Intervista con Tahz degli Echo Zulu

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Se pensiamo ai giocatori che si sono distinti maggiormente nelle ultime settimane, viene in mente un nome: Tahz. Il bubble player del Team Echo Zulu ha fatto segnare una performance da sogno allo scorso DreamHack, così come il suo team. Le sue giocate difensive hanno aiutato molto la sua squadra lungo tutto il torneo, alcuni suoi salvataggi erano così folli che la community ha dato al 19enne il nuovo soprannome de “Il Salvatore“.

Il perché è presto detto dalla playlist di parate effettuate in diverse partite del DreamHack:

Dalla folla, fino ai giocatori professionisti ed i caster, praticamente tutti quelli che lo guardavano giocare rimanevano sbalorditi di fronte alle sue giocate difensive. Alla fine, lui ed i suoi compagni di squadra Mittaen e ImpacT si sono assicurati una posizione tra i migliori 8 del torneo. Hanno spazzato via squadre come Evil Geniuses e Ghost, e solo i Dignitas, la squadra che alla fine ha vinto il torneo, è riuscita a fermarli.

E così, oggi abbiamo proprio Tahz con noi per raccontarci la sua ultima esperienza, leggiamo insieme l’intervista!

Tahz, congratulazioni per la tua performance al Dreamhack di Lipsia. Tu ed i tuoi compagni di squadra degli Echo Zulu siete letteralmente esplosi nel corso del torneo ed avete ottenuto un piazzamento nella top 8. Sei sorpreso dalla tua performance?

Sorpreso sì, abbastanza. Non avevamo aspettative iniziali, volevamo solo giocare e ottenere un’esperienza di alta qualità. Il nostro obiettivo era quello di sorprendere i PSG e vedere cosa sarebbe successo, quindi sì, siamo rimasti un po ‘sorpresi nel partecipare persino al terzo giorno, ma siamo eccitati all’idea di averlo fatto.

Se le squadre di livello inferiore sulla carta affrontano i migliori, di solito mostrano nervosismo. Voi ragazzi, d’altra parte, avete sconfitto avversari come Evil Geniuses o Ghost dominando le serie. Cosa pensi vi abbia dato un vantaggio su quelle squadre e cosa hai fatto per mantenere la calma?

Beh, in realtà eravamo un po’ nervosi, era la nostra prima volta su un palco così grande ed importante, ma nel complesso abbiamo fatto molta pratica e molta preparazione a livello di testa prima di giocare, il che ci ha permesso di sentirci più a nostro agio. Il fattore principale è stato il nostro allenatore Ryuu, ha lavorato molto con noi e con la nostra mentalità.

Come e quando hai incontrato Mittaen e ImpacT, i tuoi due compagni di squadra, e come descriveresti i loro stili di gioco e punti di forza?

ImpacT ama essere aggressivo, molto più di me, e Mittaen è un buon tuttofare. In generale, cerchiamo di adattarci l’un l’altro il più possibile, usando la comunicazione e l’esperienza.

Twitter era pieno di persone che affermavano come il tuo gioco difensivo in questo torneo fosse straordinario. Ti sei sempre concentrato sulle meccaniche difensive?

Personalmente non mi sono concentrato in particolare sulla difesa. A causa del modo in cui ci alleniamo, di come ci esercitiamo e di ciò che il nostro allenatore ci ha detto, abbiamo lavorato su decisioni difensive migliori e mi è capitato di essere nel posto giusto e al momento giusto. Poteva essere chiunque, ma ero io in quel posto. Sono solo bravo a leggere le persone ed i miei riflessi sono piuttosto buoni, ma non puoi concentrarti sul miglioramento di entrambi, ma solo sull’esperienza e sul talento naturale dei riflessi.

Che cosa fa la differenza tra un buon ed un ottimo difensore?

Un buon giocatore potrebbe solo fermare un’azione e non pensare al momento successivo, un grande difensore e giocatore non solo prenderà una decisione difensiva, ma tenterà anche di impostare un’azione per la sua squadra, per cogliere di sorpresa gli avversari.

Cosa farete adesso voi ragazzi, dopo le recenti prestazioni? Tenterete la qualificazioni alle RLRS?

Certamente, avremmo tentato indipendentemente dai risultati.

Qual è stato, per te personalmente, il momento migliore del Dreamhack Lipsia?

Il finale contro Ghost Gaming per assicurarci il Day 3 , e sentire successivamente la folla acclamarci mi ha fatto venire la pelle d’oca. Controllare Twitter e vedere il mio salvataggio – che non ricordavo nemmeno dopo la partita – è stato da brividi. Rivedendo il nostro cammino, sono così orgoglioso dell’intera squadra, e siamo sicuri di poter dare ancora di più, non stiamo ancora dando il meglio!

Articolo originale in inglese qui.

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.