Uno sguardo più ravvicinato alla nuova mappa di Overwatch: Chateau Guillard!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Conosciamo tutti la cura nel dettaglio che Blizzard mette in tutto ciò che fa, e uno degli esempi più lampanti è lo stupendo lavoro che fa con la narrazione silenziosa presente nelle mappe di Overwatch.
Queste mappe non sono soltanto costruite per essere più divertenti variegate e bilanciate possibile, ma contengono anche informazioni sulla storia del mondo di gioco e dei suoi protagonisti, la cosiddetta lore.

La nuova mappa destinata alla modalità deathmatch non fa eccezione: Chateau Guillard, casa ancestrale di Amélie Lacroix, aka Widowmaker, ci racconta di lei, della sua famiglia, del suo passato e del suo presente.
Situato su un isolotto in mezzo ad un lago di Annecy, in Francia, conosciuta anche come la Venezia delle Alpi, 25 miglia a sud di Ginevra. Non troppo lontano dal QG di Overwatch, quindi.

Precedentemente posseduta dalla famiglia Guillard, influente famiglia francese, fu poi abbandonata una volta che il potere della famiglia era scemato a causa della Rivoluzione.
Successivamente l’immobile passò nelle mani di Widowmaker.

La fonte di ispirazione per questa mappa è senza ombra di dubbio Chateau de Duingt, situato proprio in mezzo al lago di Annecy, e dalle immagini possiamo vedere come i due Chateau si somiglino anche esteticamente.

Nel cortile con il jump pad troviamo una statua dal gusto classico, che dalla mela che regge in mano potrebbe raffigurare Eris, dea della discordia, che diede inizio alla guerra di Troia. Entrando nello studio assistiamo ad uno scorcio della vita presente di Widowmaker: vediamo il pc acceso e il suo fucile appoggiato vicino alla scrivania. Sul monitor leggiamo una e-mail relativa ad un tragitto da compiere fino a Monaco, e poco lontano troviamo una carta d’imbarco con la stessa destinazione. Conosciamo tutti gli eventi dell’ultimo comic rilasciato, vero?

Notiamo anche fascicoli contenenti files dei suoi compagni di Talon, e sulla libreria, una foto del suo matrimonio, la stessa dello spray rilasciato durante Uprising.

Muovendoci attraverso la mappa notiamo come da uno stato di decadenza in alcune zone troviamo segni di un tentativo di ristrutturazione, come secchi di vernice e rulli.

Spostandoci al piano di sotto troviamo quelle che probabilmente erano le cantine della magione. Essendo la zona una luogo di produzione vinicola, si può immaginare che anche la famiglia di Widowmaker abbia avuto i propri vigneti.

Il piano superiore è invece inaccessibile, mentre nel salone troviamo lo stemma di famiglia di Widow, sormontato da una corona, il che indicava lo stato di conte. Tra l’altro lo stemma presenta gli stessi colori della skin Comtesse. Fuori da una delle finestre notiamo un ragno appeso ad un suo filo, chiaro riferimento a cosa sia diventata oggi la nostra assassina.

Blizzard scava sempre di più nel passato e indirettamente nella psiche di questo personaggio: dove ci condurrà questa esplorazione?

Fonti: Overwatch wiki
Hammeh – Overwatch


Uno sguardo più ravvicinato alla nuova mappa di Overwatch: Chateau Guillard!
Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701