recap risultati rlcs quinta giornata 2 kuxir mousesports

Rocket League: Analisi e Risultati della seconda giornata RLCS

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Articolo a cura di Francesco Pitò

La stagione di RLCS più lunga di sempre entra nel vivo con la seconda giornata, andata in onda lo scorso weekend. Diversi i risultati sorprendenti: dallo scivolone degli Spacestation contro i nuovi arrivati Soniqs al primo clamoroso successo dei Singularity sui vice-campioni Renault Vitality, il secondo atto di questo campionato mette le basi per una corsa all’ultimo sangue verso le finali mondiali di Dallas.

NORD AMERICA

Spacestation Gaming 1-3 Soniqs

Quello che doveva essere uno degli incontri più comodi del calendario per gli Spacestation si è trasformato in un vero e proprio incubo nel giro di cinque minuti abbondanti. I Soniqs si presentano con un atteggiamento completamente diverso rispetto alla scorsa settimana, mostrando una sicurezza nei movimenti e un’aggressività che li porta alla prima vittoria stagionale. In un weekend agrodolce che vedrà la org vincere il Six Invitational di Rainbow Six Siege a Montreal, la magia che ha regalato la top 4 mondiale di Rocket League agli SSG sembra essere completamente scomparsa e adesso è lecito chiedersi se questa prestazione sia o meno il campanello d’allarme per una squadra che negli ultimi mesi sembrava aver messo a punto un gioco vincente. Gli avversari si godono intanto un 3-1 pesantissimo con la testa all’ostacolo di settimana prossima, rappresentato dai Rogue.
BLOCCO E PASSAGGIO DI SHOCK

EUnited 0-3 Ghost Gaming

Dopo aver sconfitto per 3-0 i Cloud9 ormai in crisi nera, gli EUnited si trovano a subire lo stesso passivo da una squadra che aveva disperato bisogno di trovare delle risposte. La furia dei Ghost si abbatte sul trio a stelle e strisce senza soluzione di continuità, disinnescando quello che nella giornata di apertura sembrava un team con gli occhi sulla testa della classifica. Un Atomic completamente fuori controllo, un Mist ritrovato e Allushin a supportare queste due autentiche macchine da guerra: i Ghost riprendono in mano il proprio destino e iniziano a lavorare su un cambio di rotta in vista dei prossimi impegni.
FINTA DI ATOMIC A SUPERARE LA DIFESA
La formula vincente sembra essere lo spazio che Atomic riesce a creare per se stesso e per i compagni, aprendo il campo nelle situazioni offensive e facendosi carico dei palloni più scottanti in difesa come accade ad esempio nel game 1. In una circostanza non facile da gestire, il giocatore statunitense viene probabilmente avvisato da Mist che Hockser lo sta puntando in cerca di un bump per facilitare l’attacco. Atomic si fa carico della palla lanciandola più in alto possibile, per poi seguirla nel tentativo di prendere tempo utile a far ritornare il compagno in posizione. Come per la scorsa stagione, occhi puntati su questo giocatore: gran potenziale in tutte le parti del campo per una squadra che ne ha veramente bisogno.
MIST IN PERICOLO, ATOMIC GESTISCE

Rogue 3-2 Cloud9

Che fine hanno fatto i Cloud9? Dal titolo mondiale conquistato con creatività e cattiveria agonistica alle performance grigie di questi ultimi mesi. Una squadra che ormai sembra aver smarrito lo smalto dei tempi d’oro viaggia in totale confusione su un 0-2 in classifica che non promette nulla di buono. Eppure alla fine della scorsa stagione si era intravista la luce in fondo al tunnel, con i tre azzurri finalmente in grado di riportare sul campo ciò che li aveva condotti ai numerosi titoli conquistati in carriera. Lo sforzo fatto per strappare due game ai Rogue non è abbastanza per coprire i numerosissimi errori e la buona prestazione di diretti avversari, che sfruttano lo spazio lasciato sul terreno dai Cloud9 per dei passaggi taglienti che lasciano questi ultimi senza possibilità di replica.
ASSIST DI KRONOVI NEL DESERTO DELLA DIFESA C9

NRG Esports 3-0 Flight

Meccanica. Passaggi. Difesa. Fantasia. Capacità di tiro. In tre lettere: N R G. I campioni del mondo in carica si confermano il vero juggernaut della regione americana tarpando le ali ai neopromossi Flight e prendendo il comando della classifica a pari punti con i G2. L’alchimia ormai consolidata fra i 3 membri del roster con la medaglia d’oro è semplicemente travolgente, e se due assoluti fuoriclasse come Jstn e GarrettG hanno alle loro spalle una sicurezza come Turbopolsa il risultato è assicurato. Certo è che il loro calendario finora non è stato poi così duro: dopotutto hanno affrontato solamente le due squadre appena approdate in RLCS. Ma quanto visto in questi ultimi tempi è abbastanza per dire con certezza quasi assoluta che gli NRG sono, anche in questa stagione, un serio contendente per il titolo.
SPETTACOLO OFFENSIVO NRG

 

Pittsburgh Knights 1-3 G2 Esports

I G2 sembrano ufficialmente usciti dal tunnel nel quale erano intrappolati la scorsa stagione. I tre giocatori hanno ritrovato la lucidità necessaria per affrontare la massima competizione, forse anche grazie al trasferimento in uno spazio comune nel quale i giocatori convivono cercando di trasferire un sano spirito di squadra anche all’interno del videogioco. A dirla tutta, questa è un’opzione di cui molte org si sono dotate all’inizio della nuova stagione per cercare di dare ai propri players le migliori condizioni in cui performare, e per quanto visto finora l’idea sembra funzionare. Tornando alla partita di questo sabato, i Pittsburgh Knights mostrano il fianco in più di un’occasione e finiscono per concedere uno degli scontri chiave del campionato. Spinti da una forza ritrovata i G2 si accodano agli NRG al comando della classifica, e stavolta il merito non è solamente di Jknaps.
INTESA G2

