Trevenant si aggiunge al roster di Pokémon Unite

Trevenant si aggiunge al roster di Pokémon Unite

Profilo di Rios
 WhatsApp

Trevenant, disponibile da ora, è pronto a maledire i nemici in Pokémon UNITE. Si tratta un Difensore a corto raggio pronto a farsi strada verso la vittoria utilizzando scudi spettrali e terrificanti maledizioni. Sarà Phantump a unirsi alla lotta per primo, per evolversi poi in Trevenant al L. 5.

Un personaggio davvero molto interessante, con un set di mosse tanto particolare quanto in linea con la natura che abbiamo conosciuto negli altri giochi Pokémon. Sicuramente potrà dire la sua nel meta attuale del gioco, ritagliandosi una nicchia di giocatori.

Ma andiamo a vedere il suo set di mosse da vicino, spiegando nel dettaglio il funzionamento di ogni singola abilità del Pokémon.

Trevenant arriva su Pokémon Unite

Passiva

Ogni terzo attacco base di Trevenant diventa un attacco potenziato, il quale infligge ulteriori danni ai Pokémon avversari colpiti e ripristina i PS del Pokémon quando va a segno. Inoltre, grazie all’abilità Alternacura, quando Trevenant rimane con pochi PS, per un po’ li recupera gradualmente.

Il recupero di Punti Salute riduce, contemporaneamente, il tempo di ricarica delle mosse. Tra un’attivazione e l’altra di questa abilità deve passare un po’ di tempo, intervallo che si riduce, però, ogni volta che il Pokémon manda a segno una mossa.

Dal livello 1 al 3

Al L. 1 e al L. 3, Phantump può imparare Fuocofatuo e Ramostoccata. Utilizzando Fuocofatuo, il Pokémon attacca verso la direzione indicata con fiamme spettrali che infliggono danni agli avversari colpiti, scottandoli per un po’. Grazie a Ramostoccata, invece, il Pokémon attacca con una stoccata nella direzione indicata, infliggendo danni agli avversari colpiti e riducendone per un po’ la velocità di movimento.

Dal livello 5 in poi

Quando Phantump raggiunge il L. 5 e si evolve in Trevenant, è possibile trasformare Fuocofatuo in una delle due mosse descritte qui di seguito. Utilizzando la prima delle due mosse, Mazzuolegno, Trevenant solleva le braccia e attacca infliggendo danni agli avversari che ha di fronte, attirandoli davanti a sé.

Se questa mossa infligge danni ad almeno un avversario, per un po’ viene sbloccato un secondo attacco: usandolo, il Pokémon attacca di fronte a sé con un enorme martello di legno, infliggendo danni agli avversari colpiti e rendendoli anche incapaci di agire per un po’.

Tuttavia, si consiglia di usare Mazzuolegno con moderazione, poiché ogni utilizzo di questa mossa consuma un certo numero di PS del Pokémon. Quando la mossa Mazzuolegno viene potenziata, se il secondo attacco va a segno, i danni inflitti dagli avversari colpiti vengono ridotti per un po’.

La seconda mossa che Trevenant può imparare è Maledizione, che permette al Pokémon di sacrificare un po’ dei propri PS per generare una zona maledetta. Quest’area infligge danni continui agli avversari all’interno del suo raggio d’azione, riducendone inoltre la velocità di movimento.

Meno PS rimangono a Trevenant, maggiore è la riduzione del movimento degli avversari. Mentre questa mossa è in uso, ogni volta che il Pokémon infligge o subisce danni, immagazzina energia maledetta. Sprigionandola, infligge ulteriori danni agli avversari nell’area d’effetto e, se l’energia è stata caricata al massimo, azzera il tempo di ricarica delle altre mosse di Trevenant. Quando Maledizione è potenziata, aumenta l’area d’effetto della mossa.

Il livello 7

Quando raggiunge il L. 7, Ramostoccata si può trasformare in una tra le due mosse analizzate in seguito. Utilizzando la prima di queste tecniche, Legnicorno, Trevenant si lancia alla carica di fronte a sé, infliggendo danni agli avversari colpiti e respingendoli mentre avanza, infliggendo loro ulteriori danni dopo averli lanciati in aria.

Se la carica va a segno, il Pokémon recupera PS in misura inversamente proporzionale ai PS rimasti. Dopo aver usato questa mossa, i successivi tre attacchi base del Pokémon infliggono danni aggiuntivi e riducono il tempo di ricarica di questa mossa ogni volta che vanno a segno. Se la mossa viene potenziata, dopo averla utilizzata la velocità di movimento aumenta per un po’.

