Intervista ai G2 Esports: GarrettG ad un passo dal team, Chicago la sorpresa!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Prosegue la nostra rubrica sulle interviste, portando per voi quella fatta ai G2 Esports in occasione del trasferimento di Kronovi e dei risultati al WSOE4. Qui potete trovare l’intervista originale, in inglese.

All’indomani delle RLCS S6 ci sono stati molti trasferimenti, ma probabilmente nessuno è stato così sorprendente come vedere il veterano dei G2 Kronovi, the Mountain, uno dei giocatori più esperti nella storia del gioco, essere rimpiazzato.

Mentre Kronovi passa ai Rogue, i G2 hanno acquistato le prestazioni della stella nascente degli Evil Geniuses, Reed “Chicago” Wilen. Il diciassettenne ha giocato con più squadre negli ultimi anni, riuscendo a farsi un nome ed essere notato dai top team. Abbiamo parlato con il team composto da Rizzo, JKnaps ed appunto Chicago, oltre al team manager Jahzo – per parlare del trasferimento del loro ex capitano.

Come noterete, non è facile ottenere informazioni da questi ragazzi, ma comunque, i G2 rivela un paio di interessanti novità. Ecco l’intervista completa!

L’annuncio ufficiale dei G2 per l’acquisto di Chicago.

Congratulazioni per il trasferimento: Chicago si unisce ai G2 e sostituirà Kronovi. Per essere onesti: scommetto che per la community è stato un vero shock vedere questo cambiamento. Quando avete deciso che ci doveva essere un cambio di ruolo e in che misura è stata una conseguenza diretta della vostra performance alle RLCS S6?

Jahzo: L’intero team è arrivato a questa conclusione dopo lunghe chiacchierate su cosa stava andando storto ai vari eventi LAN. Abbiamo provato a cambiare le cose in termini di stile in passato, ma non era abbastanza. E’ stato dopo le nostre prestazioni deludenti a Las Vegas che le nostre discussioni sono arrivate al punto in cui ci troviamo ora.

JKnaps saluta e ringrazia Kronovi.

Chicago, sostituire qualcuno come Kronovi è un compito difficile. Quanto pensi di essere capace nel poter sostituire un player del genere?

Chicago: Penso che le aspettative che gravano sopra di me siano difficili da raggiungere e soddisfare, ma sono fiducioso che ci riuscirò. (Chicago, alla prima LAN, i WSOE4, ha subito ben figurato all’interno del team e competizione, risultando in ottima forma).

Negli ultimi anni hai scalato posizioni e ti sei fatto un nome. Dopo aver fatto parte del primo sfortunato tentativo dei Dignitas di qualificarsi alle RLCS, ti sei tesserato sotto gli Evil Geniuses da cui ti sei ora trasferito ai G2. Hai giocato con così tanti compagni di squadra diversi, dove ed in che modo Rizzo e Jknaps si distinguono dagli altri?

Chicago: Rizzo e JKnaps sono stati al vertice per così tanto tempo. Sono i player che ho seguito sin dall’inizio, ed ora fa uno strano effetto essere accanto a loro.

I G2 hanno ben figurato nell’ultima uscita, battendo i Dignitas al WSOE4

JKnaps, qual è il più grande punto di forza di Chicago in questa squadra e quando siete stati certi che fosse il ragazzo con cui fare squadra?

JKnaps: la rotazione di Chicago è probabilmente la ragione per cui ci sentiamo così bravi come squadra in questo momento, e ci siamo resi conto che volevamo giocare con lui quando abbiamo avuto la sensazione di come stavano andando le scrim prima della firma. (Nota di Jahzo: Avevamo il permesso degli EG di fare scrim con Chicago qualche giorno prima di comprarlo.)

Rizzo, c’erano altri candidati che avete provato prima di trovare Chicago?

Rizzo: Abbiamo provato GarrettG prima di trovare Chicago, ma non è andata benissimo.

Le vostre prime uscite come team sono state molto promettenti. Dopo la qualificazione, siete arrivati quarti ai WSOE4. Ci sono ancora alcune aree in cui sentite il bisogno di migliorare o di abituarvi allo stile di gioco dell’altro?

JKnaps: Sento che spesso facciamo ancora troppi double commit, quindi penso che lavoreremo di più su questo nei giorni a venire.

Il roster ufficiale dei G2, sempre in occasione del WSOE4

Seguite le avventure dei G2 tramite il loro profilo Twitter ufficiale, per non perdere alcun annuncio relativo al team americano!

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.