OWL: Spitfire e Gladiators conquistano un 4-0; i NYXL terminano a sorpresa in mappa 5

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Gli Eternal conquistano il terreno dei Defiant, male Uprising e Fuel, sorprendenti gli Outlaws!

La serata di ieri della Overwatch League ci ha regalato diverse sorprese e anche qualche risultato atteso: i Gladiators si risollevano dalla prestazione mediocre del primo Stage ed anche gli Outlaws, nonostante la sconfitta, dimostrano di poter avere delle chances, a differenza di quanto visto finora. Ecco come sono andati i match di stanotte.

Paris Eternal 3 – Toronto Defiant 1

Gli Eternal riescono a ribaltare un match partito male contro i canadesi, che iniziano conquistando con relativa facilità la prima mappa, Ilios, per 2-0.
Il team francese, però, non si lascia distrarre ed assesta diversi colpi decisivi all’attacco dei Defiant su Parigi, nella quale il team di Toronto non riesce nemmeno a conquistare un misero punto percentuale del primo Control Point.
La ripresa su Hollywood è caotica e poco organizzata da entrambi i lati: molti eroi cadono in ogni battaglia, ma al termine dello scontro sono ancora una volta gli Eternal a trionfare per 2-1.

L’ultima sfida si tiene su Havana, ma nonostante i Defiant le tentino tutte per arrestare la potenza francese a nulla valgono i loro sforzi: gli Eternal portano a casa mappa e vittoria sul 3-2.
Parte del merito va all’MVP Greyy, che si distingue come miglior support in campo per entrambi i team. La sua padrona za di diversi eroi importantissimi nel meta attuale è fondamentale per la vittoria degli Eternal.

Boston Uprising 0 – London Spitfire 4

Gli Uprising vengono masticati e digeriti dalla potentissima formazione inglese, che comincia il match alla grande su Oasis. I player che rappresentano il Massachussetts le tentano tutte per arrestare gli Spitfire, che procedono come dei treni conquistando un sonoro 2-0 sulla prima mappa ed un distruttivo 1-0 su quella seguente, Horizon.

Su Eichenwalde gli Uprising cercano di portare sul campo di battaglia della verve ma con scarsi risultati: solo il CP viene sbloccato, ed il carico non raggiunge nemmeno i portoni. Con la partita già vinta, i londinesi si dirigono verso la chiusura del match con meritata spavalderia: anche Dorado si chiude sul 2-1 come la mappa precedente, coronando MVP il fortissimo Gesture, main tank che ormai tutti gli amanti di Overwatch riconoscono come uno dei più prestanti della League.

Le ultime due sfide protagoniste di questa seconda giornata sono state profondamente diverse tra loro: nella terza partita del giorno, tra New York e Houston, abbiamo assistito alla vittoria al foto finish per gli Excelsior mentre nel quarto ed ultimo match i Gladiators hanno semplicemente “polverizzato” i Fuel, sconfiggendoli con un pesante 4-0.

Per New York è una vittoria fondamentale che tuttavia testimonia due precise situazioni: i Newyorkesi sono meno “imbattibili” del solito, e Houston non è sicuramente più la squadra che nello stage 2 ha perso 7 partite di seguito.
Lo Stage 3 sarà fondamentale per entrambe e sarà interessante vedere come entrambe proseguiranno fino ai prossimi playoff, i penultimi della stagione 2019.

Per i Gladiators invece è stata una vera e propria passeggiata, colpa anche dei Fuel che non sono mai riusciti ad impensierire seriamente i viola di Los Angeles, troppo forti ed in stato di perfetta forma ormai da moltissime settimane (nello stage 3 i Gladiators hanno perso solo una partita, l’ultima del loro 2019).

Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli [email protected]_ su Twitter.