L’altra mossa, Malcomune, permette al Pokémon di indicare un avversario e di creare un legame tra loro due, per effetto del quale, parte dei danni subiti dal Pokémon vengono inflitti all’avversario. Meno PS rimangono a Trevenant, maggiore è la percentuale di danni inflitti. Inoltre, se la percentuale di PS rimanenti è inferiore rispetto a quella dell’avversario, il Pokémon può infliggergli danni continui e recupera PS.

Tuttavia, se ci si allontana troppo dall’avversario, il legame svanisce. Dopo aver usato questa mossa, la velocità di movimento del Pokémon aumenta per un po’ e, se la mossa viene potenziata, aumenta il tempo necessario prima che il legame svanisca automaticamente.

La mossa Unite

Gli avversari saranno colpiti da una maledizione dalla quale non riusciranno a liberarsi grazie alla mossa Unite che Trevenant impara al L. 9, Spettroforesta Oscura. Grazie a questa mossa, il Pokémon crea una foresta maledetta che infligge danni agli avversari nell’area d’effetto, li lancia in aria e ne riduce la velocità di movimento per un po’. Se la tecnica va a segno colpendo un avversario, per un po’ tutti i Pokémon della squadra alleata gli infliggono danni addizionali con i loro attacchi base. Se questa mossa Unite colpisce un Pokémon della squadra avversaria, Trevenant viene protetto da uno scudo; più sono gli avversari colpiti dalla mossa, maggiore è l’effetto protettivo. Finché lo scudo è attivo, gli effetti che fanno recuperare PS al Pokémon sono più efficaci.

Trevenant non vede l’ora di mettere radici nella squadra di tutti gli Allenatori, per ottenere la licenza Unite di Trevenant  basta visitare il negozio dell’Associazione Lotta Unite!

Torino Comics: aperte le iscrizioni per i tornei di HS, Pokémon e TFT

Torino Comics: aperte le iscrizioni per i tornei di HS, Pokémon e TFT

Profilo di Stak
 WhatsApp

Segnaliamo a tutti i giocatori interessati che il prossimo weekend vi saranno almeno 3 tornei esports nel corso del celebre evento Torino Comics 2022.

I titoli scelti per le attività, come avevamo accennato anche in precedenza, sono Pokémon, Teamfight Tacticts e la parte Battlegrounds di Hearthstone. Tutti e tre i tornei si svolgeranno interamente in live, in diretta dal palco principale del padiglione destinato all’area esports.

L’iscrizione è totalmente gratuita, anche se per poter partecipare a questi tornei bisognerà fattivamente entrare in fiera con regolare biglietto.

Il primo torneo si svolgerà Venerdì 10 Giugno, e vedrà protagonisti i giocatori dell’autochess di Riot. Sabato 11 toccherà al torneo a team di Pokémon, mentre Domenica lo show si concluderà con il torneo 1Vs1 giocato nella Battaglia di Hearthstone.

In palio per i partecipanti dei premi/componenti messi a disposizione dai partner tecnici dell’evento, Yenkee e RioTORO, oltre ovviamente ad HP. Tutti i giocatori, a prescindere dal loro piazzamento, riceveranno comunque un gadget extra come premio di consolazione.

Per quanto riguarda le iscrizioni, questi sono i link dai quali vi potrete iscrivere:

Info e dettagli: clicca qui

Non perdete tempo però, perché i posti sono limitatissimi!

Torino Comics: al via tre tornei esports che si concluderanno in FIERA!

Torino Comics: al via tre tornei esports che si concluderanno in FIERA!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Presto al via ben 3 tornei qualifier che serviranno a sancire i partecipanti per le finalissime del Torino Comics!

Il prossimo 10, 11 e 12 Giugno, in diretta da Torino Fiere, si svolgerà una nuova edizione del Torino Comics, all’interno del quale sarà ampiamente rappresentata anche la scena esports. Saranno in totale tre gli eventi che impegneranno la community di tutta Italia, per altrettanti amati titoli online.

Ci sarà infatti l’evento dedicato a TeamfightTactics, al quale si potranno iscrivere un massimo di 64 partecipanti; a questo si aggiungeranno anche un torneo di Hearthstone Battlegrounds (anche questo con massimo 64 giocatori), ed uno di Pokémon Unite.

L’evento dedicato a Pokémon Unite, sarà un torneo a squadre, al quale potranno partecipare un massimo di 16 team.

Tutta la manifestazione sarà patrocinata da LEGA ESPORT, mentre i partner RIOTORO e YENKEE metteranno in palio i loro prodotti hardware come premi per le competizioni.

Ovviamente sarà obbligatoria la tessera LEGA ESPORT, ma nei prossimi giorni andremo ad approfondire la questione per gli eventuali interessati.

Non appena saranno disponibili, pubblicheremo nuovi e più approfonditi dettagli sulla fase online di questi tornei. Restate sintonizzati con noi per saperne di più! 

