuni dettagli iniziali sui personaggi e Pokémon principali in attesa della messa in onda.
 
Alec
Alec è diretto nella regione di Hisui in cerca di erbe medicinali. È un giovane dal temperamento mite che studia per diventare medico. Da bambino, ha accompagnato una volta suo padre in un viaggio nella regione di Hisui. Da piccolo era più avventuroso e dispettoso.
 
Il padre di Alec
Il padre di Alec è un falegname. Viveva in un’altra regione, ma si è trasferito a Hisui di recente per procurarsi dei materiali. Ha cominciato ad aver paura dei Pokémon a seguito di un certo incidente.
 
Zorua (forma di Hisui)
Il Pokémon Rancorvolpe che vive nella regione di Hisui. Si dice che gli spiriti raminghi di quegli Zorua morti dopo essere stati scacciati dalla loro casa ritornino in vita sotto questo forma, alimentati dalla forza del loro odio verso umani e Pokémon.

Altre informazioni utili

La serie animata La neve di Hisui è prodotta da The Pokémon Company International in collaborazione con WIT STUDIO. Gli episodi saranno trasmessi sul canale ufficiale Pokémon di YouTube e su TV Pokémon: Altri dettagli sulla programmazione degli episodi saranno comunicati in seguito alla messa in onda del primo episodio.

Per le ultime notizie sul mondo Pokémon, i fan possono seguire i canali Pokémon ufficiali sui social media, iscriversi al canale ufficiale Pokémon di YouTube e visitare TV Pokémon in previsione dell’uscita della serie.

Will Smith e Jada Pinkett pronti al divorzio dopo lo schiaffo degli Oscar

Will Smith e Jada Pinkett pronti al divorzio dopo lo schiaffo degli Oscar

Profilo di Rios
 WhatsApp

La vita di Will Smith ha preso una piega terribile dopo la famigerata Notte degli Oscar e lo schiaffo dato a Chris Rock. L’attore è stato escluso dall’Academy, non potendo più frequentare la manifestazione per 10 anni, ed alcuni dei suoi film in produzione sono stati cancellati.

Ma quando le cose possono andare male, vanno anche peggio. Infatti, secondo alcuni gossip provenienti dagli Stati UnitiSmith e la moglie sarebbero prossimi al divorzio. La coppia aveva problemi da tempo, ma dopo lo schiaffo tutto è peggiorato rapidamente.

Insomma, se tutto ciò dovesse rivelarsi vero, sarebbe una fine ingloriosa di una storia tanto tragica quanto banalmente comica.

Will Smith e Jada Pinkett pronti al divorzio?

Problemi noti da tempo

Da diverso tempo a questa parte, Will SmithJada Pinkett sono finiti più volte sotto i riflettori per i loro problemi di coppia. La relazione non funzionava più da un bel po’, anche se sembrava che la tempesta fosse passata proprio nell’ultimo periodo.

Purtroppo abbiamo visto tutto cosa è successo durante l’ormai famigerata Notte degli Oscar, con Will Smith che ha inferto uno schiaffone a Chris Rock, reo di aver fatto una battuta poco carina nei confronti della malattia di Jada Pinkett.

Il gesto dell’attore è stato lodato ed apprezzato da molti in giro per il mondo, ma non dalla moglie. Infatti pare che dopo quel gesto, la situazione sia precipitata ed il rapporto di coppia si sia deteriorato ulteriormente. Secondo alcune voci che provengono dagli Stati Uniti, i due sarebbero ad un passo dal divorzio.

Qualcosa che, se dovesse avverarsi, sarebbe a dir poco spiacevole per Smith. L’attore si è di fatto rovinato la carriera pur di “difendere” la moglie e non farla passare liscia a Chris Rock, ed un divorzio potrebbe essere proprio l’ultima goccia in grado di distruggere la vita di Will Smith. Al momento sono solo voci, è chiaro, ma se le cose possono andare male, andranno sempre malissimo.

Dragon Ball Super: il nuovo capitolo del manga ha svelato un’inedita trasformazione?

Dragon Ball Super: il nuovo capitolo del manga ha svelato un’inedita trasformazione?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

I capitoli del manga di Dragon Ball Super non accennano a fermarsi. Da poco più di un giorno, sono state svelate le tavole del capitolo 83.

Prima di continuare, vi segnaliamo che tutto ciò che sarà detto potrà essere considerato spoiler del manga Dragon Ball Super. Quindi, qualora non aveste ancora letto gli ultimi capitoli del manga di Akira Toriyama, vi consigliamo di non continuare la lettura.

ATTENZIONE SPOILER – il capitolo 83 di Dragon Ball Super continua la battaglia tra Bardock, il padre di Goku, e l’Heeter Gas. La sfida è arrivata alla sua seconda parte e vede praticamente la sua conclusione con la vittoria del Saiyan.

Ma sono le modalità in cui è arrivata questa vittoria che sbalordiscono i lettori: a quanto pare, è arrivata un’inedita trasformazione nel franchise.

Già, perché ad un passo dalla morte, Bardock sprigiona una potenza mai vista e riesce a sconfiggere Gas nella sua forma “selvaggia” (con la quale anche Goku sta avendo difficoltà). Dalle tavole del manga, durante questa misteriosa trasformazione, non si notano cambiamenti del colore dei capelli, quindi non si potrebbe ipotizzare una trasformazione in Super Saiyan. Ma allora, a cosa siamo di fronte?

Potremmo concludere semplicemente che Bardock sia riuscito in qualche modo ad aumentare il suo Ki, ma sono tanti gli appassionati che ipotizzano che siamo davanti ad una nuova trasformazione inedita.

Ovviamente non abbiamo dettagli ufficiali sulla nuova forma di Bardock (in questo capitolo privato anche della sua coda), ma siamo sicuri che non tarderanno ad arrivare ulteriori chiarimenti.

In cuor nostro, speriamo davvero di essere in presenza di un qualcosa di nuovo per dare anche maggior importanza ad un personaggio come Bardock.

Che ne pensate della “nuova trasformazione”? Fateci sapere la vostra…