six invitational

Salta il Six Invitational 2021: ricomincia l’incubo degli eventi live

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La situazione internazionale degli esports piomba nuovamente nel tunnel legato alla pandemia che ha fatto saltare tutti i piani e gli eventi live dello scorso anno, con la prima importante “defezione” che giunge a pochi giorni dall’inizio del Six Invitational 2021.

Uno degli eventi più importanti dell’intera scena internazionale degli esport deve purtroppo rimandare “a data da destinarsi” la sua manifestazione live, con grandissima delusione da parte di tutti i fan. Il Six Invitational è infatti un torneo ufficiale organizzato da Ubisoft in cui vengono invitati solamente i team più forti del mondo del celebre titolo sparatutto R6S.

Tra le partecipanti di questa edizione, che si sarebbe dovuta tenere in Francia all’inizio della prossima settimana, avrebbero dovuto presenziare, per la prima volta nella storia per un team italiano, anche i fortissimi MKERS, che dovranno a questo punto attendere la decisione di una nuova data per riprendere la preparazione all’evento.

La sofferta decisione, neanche a dirlo, è stata presa a seguito dell’aggravarsi della pandemia di Covid in Francia, con le autorità dello stato transalpino che hanno dovuto obbligare la chiusura e la sospensione di tutti gli eventi presenti e futuri al fine di contenere il dilagare della malattia.

Macko sconfigge i MKERS: sono loro i campioni d’Italia di R6S!

Ecco il comunicato stampa che ci ha mandato direttamente Ubisoft sulla questione:

Un messaggio dai team esport di Ubisoft di tutto il mondo

Il 29 gennaio, il Primo Ministro francese ha annunciato che le frontiere francesi sarebbero state chiuse a tutti i viaggiatori extra-UE.

A seguito di questo annuncio, Ubisoft, insieme al nostro partner Live Nation, ha lavorato instancabilmente per trovare una soluzione per poter organizzare l’edizione fisica del Six Invitational 2021 a Parigi, Francia, nel mese di febbraio come inizialmente previsto. Tuttavia, abbiamo ora appreso che gli eventi esport in LAN non sono più realizzabili nel contesto odierno, nonostante le rigorose misure sanitarie in vigore.

Di conseguenza, non abbiamo altra scelta se non rimandare il Six Invitational 2021 a una data da destinarsi. Anche se siamo ovviamente delusi che il Six Invitational non avrà luogo questo mese come previsto, ci stiamo ora impegnando a rivalutare la situazione e cercare possibili alternative; sappiamo che i fan non vedono l’ora sia di scoprire i cambiamenti imminenti previsti per Rainbow Six Siege, che della competizione stessa.

Stiamo ascoltando e lavorando con le organizzazioni per poter trovare le migliori soluzioni possibili. Presto avremo maggiori dettagli sul preciso impatto che questa decisione avrà sui roster e sulla Season 2021.

Per noi, il Six Invitational è un modo per celebrare la community Siege di tutto il mondo, e richiede match interregionali per essere una vera e propria competizione internazionale. Tutti noi abbiamo atteso con impazienza la sfida tra le regioni e la conclusione della corsa verso il Six Invitational, per il quale tutte le squadre professionistiche si sono impegnate a partire dal lancio della Season 2020 in tutte le regioni. Per via dell’ubicazione dei server, e per assicurare la massima integrità competitiva, una competizione del genere può solo avvenire radunando tutte le squadre partecipanti nello stesso luogo.

Anche se i nostri piani sono costantemente messi alla prova dall’evoluzione della pandemia, siamo tutti sulla stessa barca. Il nostro obiettivo principale è sempre lo stesso: offrire la miglior esperienza possibile sia alle nostre squadre professionistiche che alla nostra appassionata community per tutta la durata della season, garantendo la sicurezza di tutti.

Vi ringraziamo per il vostro supporto continuo, la vostra passione e la vostra comprensione. Stiamo lavorando duramente, e vi daremo maggiori informazioni il prima possibile. 

Non ci resta quindi che attendere, e sperare che Ubi possa trovare una soluzione quanto prima.

Il post su Twitter 

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701