Un bug sta continuando a penalizzare chi lascia le partite di Overwatch, anche se in modalità “sicura”!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Segnaliamo a tutta la nostra community che un nuovo bug potrebbe causare non pochi problemi ai giocatori che “abbandonano” una sfida, anche se lo faranno in modo “safe“.

Come molti di voi sapranno, su Overwatch è presente una funzione che limita i danni in caso di imprevisto abbandono del party da parte di uno o più membri della squadra: capita spesso che il sesto uomo del nostro team lasci inspiegabilmente il gioco, costringendo tutto il team a giocare in inferiorità numerica e condannandolo a sconfitta quasi certa.

Giocare con un player in meno su Overwatch è infatti molto svantaggioso, e nella stragrande maggioranza dei casi costringe l’incolpevole team che ha subito questa imprevista defezione a perdere la sfida con conseguente perdita di preziosi punti competitivi, un vero e proprio nerf che i giocatori non possono prevedere, e contro cui non possono fare nulla.
Per andare incontro alle necessità dei giocatori rimasti in sfida in inferiorità numerica, è stato quindi deciso di rendere disponibile una finestra di tempo successiva al primo abbandono entro il quale anche gli altri giocatori del team possono ritirarsi dalla partita, pur senza perdere alcun punto e senza ricevere alcuna penalità.

Pare però che il sistema abbia smesso di funzionare, e nelle ultime ore si sono sommate le segnalazioni da parte degli utenti che hanno affermato di aver subito delle penalità, pur avendo abbandonato la partita nella finestra di tempo ufficiale successiva all’uscita dalla partita del primo “leavers“.

La questione non è del tutto nuova a dire il vero, dato che in passato abbiamo già assistito a segnalazioni di questo tipo, ma sembra che per il momento non vi siano importanti aggiornamenti da parte di Blizzard da condividere con la community.
Non ci resta altro da fare che attendere un nuovo intervento dei devs, e fin quando questo non sarà operativo, magari evitare di lasciare le partite anche quando è il gioco stesso a dirci di farlo in totale sicurezza.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.