Il ballchasing in Rocket League: la guida di Yukeo

Il ballchasing in Rocket League: la guida di Yukeo

Profilo di Disfact
 WhatsApp

Ballchasing è un termine comunemente diffuso nella comunità di Rocket League. Molti giocatori sono etichettati come “Ballchaser” durante le partite classificate e casuali, ma il termine potrebbe essere frainteso da alcuni.

Per definire il ballchasing e per spiegare come potrebbe influenzare lo stile di gioco di un player, oltre a influire sulla squadra nel suo insieme, abbiamo parlato con il giocatore dei Dignitas Maurice “Yukeo” Weihs per una spiegazione e un’ulteriore comprensione dell’argomento.

DEFINIZIONE DI BALLCHASING

I giocatori nuovi al gioco, tuttavia, potrebbero non comprendere appieno il concetto di ballchasing e come questo possa avere un impatto negativo sul modo in cui tu e il tuo team giocate. Quando è stato chiesto di definire il termine “Ballchasing”, Yukeo ha dichiarato: “Quando qualcuno si concentra sulla palla e inizia a uscire dalla posizione e rotazione delle squadre solo per raggiungere la palla il più velocemente possibile, senza nemmeno pensare al risultato o agli altri“.

Fondamentalmente, il ballchasing si riduce semplicemente ad andare costantemente verso la palla ed essere così concentrato nel colpirla che i tuoi compagni di squadra possono diventare confusi e iniziare a posizionarsi in modo inefficiente. Nei primi rank, in particolare, il ballchasing può essere un problema, in quanto ciò può portare all’egoismo e forse anche alla tossicità dei compagni di squadra che si sentono frustrati da ciò che facciamo.

Alla domanda su come un nuovo giocatore possa capire quando sta effettuando il ballchasing , Yukeo ha risposto: “Quando tagliano davanti ai loro compagni di squadra, tolgono la palla e si concentrano solo su essa“, e continua “Penso che guardare un replay dal punto di vista di altri player sia il modo più semplice per capire quando stai sbagliando“.

CAPIRE COSA FARE E QUANDO FARLO

Capire come posizionarsi in modo efficace, dove i tuoi compagni di squadra sono posizionati e sapere quando avanzare in una partita (o quando no), tutto si riduce alla pratica nelle partite online. Semplicemente giocando puoi capire e apprezzare come tu ed i tuoi compagni di squadra avete bisogno di lavorare insieme per avere successo, e il fatto che l’egoismo può portare alla distruzione di un team.

Per un po’ più di aiuto su questo argomento, abbiamo chiesto come un giocatore possa capire quando avanzare o ritirarsi. Yukeo ha risposto: “Tutto viene dall’esperienza, ma ascoltando il suono e l’audio del gioco può aiutare la maggior parte del tempo“.

Molti giocatori sottovalutano l’efficacia dei suoni in-game. Tuttavia, alzare il volume principale non è mai una cattiva idea, assicurati di ascoltare attentamente, se non stai guardando, il suono di una macchina vicina, ad esempio. Puoi anche semplicemente ascoltare l’audio del motore e, grazie alle opzioni di personalizzazione offerte dal gioco per l’audio, alcuni suoni sono molto più chiari di altri.

L’audio in-game ti aiuta non solo per capire il posizionamento dei tuoi compagni di squadra in campo, ma può anche aiutarti a capire dove si trova la squadra nemica. Se non riesci a vedere oltre la parte superiore della palla mantenendo il possesso su di essa con un controllo, ad esempio, puoi usare segnali audio come salti, boost o solo suoni generici del motore per sentire quando un avversario si avvicina. L’audio non è fondamentale nel gioco, ma può sicuramente offrirti un vantaggio ed aiuto.

Per ulteriori informazioni, ho chiesto come un giocatore può capire di dover lasciare la palla scorrere invece che colpirla, e Yukeo ha affermato “Ogniqualvolta il tuo compagno di squadra sta coprendo la rete e può prendere il controllo più facilmente.