Desideri avere maggiori informazioni sul Torino Comics? Ecco il link diretto per la pagina ufficiale.

Campionati italiani di Pokémon: come sono andate le sfide!

Campionati italiani di Pokémon: come sono andate le sfide!

Profilo di Stak
 WhatsApp

I campioni italiani di Pokémon

Dopo il successo che sta avendo il mondo del gaming e degli esport chissà che in futuro questi eventi non trovino maggior interesse anche su siti di scommesse come LeoVegas, diventando materia di betting. Nel weekend del 24 Aprile si è svolto uno dei tornei più importanti per quanto riguarda il mondo dei Pokémon con molti italiani che si sono distinti con buoni risultati.

La storia dei Pokémon

I Pokémon sono un media franchise giapponese nato nel 1996 grazie alla creatività di Satoshi Tajiri. In questo mondo fantastico vivono delle creature immaginarie che possono essere catturate dagli esseri umani, che hanno la possibilità di allenarli, farli crescere e combattere tra di loro.

Da questa idea sono stati sviluppati videogiochi, soprattutto per Game Boy, carte collezionabili, giochi da tavolo, action figure e il cartone, che ha avuto successo in tutto il mondo, diventando uno dei programmi preferiti per milioni di bambini.

Con lo sviluppo della tecnologia internet è stata creata l’applicazione di Pokémon Go che è ben presto diventata una delle più scaricate. Praticamente ogni utente si può trasformare in allenatore, andando in giro per la propria città alla ricerca di Pokémon da catturare o allenatori da sfidare, in modo da ottenere il possesso di una determinata palestra. Il tutto è stato possibile dall’evoluzione della realtà virtuale, in modo da far convivere l’idea del gioco con l’ambiente circostante.

Anche le sfide tra allenatori attraverso proprio questa applicazione sono diventate sempre più affascinanti, offrendo una nuova opzione oltre alle sfide con le carte collezionabili o giocate ai videogiochi. Per celebrare il mondo dei Pokémon vengono organizzati vari tornei che anno dopo anno riescono a coinvolgere un numero sempre maggiore di appassionati, per una moda che dura ormai da più di 25 anni. Il successo di questo prodotto non intende esaurirsi nel tempo, grazie alla creazione di nuovi personaggi da far sfidare anche con i Pokémon della prima generazione.Senza dubbio però uno dei preferiti è Pikachu,protagonista del cartone insieme al suo fedele allenatore Ash.

Buon bilancio per gli italiani agli Europei

Francesca Zaio ha perso la finale contro Alexander, non riuscendo a trionfare nella categoria Juniors. La giovane a fine incontro ha commentato così la sua prestazione. “ Mi sono divertita tantissimo, anche se il mio avversario è riuscito a battermi. Ho avuto fiducia nei miei Pokemon, ho provato anche a improvvisare, ma è stato più bravo di me”.

Secondo posto anche nella categoria Seniors con Alessandro Marchione (16 anni) che è stato sconfitto dall’austriaco Nicholas K.

Mi sono allenato tanto giocando in maniera competitiva negli ultimi 4 anni. Ho giocato un Pokémon abbastanza inusuale, ma avevo fiducia nonostante qualche possibile alti e bassi, ma questa scelta mi ha fatto divertire. Forse potevo giocare meglio la finale, ma rimango comunque soddisfatto della mia prestazione a questo torneo. Tornare a fare tornei, in più con il pubblico dopo due anni è sicuramente molto bello

Entrambi i ragazzi possono essere comunque soddisfatti dato che possono vantare il titolo di vice campioni europei di Pokemon Spada e Scudo, considerando che per entrambi è stato il primo evento dal vivo.

A luglio ci saranno i Mondiali in Inghilterra con molti atleti italiani che saranno pronti a darsi battaglia con l’obiettivo di riconfermarsi e portare in alto il tricolore.

Il successo di Leonardo Bonanomi

Nell’ottobre del 2021 il 26enne Leonardo Bonanomi ha vinto la Pokémon Global Exhibition, torneo organizzato per celebrare i 25 anni di questa storia, ha sconfitto in finale per 2 a 0 il coreano Wonseok Jung. Per riuscire a laurearsi campione ha scelto di affidarsi a Charizard, Venusaur, Umbreon, Groudon, Incineroroar e Regieleki.

Dopo essersi classificato 50esimo ai Mondiali questa è stata una grande soddisfazione per il giocatore italiano.

L’allenatore nelle interviste rilasciate ha evidenziato tutto il suo orgoglio per questo traguardo, facendo intendere che anche nel futuro è pronto per affrontare nuovi tornei, coltivando il sogno di vincere altri titoli prestigiosi sia a livello nazionale che internazionale.