Robert Kraft, proprietario dei Boston Uprising, rischia l’incarcerazione

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Sebbene il team dei Boston Uprising si stia comportando abbastanza bene in questo inizio di stagione della Overwatch League, infatti la squadra tiene testa ad avversari agguerriti, i problemi sembrano provenire dall’alto. Sembra infatti che il presidente della squadra, nonché proprietario dei New England Patriots, vincitori tra l’altro dell’ultimo Super Bawl, sia stato coinvolto in un caso di sfruttamento della prostituzione.

Sebbene sia dichiaratamente filantropo, donando molti fondi ad enti universitari sponsorizzando la ricerca, il suo buon nome potrebbe essere infangato da un’accusa terribile, che, se fosse verificata, lo metterebbe su tutt’altro piano. Lo scorso venerdì è stato infatti messo nella lista degli indagati, assieme a oltre due dozzine di persone, in connessione con un’indagine lunga quasi un anno sul traffico di esseri umani in tutto il sud della Florida.

Il ricco settantasettenne ha compiuto delle visite sospette in un centro termale di Jupiter, lo Orchids of Asia Day Spa, nel quale le massaggiatrici svolgevano attività che andavano oltre il proprio lavoro. La polizia ha rivelato alla stampa che i salotti venivano usati per la prostituzione e che molte delle donne coinvolte sono da considerare vittime.

Kraft ha svolto un ruolo importante nel lancio della Overwatch League poiché il suo buy-in nella famosa lega esports ha aiutato a convincere anche molti altri milionari ad investire nel progetto di Activision Blizzard e nel formare così nuovi team. Questo scandalo è, per ora, confinato alla sua sola persona ma non può che mettere indirettamente in cattiva luce anche le sue società.

Auspicando si riveli essere un grosso malinteso speriamo che i Boston Uprising non risentano di questo evento e continuino a giocare nel migliore dei modi.

Tommaso "Tom Garland" Franchin

Classe 1989 sono un viaggiatore, videomaker, videogiocatore e scrittore per passione. Laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all'Università di Padova tento di inseguire il mio sogno di lavorare per l'arte, visiva o poetica che sia.