recap rlcs prima giornata giornata 1

Al via l’RLCS: Analisi e Risultati della prima giornata

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Articolo a cura di Francesco Pitò

Conferme, delusioni, rivalità ma soprattutto tanto spettacolo: l’ottava stagione dell’RLCS ha lasciato i blocchi di partenza lo scorso weekend e con i primi dieci match inizia ufficialmente la marcia verso Madrid. Le finali, che si terranno dal 13 al 15 Dicembre al Palacio de Vistalegre vedranno competere i migliori 12 team al mondo per il titolo di Campioni del Mondo . La posta in palio è altissima come ogni stagione, ed in questo articolo di approfondimento verranno prese in esame le partite che hanno animato la prima giornata del campionato più atteso dai fan di Rocket League. Immagini, video e analisi dettagliate andranno a completare una breve descrizione di ciò che abbiamo visto nelle due serate, in modo da avere un quadro chiaro di ciò che le squadre stanno mettendo in atto per cercare di aggiudicarsi il titolo.

Cliccando sulle singole partite, potrete rivedere il match dal suo inizio!

NORD AMERICA

Ghost 3-1 Pittsburgh Knights

Ad aprire le danze nella serata di sabato una partita con due roster tutti da scoprire. Il trio incaricato di riportare in alto il nome dei Ghost manca di uno dei suoi giocatori più esperti: Lethamyr ha infatti deciso di dedicarsi al coaching (ottenendo da subito una possibilità con i Mousesports) lasciando un posto adesso occupato da Atomic, il giovane talento americano già presentato al Dreamhack di Montreal. Quella stessa competizione è stata poi vinta dai The Peeps (acquisiti pochi giorni fa dai Pittsburgh Knights), anch’essi esordienti nella serie maggiore.
Una partita per la maggior parte composta da rookies quindi, ma non per questo poco interessante. Atomic dimostra di non sentire troppo la pressione del momento, riuscendo a sbloccare l’attacco dei Ghost tenendo la pressione alta anche dopo qualche sbavatura e presentandosi subito dopo in difesa con una freddezza per nulla scontata trattandosi di un giocatore alla sua prima esperienza in RLCS. I Knights, nonostante l’entusiasmo scaturito dal successo in terra canadese, accusano pesantemente gli affondi del tagliente attacco bianconero e sono costretti a concedere il match d’esordio.
L’ALTA PRESSIONE DEI GHOST

L’OTTIMA DIFESA

Birds 1-3 G2 Esports

Il secondo team a fare la sua prima apparizione nella lega ha subito davanti a sé uno dei mostri sacri della scena. La prima partita dei G2 coincide con il debutto di uno dei due team promossi dalle Rival Series (la “Serie B” dell’RLCS), ma ovviamente la pietà non trova spazio sul rettangolo verde quando si tratta di competere.
Un inizio promettente per i nuovi arrivati non basta a fermare la furia del roster uscito dal Prudential Center di Newark con la medaglia d’argento al collo. I runner-up della Season 7 si riconfermano parte dei “big 3” americani con una partita molto ordinata ed un Chicago in grado di essere letteralmente ovunque sul campo. La sua prestazione gli vale l’MVP della prima giornata, e giocate come questo taglio su Hockser mostrano l’efficienza offensiva del team.
Se lasci un boost in giro per il campo ai G2, sarà meglio che inizi a guardarti attorno.

Rogue 0–3 Pittsburgh Knights

I Pittsburgh Knights (rinominati simpaticamente anche Peepsburgh Knights, in virtù del loro recente passato) hanno una possibilità per rifarsi nel corso della prima giornata, ma adesso l’avversario è persino più temibile del primo. I Rogue, guidati dall’esperto Kronovi, devono confermarsi come uno dei team più sorprendenti del campionato, ed a seguito di una offseason deludente l’obiettivo è rifarsi fin dalla prima partita.
I Knights, tuttavia, hanno altri piani. Un’aggressività asfissiante ed un controllo del campo da top team garantiscono loro il primo clean sweep della nuova stagione. In occasione del primo gol nel game 2 Wonder deve addirittura evitare sia Retals che Gyro, incaricati di fare spazio per Mist che grazie a questa pressione potrà appoggiare tranquillamente nel sacco.
recap rlcs prima giornata giornata 1
In definitiva, giocare con uno stile che punta a minare le linee nemiche in fase di attacco può funzionare ma solo se riesci ad assicurarti abbastanza boost per farlo. E i Knights sanno come soffocare anche il più reattivo degli avversari.
IL GOAL DI MIST

 

