RLCS X: parte anche in Nord America lo Split Invernale

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La seconda fase di RLCS X ha finalmente preso il via sulla sponda occidentale dell’Atlantico, ma i risultati del weekend appena trascorso sono andati ben oltre le aspettative.

Alcune pesanti sconfitte nel primo turno hanno da subito acceso la competizione, costringendo alcune delle squadre più importanti alla lotta per la sopravvivenza.

Ma chi sono esattamente le vittime di questo “sabato nero” dell’RLCS a stelle e strisce? Beh, per cominciare le finaliste del Major Autunnale, se vogliamo citarne due. NRG e Spacestation Gaming cadono rispettivamente contro Ghost e Version1, in due serie complicate che arrivano come una vera e propria doccia fredda.

Ammesso che proseguano entrambe imbattute nel loser bracket (un’altra sconfitta significherebbe l’eliminazione dal primo evento invernale) una delle due dovrà accontentarsi del quarto posto. Un piazzamento, questo, che andrà sicuramente a danneggiare il percorso verso il mondiale: in una stagione che richiede la massima costanza, non sono ammessi passi falsi.

Ad incontrare lo stesso destino i Kansas City Pioneers (autori di un buon primo Split) e i The Peeps; questi ultimi dovranno già pensare al secondo evento, dal momento che hanno già esaurito ogni possibilità perdendo anche contro i Soniqs nel loser bracket.

(Crediti per le foto: ZeeboDesigns – Todd Gutierrez)

Version 1, 2, 3!

Il sabato di RLCS X appena trascorso non ha risparmiato le migliori squadre nella regione nordamericana, ma ha fatto splendere alcuni roster da cui ci si aspettava una risposta. Uno su tutti, quello dei Version1. I veterani Torment e Gimmick, ormai apparentemente lontani dai giorni gloriosi del mondiale vinto con la maglia dei Cloud9, hanno da poco accolto Comm tra le proprie fila. Dopo uno Split Autunnale deludente giocato con AxB, sembra proprio che il nuovo innesto abbia le carte in regola per il cambio di rotta totale nella sezione invernale. La squadra ha mostrato i muscoli contro i campioni in carica degli Spacestation e adesso si prepara ai quarti di finale: è questa l’occasione giusta per andare fino in fondo?

 

 

 

 

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701