DOUBLE COMMITTING E OVERCOMMITTING

Alcuni dei principali svantaggi del ballchasing sono i double committing ed overcommitting. E’ un errore frequentemente commesso nei ranghi bassi e dovrebbe essere evitato al fine di mantenere una rotazione fluida e conservare una posizione solida sul campo.

Yukeo ha dichiarato: “I double e triple committing, in partite di alto livello, portano quasi sempre al goal avversario“. Mettono il tuo terzo compagno in uno scenario uno contro tre. Se tu e un compagno di squadra avete entrambi colpito la palla allo stesso tempo, può essere molto pericoloso. In uno scenario uno vs tre, la squadra avversaria con tutti e tre i giocatori ha maggiori probabilità di trarre vantaggio.

L’overcommitting è leggermente diverso, perché significa avanzare troppo senza considerare altre opzioni. Questa è una forma comune di ballchasing. Riguardo questa situazione, per capire quando un giocatore sta commettendo questo errore, Yukeo ha detto: “Ogni volta che tu e il tuo compagno di squadra siete troppo vicini l’uno all’altro mentre siete nella metà degli avversari, stai sbagliando. Gli avversari potrebbero spazzare la palla in qualsiasi momento, e tu essere troppo lontano per intervenire.”

L’overcommitting, quindi, non riguarda sempre il singolo. In realtà, possono essere due giocatori o, nel caso peggiore, tutti e tre. Se più giocatori o solo un giocatore stanno spingendo troppo in campo, questo dà all’altra squadra una maggiore possibilità di segnare se riesce a spazzare la palla dalla propria area, come ha dichiarato Yukeo in precedenza.

IN CONCLUSIONE

Il ballchasing, quindi, è un aspetto che caratterizza molti player e che può determinare la differenza tra rank. Quando è stato chiesto un riepilogo dei principali svantaggi del ballchasing, Yukeo ha risposto:

  • Si può regalare il possesso troppo facilmente“;
  • Si possono fare contrasti rischiosi“;
  • Si può uscire dal gioco e dalla rotazione“.

La costanza in Rocket League gioca un ruolo fondamentale nella tua crescita come giocatore e serve tanta pratica e tempo dedicato al gioco, comprese le partite online. Come suggerito in precedenza da Yukeo, salvare i tuoi replay e rivederli dopo una partita può aiutarti a capire dove sbagli. Non limitarti a guardare dal tuo punto di vista, ma guarda anche dal punto di vista dei tuoi compagni di squadra o di un avversario.

Ovviamente, la tossicità nel gioco è inevitabile e potresti sentirti frustrato da un compagno di squadra per il ballchasing. Tuttavia, se questo è il caso, ed un compagno di squadra sta andando costantemente verso la palla, Yukeo dice che “Devi solo pensare a come puoi aiutarlo di più. Cerca di giocare in modo intelligente e cerca di entrare nella mente del tuo compagno di squadra in modo che tu possa aiutarlo. Devi imparare a capire i tuoi compagni di squadra, ognuno ha uno stile tutto suo.

Articolo originale in inglese qui.

Rainbow Six Siege e Rocket League festeggiano i nuovi campioni italiani

Rainbow Six Siege e Rocket League festeggiano i nuovi campioni italiani

Profilo di Stak
 WhatsApp

I MKERS E GLI EXEED SONO CAMPIONI ITALIANI DEI DUE TORNEI FIRMATI PG ESPORTS – PG Esports ha regalato agli appassionati una giornata scoppiettante, mettendo in scena uno spettacolo senza precedenti dedicato a tutti i fan del gaming competitivo più emozionante.

Quella appena trascorsa è stata una domenica di esport all’ennesima potenza, che ha visto protagonisti alcuni dei migliori team del panorama competitivo nazionale, con due squadre che si sono messe in particolare evidenza.