Ghost 0-3 Cloud9

Il team uscito vincitore dalla partita inaugurale della season 8 deve fare i conti anche con il roster più longevo sulla scena competitiva di Rocket League: Squishy, Gimmick e Torment. Molteplici major in bacheca, una RLCS conquistata appena un anno fa ed una capacità meccanica decisamente sopra la media.
Il tridente vestito d’azzurro si fa rispettare fin dai primi minuti e si impone in tutti e 3 i game della serie, trovando soluzioni creative contro il muro difensivo dei Ghost. Il risultato rende comunque poca giustizia ad un team che ha dimostrato di sapersi giocare le sue carte: l’organizzazione tattica di Atomic e soci comprende una strenua ricerca di spazio per i compagni ed il sacrificio della giocata solitaria in favore dell’azione collettiva. Non bastano però velocità di esecuzione, passaggi a scavalcare la difesa ed una rotazione equilibrata a contenere gli ex campioni del mondo, che salutano il primo appuntamento col bottino pieno.
L’ORGANIZZAZIONE DEI GHOST

 

LA RICERCA DEL GIOCO DI SQUADRA

 

NRG 3-1 Spacestation Gaming

La prima giornata di RLCS americana viene chiusa dalla prima partita stagionale degli NRG, che si presentano con Turbopolsa nel roster titolare. I campioni del Rocket League Summit (tenutosi sul finire dell’estate a Los Angeles) si sono resi protagonisti del secondo trasferimento interregionale nella storia di Rocket League, portando lo svedese tre volte campione del mondo a completare la formazione al fianco di Jstn e Garrettg.
Il Superteam statunitense non delude e incassa la prima vittoria, ma deve fare i conti con degli Spacestation in grado di metterlo in difficoltà a più riprese. Un Sypical sottotono rispetto a quello che ci ha abituati a vedere punta fortemente sui challenge offensivi ed in particolare uno di questi risulterà decisivo: nel corso del game 1, riesce a forzare un rimpallo  verso il compagno che prontamente lo serve per il gol che accorcia le distanze. Il pluricampione europeo può fare poco, e tentando di spostare il gioco sulla destra finisce per favorire l’azione dell’avversario.
recap rlcs prima giornata giornata 1
La partita del team alla sua seconda stagione consecutiva in RLCS vive anche di altri momenti brillanti, come l’assist di AxB per Arsenal nel game 2.
In questo caso a fare le spese della strategia offensiva targata Spacestation è GarrettG, attirato fuori dalla porta dal canadese che minaccia un tiro.
recap rlcs prima giornata giornata 1
Quest’ultimo si servirà invece del muro per passare la sfera al compagno che trova davanti a sé una porta ormai sguarnita. Saranno forse il team con più difficoltà fra gli otto titani d’oltreoceano, ma apportando qualche miglioramento potrebbero diventare seriamente competitivi.

CLASSIFICA

recap rlcs prima giornata giornata 1 classifica

EUROPA

Complexity 1-3 Veloce Esports

Passiamo alla regione europea, aperta dal match fra le due squadre appena promosse in RLCS. Per la verità si tratta di due esordienti atipiche: nei Complexity, fatta eccezione per Flakes, i due giocatori nello starting roster sono due veterani assoluti. I Veloce sono invece tutte vecchie conoscenze della “serie A” di Rocket League, ma la curiosità a proposito di questa squadra è data dalle circostanze della loro qualificazione: a seguito di problemi interni, i Triple Trouble (uno dei roster più sorprendenti del campionato) hanno dovuto abbandonare lo spot nella massima serie facendo subentrare al loro posto i Veloce Esports, che la scorsa stagione avevano mancato la qualificazione per un soffio.
Durante il corso della partita a stupire sono proprio questi ultimi, dal momento che il loro equilibrio sul terreno di gioco permette una maggiore elasticità in fase di rotazione. La creatività offensiva di Flakes deve fare i conti con un Kassio in grado di reggere la difesa anche in situazioni di uno contro tre, mentre dall’altra parte l’abilità meccanica di Flame e la precisione di Freakii trovano poca resistenza.