 

EUROPA

FC Barcelona 3-0 Endpoint

Nella domenica che ospita il secondo turno di RLCS europea ad aprire il calendario una sorprendente performance del Barcelona, che asfalta i nuovi arrivati degli Endpoint con un clean sweep utilissimo ai fini del punteggio in classifica. Dopo una stagione da dimenticare con i CompLexit, il giovane talento olandese Flakes sembra aver ritrovato la forma adatta alla grande competizione: le sue demolizioni e la presenza costante nella metacampo avversaria, unite alla sua capacità di tirare in qualunque occasione, lo rendono una vera spina nel fianco difficile da controllare.
FLAKES APRE (LETTERALMENTE) LA DIFESA DA SOLO
DOUBLE TAP FLAKES
L’effetto sorpresa degli Endpoint pare invece essersi dissolto dopo appena una partita, data la difficoltà nell’aggredire il team avversario mostrata in questo turno di campionato. Il dubbio ora è se riusciranno o meno ad inventarsi qualcosa per cambiare il proprio destino prima che sia troppo tardi.

Veloce Esports 3-1 TSM

I Veloce aggiustano rapidamente il tiro dopo la sconfitta subita settimana scorsa. A farne le spese sono i soliti TSM, squadra che da molto tempo ormai cerca di risolvere i propri problemi senza però riuscirci. Confrontando la loro mancanza di inventiva con l’ottima interpretazione degli avversari si potrebbe anche dire che siano stati fortunati a non essere usciti dal server con un passivo ancora più pesante. I ragazzi con la mimetica blu invece si confermano come un team estremamente attento in difesa e con una grande capacità di trasformare situazioni apparentemente innocue in occasioni da gol. Nella quasi totalità dei casi in cui i Veloce sono pressati in difesa la porta è costantemente coperta da due giocatori che riescono a chiudere lo specchio agli avversari, garantendo al compagno libero lo spazio di ripartire in uno dei due lati del campo.
OTTIMO ASSIST DI KASSIO

Team Singularity 3-2 Renault Vitality

Una partita senza esclusione di colpi e un finale che ha dell’incredibile. Il sunto perfetto della serie che ha visto i Vitality uscire con la prima sconfitta stagionale potrebbe essere racchiuso in una semplice frase, ma la partita disputata questa domenica ha al suo interno diverse sfumature che giustificano il risultato. Prima su tutte una prova di coraggio da parte dei Singularity, team approdato da poco in RLCS ma con una tenacia in grado di far barcollare due mostri sacri come Kaydop e Fairy Peak. A guadagnare l’MVP di giornata sarà Noly, uno dei tre giocatori artefici di questa impresa dal peso non indifferente. Il double tap che mi mostriamo qui di seguito testimonia la sua pericolosità offensiva che potrebbe essere un problema in più per molti dei roster coinvolti nella competizione europea.
DOUBLE TAP NOLY
Nonostante un grande sforzo della corazzata francese la disputa si chiuderà in modo imprevedibile: subito dopo il kickoff che dà il via all’overtime del game decisivo fra le due squadre, Godsmilla segue la palla da molto vicino e si appresta ad eseguire un flip reset per provare ad eludere la difesa avversaria. Kaydop lo guarda da lontano per indurlo all’errore, ma nel momento in cui decide di andare incontro al pallone verrà scavalcato da Godsmilla e per di più bumpato accidentalmente sul pallone, che finirà in rete concludendo una serie dalle mille sorprese.
GOL FINALE PROSPETTIVA GODSMILLA
PROSPETTIVA KAYDOP

AS Monaco 1-3 Dignitas

I Dignitas di Violentpanda continuano la loro corsa dopo l’ottima prestazione del mondiale, riuscendo sempre ad essere imprevedibili con i loro passaggi precisi. Con un’organizzazione offensiva di tale livello una squadra come il Monaco, che nonostante l’esperienza deve ancora trovare la sua forma, accusa fortemente il colpo e incassa un altro 3-1 dopo quello subito contro i Mousesports. Aztral valuta bene le opzioni che ha a disposizione e non si lancia avventatamente in giocate solitarie pericolose, segno della crescita esponenziale ottenuta da quando ha firmato per la società giallonera; anche se ogni tanto si avventura da solo nella difesa avversaria, gli va comunque riconosciuto che ha tutti gli strumenti per farlo. Il talento belga sta maturando in un giocatore completo.
AZIONE CORALE DIGNITAS E FAKE DI YUKEO

Team Reciprocity 3-1 Mousesports

L’incubo delle sconfitte senza una e vera e propria reazione torna a bussare alla porta dei Mouse dopo una performance deludente contro i Reciprocity. La squadra del nostro connazionale Kuxir fatica tremendamente a costruire qualcosa in attacco e subisce la dinamicità di una scheggia di nome Chausette, in grado di mettere in crisi tutti e tre i giocatori in maglia rossa. In uno scenario già visto la scorsa stagione, nelle partite concluse con una sconfitta i Mouse hanno veramente troppe difficoltà a mettere alla prova gli avversari; a questo si aggiunge anche un problema con alcuni tipi di kickoff, con i quali si sono regalati fin troppi gol in queste ultime due stagioni. È vero, la stagione in corso è la più lunga finora e c’è tempo per recuperare. Ma se si vuole puntare in alto bisogna iniziare a lavorare sulle proprie difficoltà fin da subito.
CHAUSETTE INCANTA LA DIFESA
Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701