Squishy Muffinz: Rocket League ha realizzato il mio sogno

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Ci sono pochi professionisti su Rocket League che possono vantare la stessa fama di Mariano “Squishy Muffinz” Arruda. Il giocatore dei Cloud9 è probabilmente il player più forte a livello di meccaniche che il gioco abbia mai visto. Il suo controllo della macchina perfetto, in coppia con il suo senso del gioco, lo hanno trasformato in uno dei giocatori più formidabili che hanno mai calcato il campo delle Rocket League Championship Series (RLCS).

Eppure, dietro a questi risultati, dietro alla sua bravura e capacità meccanica, ci sono ore ed ore di lavoro mirato e dedicato.

PRATICA, PRATICA ED ANCORA PRATICA

Squishy Muffinz ha dedicato un’enorme quantità di tempo a perfezionare il suo gioco. Inizialmente aveva iniziato a giocare durante la fase beta del gioco nel 2015, e pian piano iniziò a diventare qualcosa di sempre più serio. Da quando era bambino, SquishyMuffinz adorava il calcio. Sognava persino di diventare un professionista una volta cresciuto, ma l’asma che lo colpisce ha reso la corsa per lunghi periodi di tempo quasi impossibile. Quindi, una volta che ha messo le mani su Rocket League, è stato un colpo di fulmine.

E’ stato terribile quando ho realizzato che il mio sogno di diventare un giocatore di calcio professionista era fuori dalla mia portata. Era un sogno che rimaneva acceso sulla play a FIFA […] Poi ho scoperto che la beta di Rocket League stava uscendo e mi sono innamorata dell’idea del gioco” dice SquishyMuffinz. “Rocket League mi ha concesso una seconda possibilità.” Con la sua testa e il suo interesse per il gioco competitivo, SquishyMuffinz ha dedicato molto del suo tempo libero ad allenarsi per diventare un giocatore migliore.

Squishy, al centro, con il suo team

Per SquishyMuffinz, Rocket League è una opportunità senza fine di poter migliorare le sue abilità e portare il suo gioco ad un livello sempre più alto. La bellezza di Rocket League è che non c’è davvero alcun limite a quanto puoi essere bravo, ci sono sempre cose nuove che puoi imparare o cose che puoi ancora perfezionare“.

IMPREVEDIBILITA’

Ciò che distingue Squishy Muffinz da molti suo coetanei è la sua capacità di creare ed eseguire nuove meccaniche prima della curva professionale. Queste nuove meccaniche aggiungono un ulteriore livello al repertorio di SquishyMuffinz, rendendolo uno dei giocatori più pericolosi contro cui giocare.Mi alleno continuamente per utilizzare meccaniche nuove e difficili, non solo per segnare ma anche per passare.” spiega SquishyMuffinz. Essere imprevedibili è la parte più importante ad alti livelli, e la maggior parte delle nuove meccaniche consente di farlo se si riesce a farlo in modo corretto.”

Pratica spesso questi tipi di meccanica nella modalità libera del gioco, fino a quando non potrà utilizzarli correttamente su oltre il 90% dei suoi tentativi. Sa che avrà l’opportunità di impiegarli solo una manciata di volte, ma se riesce nel suo intento, i risultati possono essere assolutamente pericolosi per gli avversari!

Tutto il lavoro che Squishy Muffinz ha svolto in questi anni è culminato in una delle gare più emozionanti del campionato mondiale RLCS a cui abbiamo mai assistito. Dopo essere battuto e spedito al oser Bracket il primo giorno del campionato mondiale della sesta stagione, le cose si stavano facendo cupe per i Cloud9.

E’assolutamente devstante vedere quanto dovrai lottare e faticare per arrivare alle finali“, dice SquishyMuffinz. Ne abbiamo parlato e la nostra mentalità è stata quella di una serie alla volta. Fedele alle loro parole, partita dopo partita, i Cloud9 si sono fatti strada nel Loser Bracket. E’ stato un cammino pieno di difficoltà e tensione, ma alla fine del terzo giorno, SquishyMuffinz e Cloud9 erano nelle Grand Finals in lotta contro i Dignitas, una delle squadre migliori di Rocket League.