Mkers, infatti, hanno trionfato nel PG Nationals di Rainbow Six Siege, mentre gli Exeed si sono portati a casa la coppa dell’Italian Rocket Championship sponsored by Air Action Vigorsol. Si può proprio dire che, anche questa volta, i fan abbiano avuto pane per i loro denti, tra scontri all’ultima kill, tattiche di squadra studiate al millimetro, acrobazie e gol d’autore.

A mettersi particolarmente in mostra sullo sparatutto tattico di casa Ubisoft, è stato l’MVP della competizione Lollo, che ha trascinato i suoi Mkers fino alla tanto agognata finale contro i Macko, finita con un secco 3 -1.

Non si può certo dire si sia trattata di una sfida senza colpi di scena, tra giocate di altissimo livello e un risultato davvero in bilico fino all’ultimo, espressione di uno scontro come se ne vedono pochi nel panorama competitivo italiano e non solo.

La corsa degli Exeed su Rocket League

Di certo, non sono stati da meno i match dei playoff che hanno visto impegnati i migliori giocatori di Rocket League, dai quali sono scaturiti i due, agguerritissimi, team finalisti. A dare spettacolo nella sfida clou del torneo sono stati i NoFear Gaming e gli Exeed, che si sono dati battaglia tra una sportellata e l’altra per il titolo nazionale.

A spuntarla sono stati proprio gli Exeed, che sono riusciti a imporsi sugli avversari per 4 a 2 dopo aver dato vita a una finale davvero degna di questo nome, anche grazie a un pubblico appassionato e carico come non mai, che ha fatto sentire da casa tutto il calore di cui avevano bisogno ai player coinvolti.

Tra i giocatori, quelli che sono riusciti spiccare di più sono stati Sorius, degli Exeed, e Davoof, dei NoFear Gaming, eletti a furor di popolo come migliori player delle finali, mentre a livello di team, la vera sorpresa sono stati i Webidoo Gaming.

Alla loro prima partecipazione, infatti, sono riusciti ad arrivare a un passo dalla finale, perdendo l’ultima fase del Winner Bracket per 2 a 3, sfiorando di un soffio il sogno di competere fino in fondo per il titolo nazionale.

Anche questa volta PG Esports ha alzato l’asticella dello spettacolo, sia in termini di produzione che di show, portando agli appassionati italiani una sintesi del meglio che la scena competitiva ha da offrire, con ben due main event in un solo giorno.

Tutto ciò anche grazie a partner dell’importanza di Air Action Vigorsol e Intel, rispettivamente Presenting Partner e Main Sponsor dell’Italian Rocket Championship, e di Predator Gaming, Main Sponsor del PG Nationals di Rainbow Six Siege.

Attraverso la collaborazione con aziende di questo calibro, infatti, PG Esports è in grado di organizzare tornei coinvolgenti e sempre più di successo, ponendosi come punto di riferimento nel settore del gaming competitivo a livello nazionale.

Rainbow Six Siege e Rocket League: le finali dei rispettivi campionati italiani si terranno il 17 luglio

Rainbow Six Siege e Rocket League: le finali dei rispettivi campionati italiani si terranno il 17 luglio

Profilo di Rios
 WhatsApp

Un concentrato di pura adrenalina attende tutti gli appassionati di Rainbow Six Siege e di Rocket League per una domenica, quella del 17 luglio, che si preannuncia come un appuntamento davvero senza precedenti. Saranno ben due le finali a essere disputate lo stesso giorno, quella del PG Nationals di Rainbow Six Siege e quella dell’Italian Rocket Championship Air Action Vigorsol, ovviamente in diretta Twitch sui canali ufficiali Rainbow6IT e ItalianRocketChampionship.  

Nello specifico, i fan del frenetico titolo firmato Psyonix potranno godersi, a partire dalle 15:00, i Playoff, che vedranno impegnati i team che si sono messi maggiormente in mostra nel corso del torneo, ovvero i capilista Exeed, No Fear Gaming, Webidoo Gaming e Esports Empire.