FC Barcelona 2–3 Team Reciprocity

A seguire forse uno dei matchup più interessanti della prima giornata, ovvero la partita tra il team più enigmatico sulla scena attuale ed uno fra i più solidi, che nonostante i dubbi ricorrenti riesce sempre a spuntarla. Il trio composto da Bluey, Deevo e Ronaky riesce a strappare due game per un pelo ma crollerà sotto i colpi dei Reciprocity vittoriosi in rimonta. La corazzata blaugrana vista la scorsa stagione è adesso messa a dura prova dalla mancanza del fuoriclasse Alpha54, ora ai TSM: se prima era affidato a lui il ruolo di striker del team, adesso è Deevo a farne le veci godendo dello spazio creato dai compagni.
Un’azione emblematica di questo nuovo corso della compagine catalana si verifica durante il secondo game della serie, quando sia Bluey che Ronaky  mettono nel mirino Ferra: l’incolpevole portiere francese viene completamente rimosso dalla difesa, permettendo a Deevo di segnare il gol più facile di sempre.
I Reciprocity hanno però la risposta pronta alla fisicità del Barcelona, e nel game immediatamente successivo Chausette si lancia alla caccia di Ronaky sapendo che Fruity sta per essere spinto in porta da uno spietato Bluey: quel secondo in più perso dal giocatore Danese che si vede arrivare l’avversario a tagliare la strada salverà il risultato per la squadra in arancio e darà il via al comeback.

 

Dignitas 2-3 Veloce Esports

Con la terza partita prende il via anche la stagione dei Dignitas, e le prime difficoltà non tardano a farsi vedere. Il nuovo roster fatica ancora a muoversi tra attacco e difesa, anche grazie all’imprevedibilità di questo nuovo avversario.
L’azione simbolo di questo contrasto fra le due squadre si presenta durante il primissimo game: i Dignitas sono schiacciati nella loro area e finalmente sembrano aver trovato il modo di uscire, quando un attentissimo Kassio decide di chiamare la palla per sé facendo rientrare Flame per costringere ViolentPanda ad un challenge rischioso.
Il risultato? Panda e compagni si ritrovano con una palla lentissima e difficile da gestire, e l’azione che ne consegue è talmente confusionaria da mandare immediatamente in gol la nuova squadra dell’RLCS. Giocate come questa valgono all’ex Triple Trouble l’MVP di giornata per la sezione europea e una riconferma tra le promesse della scena competitiva.

 

CompLexity 1-3 Vitality

Finalmente anche per i campioni del mondo in carica è giunta l’ora di cominciare a percorrere la tortuosa strada del League Play. Dopo un offseason leggermente sotto le aspettative, il cammino dei Vitality verso Madrid inizia con una vittoria convincente. La difesa del team guidato da Kaydop è spesso incredibilmente passiva e questo gli costa qualcosa.
Il gol vittoria di Flakes nel game 2 ne è un chiaro esempio, con il giocatore olandese che si trova a tirare al volo mentre i tre avversari sono completamente tagliati fuori e confinati nelle zone del campo più periferiche alla ricerca di boost.
Il positioning tuttavia è (quasi sempre) talmente perfetto da negare la maggior parte delle opzioni ai propri avversari. I Complexity dal canto loro sono pericolosi in più di un’occasione, ma sembrano ancora essere un libro aperto per la controparte. Va sottolineata la performance maiuscola di un Flakes sempre più maturo che coglie fin dalla prima giornata l’opportunità di giocare in RLCS e cerca in tutti i modi di spingere avanti il suo team, il quale dovrà però fare i conti con la pericolosa armata giallonera.

TSM 3-2 Mousesports

A chiudere definitivamente il discorso per la prima settimana c’è il match tra due team che hanno avuto più di qualche difficoltà nell’offseason. I TSM sono tra i due quelli che hanno sofferto di più, mentre i Mouz possono vantare almeno qualche top 8 nei vari Dreamhacks e una performance in LAN molto convincente.
Questi ultimi partono alla grandissima ma dal terzo game in poi subiscono l’ennesima rimonta della loro breve storia, il che fa pensare più ad un fattore psicologico che di gameplay. Una delle cause potrebbe essere l’eccesso di sicurezza, come testimonia questa corsa al boost in tutta la parte sinistra del campo che lascia Kuxir nelle grinfie dell’attacco nordeuropeo.
Il giocatore italiano riuscirà poi a difendersi, ma il prezzo pagato per questo tipo di movimenti è spesso alto ed i Mousesports sulla lunga distanza concederanno il match agli avversari vestiti di bianco e nero. Se durante questi mesi poteva venire qualche dubbio che i TSM fossero decisamente troppo Alpha-dipendenti, la prima giornata europea di RLCS conferma questa impressione in modo molto marcato. La precisione e l’imprevedibilità del gioiello francese illuminano il campo aprendo una serie di possibilità ad una squadra che in passato ha sofferto molto di inefficienza realizzativa, ma spesso e volentieri sono l’unico vero motore della squadra.

CLASSIFICA

recap rlcs prima giornata giornata 1 classifica

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI ROCKET LEAGUE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.