Perchè Doomfist è così forte nel meta attuale? Lo spiega Seagull!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Sappiamo tutti come il meta in un gioco competitivo online sia una cosa molto delicata, il cui equilibrio può variare inaspettatamente per le ragioni più disparate. Questo è esattamente ciò che ha reso Doomfist uno degli eroi più importanti al momento, nonostante durante la scorsa season dell’Overwatch League sia stato quasi del tutto ignorato dai vari team, fatta eccezione per situazioni molto specifiche. Il tutto senza che da allora Doomfist abbia subito grandi sconvolgimenti al suo kit o altro. Semplicemente una serie di altri fattori si è allineata e ha contribuito allo sviluppo della situazione attuale.

Il buon Brandon “Seagull” Larned, ex Dallas Fuel e streamer, spiega in breve durante una sua live su Twitch quali siano questi fattori: il tutto ha inizio dal decadimento della dive comp, quando mano a mano le composition hanno iniziato a diventare più statiche. Si passa da Genji-Tracer a Widowmaker-Tracer, poi col rilascio di Brigitte si arriva alle comp più pesanti, composte praticamente dall’eroina svedese, da Lucio e altri due o tre tank.

“Cosa fa Doomfist? Ti sbatte a terra e ottiene un miliardo di HP ogni volta che colpisce qualcosa, quindi può concatenare CC sui tank e non morire, e può inoltre oneshottare i support”.

Infatti la forza di Doomfist sta nella sua grande capacità di contrastare i tank, bersagli statici e pesanti che crollano sotto i suoi colpi concatenati, non avendo abbastanza danni per contrastare i suoi scudi. Durante il periodo in cui era la dive comp a farla da padrone, l’eroe non ha potuto trovare spazio nel meta, ma ora sembra la risposta più adeguata alla situazione attuale.

Correlato: Guida introduttiva a Doomfist

Riuscirà da solo Doomfist a distruggere lo strapotere della deathball comp? Come evolverà il meta in futuro? Prima della nuova stagione dell’ Overwatch League passerà ancora un po’ di tempo, ma i playoff della Overwatch World Cup saranno di certo un ottimo banco di prova.

Tra dieci giorni si affronteranno infatti al Blizzcon gli 8 team nazionali che hanno superato la fase a gironi: Francia, Canada, Cina, Finlandia, USA, UK, Corea del Sud e Australia si affronteranno all’evento Blizzard più importante dell’anno, magari plasmando un nuovo meta.


Perchè Doomfist è così forte nel meta attuale? Lo spiega Seagull!
Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701