Poi è successo. Con i tifosi di tutto il mondo che guardano e i campioni del mondo sulle corde, SquishyMuffinz ha passato la palla a se stesso e ha superato la difesa dei Dignitas con una delle meccaniche più difficili di
Rocket League: un jump reset!

https://clips.twitch.tv/ProtectiveFurryKiwiDansGame?tt_medium=clips_api&tt_content=url

Non potevo credere a quello che era successo, tutti i nostri volti erano solo di puro sollievo ed incredulità“, ricorda SquishyMuffinz. È ancora strano per me guardare indietro a quello che abbiamo fatto. Era un momento singolare, apparentemente sospeso nel tempo, che SquishyMuffinz aveva costruito con migliaia di ore di pratica. È stata la conferma di tutto il duro lavoro che aveva dedicato al gioco ed è stato l’evento che ha cementato il suo posto come uno dei migliori giocatori al mondo.

PIU’ DELLA SEMPLICE MECCANICA

Oltre a spendere una quantità irreale di tempo per perfezionare e ampliare il suo repertorio, SquishyMuffinz si è anche dedicato a costruire una delle comunità di Rocket League più importanti. Tuttavia, non era così facile, e costruire quella comunità richiedeva altrettanta dedizione quanto quella per le sue skill.

Ricordo i miei streaming e solo una o due persone mi guardano ogni volta.Caricavo un video e ottenevo solo 10 visualizzazioni, ma ero così felice che quelle 10 persone si divertissero a guardarmi.” Quei tempi umili non sarebbero durati per sempre. Attraverso il duro lavoro e gli anni di perseveranza, il pubblico di SquishyMuffinz ha iniziato a crescere , ed anche in fretta.

“Ho iniziato tutto ciò da quasi quattro anni“, spiega SquishyMuffinz. “Ed è dal Dreamhack Atlanta che tutto ha iniziato a crescere molto più velocemente.” Una volta che la palla di neve iniza a rotolare, è difficile fermarla. I seguaci ed i fan hanno iniziato a riversarsi per vedere sia SquishyMuffinz giocatore che Mariano Arruda la persona. Nonostante la crescita sia stata sbalorditiva, SquishyMuffinz ha raggiunto un equilibrio quasi perfetto tra gioco professionale e creazione di contenuti. “Continuerò a fare quello che faccio in termini di contenuto e cercando di essere il migliore possibile per i miei compagni di squadra”, afferma SquishyMuffinz.

È ormai cosa nota che l’autocompiacimento va di pari passo con il fallimento. Lo spettro di “cadere” lo spinge a essere la migliore versione di se stesso possibile. “Ci penso sempre, non voglio mai arrivare a questo punto, quindi cerco sempre di rimanere in cima”, spiega.

Mentre è chiaro che gran parte della carriera di SquishyMuffinz è stata sgnata dal successo, è quando le cose non vanno così bene che lui apprezza maggiormente i suoi fan. “È incredibile per me sapere che così tante persone vogliono vedermi avere successo, ma è ancora più sorprendente vedere quante persone ci sono per consolarmi quando non lo faccio”, afferma SquishyMuffinz. “Quando sei giù dopo una dura sconfitta, aiuta molto vedere le parole positive dei fan, e questo è qualcosa per cui sono così grato a loro.”

SquishyMuffinz attribuisce a Rocket League la seconda possibilità di poter realizzare i suoi sogni d’infanzia. A questo punto, probabilmente è saggio per noi semplicemente prepararsi per qualunque cosa SquishyMuffinz abbia nella manica. E se il passato ci indica ciò che succederà, faremo una bella corsa!

Vuoi affiancare SquishyMuffinz lungo il suo cammino? Assicurati di seguirlo su Twitter o su Twitch!


Articolo originale: https://www.rocketleagueesports.com/news/rle-pro-files–vol–3–squishymuffinz/

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.