Durante questa fase, i primi classificati si scontreranno contro i quarti, mentre i secondi sfideranno i terzi, andando a decretare la composizione del Winner e del Loser Bracket in base al punteggio ottenuto.

Le finali italiane di Rainbow Six Siege e Rocket League

Al termine dei Playoff avrà inizio il vero spettacolo della finale, che vedrà fronteggiarsi le due squadre che hanno trionfato nella fase precedente in un’incredibile serie di partite al meglio delle 7. Riusciranno gli Exeed a mantener fede al percorso vincente intrapreso finora e a laurearsi campioni dell’Italian Rocket Championship Air Action Vigorsol, o dovranno piegarsi alla fame di vittoria degli avversari?

A infiammare la giornata, però, non saranno solo i ruggenti motori dei bolidi di Rocket League. Ci sarà anche la strategia e le abilità messe in campo dagli operatori di Rainbow Six Siege, lo sparatutto tattico firmato Ubisoft, ormai punto di riferimento per i fan del genere.

Verranno infatti disputate le finali del PG Nationals di Rainbow Six Siege, che vedranno impegnati i migliori team italiani in una serie di scontri che si preannunciano adrenalinici e ricchi di sorprese, tra tattiche di squadra studiate al millimetro e kill all’ultimo secondo.

La resa dei conti arriva dopo tre mesi filati di puro spettacolo. Durante i quali non sono certo mancate partite mozzafiato che hanno tenuto gli spettatori incollati alla sedia in diverse occasioni. Il team campione avrà la possibilità di rappresentare l’Italia all’esclusiva Challenger League Europea. Questo darà una chance unica per affrontare i migliori player di tutto il continente. 

Insomma, si può proprio dire che PG Esports, ancora una volta, abbia fatto le cose in grande. Ed ha portato all’appassionato pubblico italiano una sintesi del meglio che la scena competitiva ha da offrire, con ben due main event in un solo giorno.

I partner

Tutto ciò anche grazie a partner dell’importanza di Air Action Vigorsol e Intel. Rispettivamente Presenting Partner e Main Sponsor dell’Italian Rocket Championship. Ma anche di Predator Gaming, Main Sponsor del PG Nationals di Rainbow Six Siege. Attraverso la collaborazione con aziende di questo calibro, infatti, PG Esports è in grado di organizzare tornei coinvolgenti e sempre più di successo. Ponendosi come punto di riferimento nel settore del gaming competitivo a livello nazionale.  

Game Arena: AKIDragon e Lega Esport pronti per l’inaugurazione del nuovo polo di Trieste!

Game Arena: AKIDragon e Lega Esport pronti per l’inaugurazione del nuovo polo di Trieste!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Le stelle del game web italiano illuminano la nuova Game Arena di Akidragon: streamer, youtuber e cosplayer pronti all’inaugurazione di Trieste!

L’innovativa tecnologia E-Blue si combina con la visione rivoluzionaria di Akidragon per segnare una nuova frontiera nel mondo del gameplay italiano. Il 23 e 24 aprile la partnership tra questi due brand si legherà alla città di Trieste, con l’inaugurazione della prima Game Arena nel capoluogo friulano Trieste,

Due giorni senza stop, la partecipazione di 18 tra i più importanti streamer, youtuber, gamer e cosplayer del panorama nazionale e tanto spettacolo. Sabato 23 aprile si alzerà il sipario sulla nuova Game Arena di Akidragon, allestita presso il centro commerciale “Il Giulia” di Trieste, grazie al prezioso lavoro svolto dall’azienda Madison Mark.

La nuova struttura – tra le più avanguardia in Italia – offrirà ai videogiocatori un’esperienza fuori dal comune. Questo grazie all’utilizzo di 30 postazioni PC PRO, 4 simulatori Teleios e 4 simulatori KATWALK, fondamentali per rendere ancora più immersive le sessioni di gioco sia per gli ospiti che per il pubblico partecipante.

