Sombra su Atlas News: online un altro misterioso articolo di Overwatch!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Aggiornamento 1 Novembre: è disponibile la news in italiano.

Una nuova interessantissima notizia è stata da poco pubblicata da Blizzard: questa volta protagonista è la multinazionale messicana Lumérico che, secondo le ultime informazioni pubblicate e diffuse in tutto il mondo da Sombra, vede il suo CEO Guillermo Portero sotto il fuoco mediatico perché avrebbe corrotto le amministrazioni pubbliche ed avrebbe utilizzato i fondi della Lumérico per scopi personali.
Portero, ovviamente, respinge con forza tutte le accuse, specialmente ora che il gruppo energetico messicano stava instaurando una profonda unità d’intenti con gli Indiani della mega-corporazione Vishkar.
Attendendo nuove informazioni, riportiamo che nell’edizione de La Voz De Dorado viene anche annunciata una profonda discesa in campo in merito alla questione da parte dei Los Muertos che promettono battaglia se non vi saranno le immediate dimissioni ed il conseguente arresto di Portero.

LumericoBlog-AltlasNewsHeader_OW_JP.png

EL DORADO, MESSICO – La LumériCo è stata coinvolta in uno scandalo per via di alcuni documenti portati alla luce da un collettivo di pirati informatici noto come “Sombra”. I documenti sembrano essere stati ottenuti attraverso le recenti violazioni del network interno del colosso energetico. Benché la LumériCo e le autorità messicane considerino queste intrusioni come atti criminali, il collettivo Sombra ha dichiarato di agire “solo nell’interesse pubblico”.

Al momento, l’enorme mole di dati è al vaglio degli inquirenti, ma sono già state formulate delle accuse, principalmente ai danni del presidente della LumériCo, Guillermo Portero. Secondo la documentazione, Portero avrebbe usato i fondi della compagnia a scopo personale e pagato tangenti a pubblici ufficiali per creare un ecosistema favorevole alla LumériCo. Infine, avrebbe proposto un progetto che gli avrebbe garantito la proprietà di terreni in seguito a espropri governativi, per espandere le strutture della LumériCo in tutto il Messico.

LumericoLogo-v01_OW_JP.jpg

Inoltre, alcune conversazioni via e-mail hanno rivelato il tentativo di esportare il sistema energetico brevettato dalla LumériCo negli impianti della Vishkar di tutto il mondo. La stessa Vishkar è sotto indagine per il suo modus operandi, in particolare dopo la presentazione di alcuni progetti edili da attuare a Rio de Janeiro. Dati gli ingenti fondi che il governo messicano ha messo a disposizione della LumériCo, creando di fatto una compartecipazione statale, la relazione con la Vishkar risulta quanto mai compromettente.

Portero ha negato vigorosamente le accuse. “È assurdo credere a dei documenti dichiaratamente provenienti da una fonte criminale. Sono contraffatti e assolutamente non comprovabili. Ho dedicato la mia vita al mio paese, la mia casa, e ho agito nella più totale legalità. Sono sicuro che il mio nome e la reputazione della LumériCo ne usciranno puliti, che queste accuse senza fondamento verranno smentite e che i criminali che hanno ripetutamente violato le nostre leggi verranno assicurati alla giustizia.”

Nel frattempo, i Los Muertos, che hanno recentemente dichiarato il loro fermo supporto a Sombra, hanno risposto alle rivelazioni del collettivo chiedendo le dimissioni e l’immediato arresto di Portero e dei suoi complici, la chiusura delle centrali energetiche sotto indagine e il risarcimento dei cittadini colpiti dalla politica aziendale della LumériCo. I Los Muertos stanno organizzando una protesta in concomitanza con l’inaugurazione della centrale nucleare di El Dorado, il 1° novembre


Sombra su Atlas News: online un altro misterioso articolo di Overwatch!
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701