IL PROGRAMMA

Si parte sabato 23 aprile alle 15 con “La Tana del Goblin”, uno stand completamente dedicato ai giochi da tavolo.

Alle 16 sarà la volta di “Gioca con il tuo Streamer”, spazio interattivo che permetterà ai fan di interagire e sfidare i loro beniamini. Freneh (380 mila follower su Twitch), Lele Giaccari (1.9 milioni di follower su TikTok) e Cousik (36 mila follower su Twitch) giocheranno a vari MiniGames con tre partecipanti estratti dal pubblico.

Supergashbell (831 mila follower su YouTube e 71 mila su Instagram) scenderà nella pista virtuale di F1 2021 in una sfida che coinvolgerà fino a 32 partecipanti. David Rubino (116 mila follower su TikTok e 222 mila su Twitch) e Mr.Flame prenderanno parte a un Torneo 1v1 di FIFA22, insieme ad altri 6 giocatori.

Chiudono la fila Xiuder (814 mila follower su Twitch e 316 mila su TikTok) e Chrinjottv (27 mila follower su Twitch) che si lanceranno in una battle royal Squad su Fortnite con altri 14 giocatori. Il sabato si chiuderà a notte inoltrata, con tutti gli 8 streamer impegnati in una sessione finale di F1 2021.

Cosplayer alla Game Arena

Dalle 14 alle 17 di domenica, la Game Arena sarà colorata dagli sgargianti travestimenti dei migliori cosplayer italiani, che saranno disponibili per foto e autografi con i fan:

  • Elizabeth Rage (390 mila follower su Instagram)
  • Leon Chiro (350 mila follower su Instagram)
  • Ambra Pazzani (180 mila follower su Instagram)
  • Seshiria Sandy (10 mila follower su Instagram)

Saranno raffigurati in un graffito a tema “League of Legends” dal writer di fama internazionale Nauni99 e saranno presenti all’evento con i costumi di scena con i quali verranno impressi dall’artista.

IL GAMING

Il gaming sarà protagonista della giornata sia con i tornei di Magic, organizzati da Ticket To Play Mestre a partire dalla mattina, che con le finali del torneo di Rocket League, trasmesse anche sul canale Twitch di un giocatore dal valore assoluto come Lauridis (100mila follower).

Queste competizioni, saranno targate LEGA ESPORT, SSD che fornisce servizi di consulenza in ambito Esport, la cui missione è proprio quella di promuovere il settore dei videogiochi competitivi.

Il Presidente di Lega Esport, Maurizio Ragno, ai nostri microfoni ha affermato: “Come presidente di Lega Esport, credo fermamente che la promozione della nostra passione necessiti anche di Arene Esport sul territorio. Il progetto Aki Dragon, si basa proprio su questo, sul creare dei punti di ritrovo per gli appassionati dove vivere la migliore esperienza Esport possibile, per questo come Lega Esport, siamo molto felici di fornire il nostro supporto alla loro associazione e alla loro realtà”.

Durante l’evento, ci sarà anche modo di sfidare i limiti umani e battere record mondiali. Andrea Barone, in arte BeronZ (6.5 mila follower su Twitch), tenterà di stabilire il Guinness World Record per la più lunga sessione di freestyle mai realizzata, puntando ad arrivare a 38 ore consecutive di live.

La ricerca del record potrà essere seguita anche dai fan più temerari, i quali potranno incitare il freestyler in prima persona, presso la sala streaming della Game Arena. Partner tecnico del progetto è Elettrofox Computer, azienda di longevità ultratrentennale nell’assistenza informatica e nello sviluppo di postazioni gaming d’elite.

A supportare l’iniziativa figurano anche l’azienda Virtual Play, produttori di simulatori di realtà virtuale, e Salvatore Papa, founder di SPstudios, imprenditore ed esperto di finanza agevolata. Grazie agli sforzi congiunti di Gold Fox Gaming e E-Blue Gaming, l’Akidragon Game Arena di Trieste punta a diventare un punto di riferimento nel panorama degli esports italiani.